absorbplate

Absorbplate: il piatto dove mangiare prima della prova costume

Dieta: un valido alleato nella lotta ai chili di troppo?

E’ l’uovo di Colombo, è  l’ovvietà fatta persona, bastava pensarci. Eppure non ci aveva  pensato nessuno. Finora. Ma per fortuna, ci ha pensato la Thailandia. Anzi, ci ha dovuto pensare.

Essendo al secondo posto tra i Paesi del Sud Est asiatico per quanto riguarda il tasso di obesità, il ministero della Salute ha dovuto intervenire con una campagna anti ciccia, il cui fiore all’occhiello, sviluppato dall’azienda BBDO Bangkok, è …un piatto.

Sì, ma un piatto particolare, che riduce, che assorbe le calorie: Absorbplate.

Ben trenta (!) le calorie risparmiate o sottratte ai nostri strati lipidici per ogni portata inserita, e 7 millilitri di olio asciugati. Che poi alla fine è lo stesso principio delle scarpe Geox, la scarpa che respira: il piatto cioè, presenta 500 piccoli forellini che fanno depositare unto, grassi  e condimenti vari sul fondo del piatto stesso, imprigionandoli e sottraendoli al cibo contenuto, visto che le posate lì non possono arrivare.

Grassocci, obesi e paffutelli avranno quindi la soddisfazione di vedere nel  piatto le belle costine di maiale grondanti olio o il pollo alla cacciatora, ma solo una parte delle calorie raggiungeranno il loro stomaco. Le altre rimarranno nel piatto.

Assieme a gran parte del condimento. Cioè al buono del nostro pasto.  Che sì, ora sarà diventato leggero pur continuando ad appagare la vista dei commensali ma…il gusto? Dove lo mettiamo il gusto, il sapore, finito in pancia all’avido piatto invece che nella nostra?

Ma soprattutto, avrà successo questo piatto? Ai posteri l’ardua sentenza. D’altronde, siam in Italia, e se abbiamo inventato le scarpe coi buchi e non i piatti coi buchi, un motivo ci sarà…

[Crediti | Link: Mashable]

Cinzia Alfè Cinzia Alfè

commenti (4)

Accedi / Registrati e lascia un commento

  1. sono curioso di vederlo dopo il passaggio in lavastoviglie

  2. Questo piatto, comunque, soccombe dinanzi alla scarpetta.

  3. Impareranno a far scolare tutto a fine pasto per una deliziosa scarpetta di mezzanotte.
    Così come molti gastroresecati dalla chirurgia bariatrica imparano a mangiare poco e spesso aggirando in parte l’impossibilità fisica di abbuffarsi.
    E’ la vita…