di Francesca Pace 8 Maggio 2020

in collaborazione con il progetto “L’Europa firma i prodotti dei suoi territori

Gli gnocchi di ricotta con asparagi di Aletdo IGP, salsiccia e pomodorini gialli sono un primo piatto molto saporito e gustoso. Perfetto in primavera quando gli asparagi danno il meglio di sé.

È sicuramente una ricetta scenografica, ma vi possiamo assicurare che è decisamente semplice da fare.

Gli gnocchi di ricotta sono facilissimi da fare e se non li avete mai provati sappiate che sono molto più veloci di quelli con le patate. In pochissimi minuti li avrete pronti da cuocere.

Si amalgamano benissimo con il condimento di asparagi che diventa cremoso grazie alla presenza del formaggio.

Per questa ricetta vi consigliamo di usare l’Asparago Verde di Altedo IGP. Si riconosce perché si presenta con turioni ben formati e ha un aspetto fresco, sano, pulito e privo di odori o sapori estranei e al gusto è tenero, delicato e privo di fibrosità, quindi si presta benissimo ad essere ridotto in crema, ma vediamo di scoprire qualcosa di più di quest’ortaggio tanto prezioso.

Gnocchi di ricotta asparagi altedo e salsiccia

Caratteristiche

Asparagi di Altedo

L’Asparago Verde di Altedo IGP si presenta con turioni ben formati e dall’apice ben serrato, talvolta lievemente incurvato. L’aspetto è fresco, sano, pulito e privo di odori o sapori estranei. Al gusto è tenero, delicato e privo di fibrosità.
Ha ottenuto la certificazione IGP nel 2003.

Storia

Asparagi altedo mazzo

Gli asparagi sono il primo germoglio di una pianta originaria del continente asiatico, ma presente in Italia da moltissimo tempo poiché nei nostri boschi ne troviamo di varietà selvatiche e spontanee. Le piante di asparago spontanee sono verdi, sottili e molto saporiti. Le varietà coltivate erano note già al tempo degli egiziani, ma anche dei greci e degli antichi romani.
Al tempo dell’antica Roma, gli asparagi della zona di Ferrara e Bologna erano considerati una prelibatezza molto pregiata, tant’è che venivano inviati alla capitale avvolti in una carta speciale per mantenerli freschi.
Gli asparagi di Altedo attuali derivano da queste vecchie piante.

Territorio

L’Asparago Verde di Altedo IGP può essere prodotto solamente in alcuni comuni della Provincia di Bologna e di Ferrara.

Produzione

asparago di Altedo

L’asparago verde di Altedo IGP cresce e viene coltivato solamente in terra sabbiosa o franco sabbiosa e argillosa. Il terreno deve essere correttamente preparato per impiantare le piante con una profondità di minimo 40 centimetro e massimo 60 centimetri.
I terreni inoltre devono essere drenati correttamente per evitare i ristagni di acqua. Saranno creati dei solchi per la messa a terra delle piantine e dovranno avere una profondità di 25-35 cm, su file a distanza minima di 1 metro. Dopo due anni dall’impianto si procede alla raccolta dei turioni (germogli carnosi) che può durare da 15 a 65 giorni, a seconda dell’anzianità della coltivazione, ma ad ogni modo non si protrae oltre il 20 giugno. Dopo la raccolta, gli asparagi sono trasportati al centro di lavorazione, dove vengono raffreddati per rallentare il processo di deterioramento.

Stagionalità

L’Asparago Verde di Altedo IGP si può consumare nel periodo che va da aprile a giugno e gode di tutte le specificità di un prodotto di qualità.

Nutrizione

Alessandra Bordoni del centro Ricerche per la Nutrizione dell’Università di Bologna afferma che l’asparago rispetto agli altri ortaggi è tra i più ricchi di fibra ed ha quantità di grassi, proteine e zuccheri molto ridotte, mentre è particolarmente ricco di minerali essenziali come il calcio, il fosforo, il magnesio e il potassio. Da evidenziare anche l’alto contenuto di antiossidanti e di vitamina A, nonché B6, C e acido folico. L’asparago aiuta a rendere il sangue più fluido, è uno stimolante intestinale ed ha notevoli proprietà diuretiche.

Consigli

L’Asparago Verde di Altedo IGP è un alimento facilmente deperibile e per questo deve essere conservato a basse temperature e comunque consumato in un breve arco di tempo dopo l’acquisto. E’ un ortaggio che gode di ottima reputazione in tutti i mercati ortofrutticoli e viene tradizionalmente utilizzato in preparazioni gastronomiche locali e regionali. Si consuma lessato, con l’aggiunta di olio e sale, gratinato oppure come ingrediente per la preparazione di minestre, zuppe, risotti, frittate. Tra i secondi sono celebri i piatti a base di uova e pesce, come lo “sformato di asparagi in salsa di gamberetti” e la “coda di rospo (rana pescatrice) in soutè di vongole veraci su letto di puntarelle di Asparago Verde di Altedo IGP”. La cottura a vapore è quella che permette di ridurre al minimo la perdita di elementi nutritivi mantenendo inalterato l’aroma. Infine, il prodotto viene impiegato anche per la preparazione di dolci e gelati.

Gnocchi di ricotta asparagi e salsiccia ricetta

Durata

Tempo di preparazione: 20  minuti

Tempo di cottura: 20 minuti

Tempo totale: 40 minuti

Dosi per

4 persone

Ingredienti

Per gli gnocchi

  • 500 g Ricotta vaccina
  • 2 Uova medie
  • 300 g Farina 00  + q.b per lavorare l’impasto
  • 120 g Grana Padano grattugiato
  • Sale fino

Per il condimento

  • 500 g di Asparagi
  • 2 Salsicce
  • 50 g di Formaggio caprino
  • 6 Pomodorini gialli
  • 1 cucchiaio Grana
  • Olio evo
  • Sale
  • Pepe

Preparazione

Per preparare la ricetta degli gnocchi di ricotta con asparago d’Altedo IGP, salsiccia e pomodorini gialli, per prima cosa dedicatevi alla realizzazione degli gnocchi, mescolate gli ingredienti e formate un impasto.

Dividetelo in quattro, fate dei rotolini, tagliateli a tocchetti, dai quali otterrete gli gnocchi che righerete con una forchetta o con un rigagnocchi.

Metteteli su un canovaccio pulito quindi ora preparate il condimento.

In un padella con un filo di olio mettete le due salsicce sbriciolate e alle quali avrete tolto il budello.

Fatele rosolare quindi alzatele senza togliere il grasso. Nella stessa padella mettete gli asparagi d’Altedo IGP, puliti e tagliati a pezzetti. Fateli cuocere con un mestolo di acqua calda.

Quando saranno morbidi e l’acqua si sarà asciugata, aggiungete anche i pomodorini. Salate e pepate se vi piace.

Frullate 3 quarti degli asparagi con il formaggio caprino.

Rimettete la crema in padella, cuocete gli gnocchi in abbondante acqua salata e quando saranno saliti a galla trasferiteli nel condimento.

Spadellate e aggiungete il grana. Servite caldo.

Gnocchi di ricotta asparagi IGP e salsiccia