Bologna: foto, menu e prezzi del Fourghetti di Bruno Barbieri

E insomma, non volete sapere anche voi com’è fatto il ristorante di uno che ha tutto: soldi, fama e capacità indiscusse?

Non siete curiosi di vedere da vicino Forghetti, il ristorante bolognese di Bruno Barbieri che da ieri ha preso il posto della gloriosa Antica Trattoria dello Sterlino di Via Murri?

Non vi state chiedendo cos’ha scelto il giudice di Masterchef per questa nuova avventura casalinga, com’è fatta la cucina, cosa c’è nel menu, com’è organizzata la brigata, come ha lavorato l’architetto, quanto costa mangiare in questo benedetto Fourghetti, e magari dormirci visto che il locale è anche una piccola locanda?

Calma curiosoni, un momento e vi diciamo tutto, voce per voce.

MENU

bruno barbieri e la brigata di cucina

Come impone il mantra dello chef star dallo sguardo internazionale la cucina “attinge dalla tradizione per guardare al futuro”. Alcuni piatti del menu: «bon bon di agnello con ricotta di pecora alla menta, melanzane stufate e salsa di harissa», «tagliatelle alla bolognese del giorno dopo», «tortellini lasciati a morire nel brodo», «lasagna in un cartoccio croccante con la fonduta di parmigiano».

Ma Barbieri rifugge l’etichetta di posto “fighetto” e precisa: “Le pietanze verranno servite in ciotole decorate con mosche e altri insetti, e io da piccolo ero soprannominato bruco”.

STAFF

fourghetti, brigata di cucinafourghetti, cassa

Come abbiamo ricordato, nella composita brigata di cucina c’è anche Maradona Youssef, il concorrente libanese che ha partecipato alla più recente edizione di Masterchef.

Il ruolo di sous-chef della brigata, quello di maggiore responsabilità quando Barbieri non sarà a Bologna (eventualità che potrebbe capitare spesso), è appannaggio di Daniele Simonetti, lo chef-patissier è Erik Lavacchielli. Immancabile nei locali a gestione Barbieri la sfoglina Carla Cavina, cui è affidato il mattarello.

POSTO

Bruno BarbieriFourghetti, esterno

Uno spazio che l’architetto Davide Fabio Colaci ha voluto aperto ma interrotto da diverse zone private e anche da un autentico privé. Il ristorante vero e proprio dispone di settanta coperti, altri trenta sono all’aperto, serviti dalla cucina a vista.

L’orario d’apertura è ampio e insolito per Bologna, del resto l’idea che Fourghetti vuole trasmettere è quella di una casa sempre aperta. Come la cucina: fino alle 15 a pranzo e fino alle 22 a cena

ARREDO

Bar BieriFourghetti, internoFourghetti, interno

Niente tende, dall’interno si sbircia il passeggio di via Murri. L’arredamento vero e proprio mescola modernariato e qualche pezzo di design con elementi vintage. Gli specchi disseminati ovunque aumentano la sensazione di trovarsi in una sorta di labirinto per voyeur, aiutano a non perdersi le frequenti finestre con vista sul cortile.

La vera attrazione della festa è lo sterminato bancone del Bar Bieri, le dimensioni macro dipendono dall’impiego. Barman a parte, dietro il bancone armeggiano gli chef che saranno a contatto diretto con i clienti durante la preparazione dei piatti.

LOCANDA

fourghetti, esternoFourghetti, locanda

Fourghetti avrà anche quattro stanze più una suite con le opere di Giulio Vesprini per chi desidera fermarsi la notte.

Una locanda piccola ma raffinata alloggiata al primo piano, a cui si accede da un ingresso indipendente e senza obbligo di cenare nel locale.

FUTURO

Vissani, Barbieri, Fourghettibarbieri, bastianich, fourghetti

Silvia Belluzzi, imprenditrice bolognese socia di Barbieri, conferma che dal 2017 ci sarà anche un Fourghetti Miami, la tappa successiva dovrebbe essere Hong Kong. “E poi, forse, altre città ancora”.

PREZZI

Fourghetti, bar

Mettete in preventivo di spendere 60/70 euro per un pasto completo al netto dei vini.

[Crediti | Link: Dissapore, Il Resto del Carlino, immagini: Repubblica, Il Resto del Carlino, Valeria Ssotti]

Prisca Sacchetti

25 giugno 2016

commenti (3)

Accedi / Registrati e lascia un commento

  1. Silvia ha detto:

    Salve,
    sono una bolognese doc e vorrei solo fare un piccolissimo appuntino al bell’articolo soprastante.
    Ho letto: “L’orario d’apertura è ampio e insolito per Bologna, … Come la cucina: fino alle 15 a pranzo e fino alle 22 a cena”. Volevo sottolineare che ciò non è vero, in quanto quanto a Bologna siamo abituati a trovare i ristoranti (ormai pochi ma ce ne sono ancora), aperti anche alle 3:00 di notte dove mangiarci una bella gramigna panna e salsiccia innaffiata da buon vino (ecco il perchè del termine “biascianot”, ossia mastica notte, derivante dalle vecchie osterie che chiudevano solo un’ora per pulire le sale 🙂 ).
    Saluti

  2. Roby ha detto:

    Sono interessato a investire per l’apertura ad hong kong!
    A chi posso rivolgermi?

«