Grado zero

Federica De Denaro (ha fatto più danni Benedetta Parodi…)

Caro lettore di Dissapore, chi vorresti essere oggi? Te lo dico io, oggi sei un autore Tv alle prese con il mezzo flop di Se… a casa di Paola, programma delle 15 condotto da Paola Perego su Rai Uno. Pensa che ti ripensa arriva l’illuminazione: facciamo una bella rubrica di cucina! Esempi cui ispirarti ne hai a bizzeffe, la guerra del cuoco impazza e tutte le reti hanno il loro chef di riferimento. Potresti rubacchiare qualcosa a Maurisa Laurito, che conduce Pasta, Love e Fantasia (Alice). Non sei ridotto tanto male. Forse Luisanna Messeri, che ha recuperato il mangiagatti Beppe Bigazzi per Bischeri & bischerate (sempre Alice). Alziamo il tiro, va, magari Laura Ravaioli, il volto androgino del Gambero Rosso. Oppure uno giovane e carino tipo Simone Rugiati di Io, me e Simone (Gambero Rosso). Ma di scimpanzé che prendono confidenza con gli utensili da cucina se ne sono visti abbastanza. Ci sarebbero i vip internazionali, garbato come l’inglese Jamie Oliver di Jamie at Home (Gambero Rosso) o tutto il contrario, tipo il connazionale Gordon Ramsay, chef dal pessimo carattere noto per il reality Hell’s Kitchen (Skyuno).

Ma poi ti chiedi, perché affaticarsi tanto? Primo, della cucina non te ne può fregar di meno, eppoi sei un autore Rai, e gli autori Rai mica si sbattono tanto. Mettici che tutto il successo ottenuto da Benedetta Parodi punzecchia l’orgoglio aziendale et voilà, problema risolto, la bieca strategia di rilancio di Se… a casa di Paola prevede la clonazione di Cotto e Mangiato (Italia1).

Allora, la (finta) cucina di casa c’è, le ricette per chi non vuole rovinarsi lo smalto anche, i surgelati sono al loro posto come il frullatore — che se gli ingredienti sono assurdi una bella frullata e passa la paura — le tende da casalinga disperata in acido vedrai, saranno la cifra del programma, fin qui tutto perfetto, promettentissimo. Cos’altro possiamo metterci per farne un programma tutto intero? Ci sarebbe da trovare una conduttrice all’altezza, un bel problema!

Ma dopo un duro brainstorming tu, autore Rai, lo risolvi brillantemente in questo modo: Federica De Denaro, giornalista de La Vita in Diretta bisognosa di riciclo. Notorietà inesistente, età indefinibile, aspetto rassicurante, esperienza in cucina? — sticazzi!, scopiazzamenti palesi tipo l’intro “Benvenuti nella mia cucina”, epico slogan finale, FINE. Dieci minuti di registrazione ed ecco la rubrica che ti impenna lo share: Le ricette di Federica.

L’epico slogan finale, si diceva, beh, merita un discorso a parte. Siccome sei un autore Rai, capisci che ogni tanto bisogna affrontare il pericolo in prima persona. Saranno dettagli ma è da cose come queste che traspare la tua maggior classe. Quindi inventi uno slogan. Ma non uno slogan qualsivoglia. No, tu inventi il più brutto slogan della storia umana e disumana. Del resto, hai avuto culo a trovare una conduttrice che di cognome fa De Denaro, perché non approfittarne?

Ed ecco il capolavoro: “In cucina serve poco tempo, passione, fantasia e UN PO’ DE DENARO”.

(Ha fatto più danni la Parodi…).

Poi dice che uno si butta sulla radio.

[Crediti | Link: RaiUno, YouTube]

Login with Facebook:
Login

 

27 commenti a Federica De Denaro (ha fatto più danni Benedetta Parodi…)

    • Amo chi ha scritto questo articolo, non so neanche chi sia….Ma ha colto in pieno, ciò che penso, dalla prima volta che vidi, quei 10 min, con la signorina, che si capisce da come va a fare la spesa, che di cucina non ne capisce molto………Odio quella frase finale, mi mette nervosa. Per me che in casa mia, faccio tutto, cucino anche con il forno a legna, con la famiglia numerosa, a Natale 30 persone. Ne ho fatta di scuola per cucinare bene, dopo 15 anni di matrimonio……Detesto le improvvisazioni…Che dire, come si dice dalle mie parti: Pure li pugge te la tosc……Questa quì cucina come dire ad una persona che non ha mai guidato una macchina, ora smontami tutta la parte elettronica di questa Lotus, e cambiami tutta la mappatura………… Ed io che sono una sconosciuta lo protrei anche fare! ;) Saluti. :D

      • Ma che sei brava!!!
        E per me che non ho mai 30 persone a Natale, non ho il forno a legna, non ho imparato a cucinare così bene, posso per favore avere in tv una rubrica dove una signorina che non conosce bene l’inglese come non lo conosco io, che ha una cucina minuscola come quella della mia casa (in affitto) che ha poco tempo, poca fantasia e soprattutto poco DENARO, dico posso avere una rubrica che mi dia delle idee veloci ed economiche?
        O devo sempre vedere come siete bravi a cucinare cose costosissime, difficili da reperire e complicatissime da realizzare?!?!?!
        Esiste il telecomando: CAMBIATE CANALE!!

  1. Decisamente brutto. Prima di un corso di cucina la signora dovrebbe fare un bel corso di italiano e di dizione. Usa un linguaggio veramente povero.

    • Beh sai…siccome deve relazionarsi a docenti di fisica nucleare e filosofia…è bene che usi un linguaggio più forbito, vero ??…..ma vaff……!!!!!

    • Peccato che il cosidetto canone rai non è più un abbonamento ai canali rai ma un tributo dovuto allo stato per la proprietà di un apparecchio televisivo. Come il bollo per la proprietà dell’auto. Non c’è di che vantarsi a non pagare le tasse. E poi nella vita non tutti siamo cuochi e grandi chef, e i piatti di federica, sono rapidi e adatti per chi non ha tanto tempo e soldi (ma le tasse le paga!!!) da destinare alla cucina.

    • Bene…sarebbe da segnalare il tuo commento alla Guardia di Finanza….poi vediamo se fai ancora il gradasso su Internet per non pagare le tasse….

  2. Pingback: Dissapore | Il meglio della settimana - Macchianera

  3. Non vedo perchè essere tanto critici in maniera così negativa….Federica è brava, bella e simpatica….le vostre critiche sono assolutamente aride e vuote….

    • Non vogliamo essere cattivi e critici, ma obiettivi e quindi…obiettivamente Federica non ci sa proprio fare!!!e comunque anche io mi chiedo se sia legale consigliare ricette del genere!!

  4. Io trovo queste ricette veloci e gustose: certo se invito la suocera preparo qualcosa di più “ricercato”.
    Per ogni giorno, invece, le trovo azzeccate.

  5. non sono un’abile cuoca e non sono fan nè della perego nè della de denaro…ma lo sn diventata! mi è capitato di seguire casualmente delle sue ricette e sn semplicissime,veloci,facili,economiche,con prodotti facili da reperire e geniali!!!
    quando posso la seguo…idem con la parodi..ma le ricette della de denaro sn ancora più semplici…non mi frega che il programma sia simile a quello della parodi..la tirate troppo per le lunghe..i programmi italiani mancano tutti di originalità e anche la parodi non ha inventato nulla…esistono programmi di cucina da ke mi ricordo…ovvero almeno 10 anni prima ke esistesse la prova del cuoco…qualcuno di voi forse ricorda le ricette di wilma de angelis???
    ecco!!! non parliamo di plagio allora!

  6. per caso aprendo la tv sono incappata in questa cuoca!io sono vegetariana per motivi etici. questa signora perchè non uccide lei con le sue mani,un piccolo agnello magari in presenza di suo figlio (se ne ha!),al quale codesta carne fa molto bene, e poi ci fa le tagliatelle? facile signora federica andare a fare la spesa dai macellaI, SENZA VEDERE… SENZA SENTIRE… SENZA IMMAGINARE..NON HO PAROLE

  7. Beh, senti Silvia ognuno segue la propria fede, la propria religione, le proprie abitudini e convinzioni….ma non puoi scrivere ‘ste boiate contro una giornalista che spiega una ricetta a base di carne, solo perchè tu sei vegetariana e quindi non la mangi…

  8. devo dire che la prima volta che ho visto la rubrica il mio stato emotivo era “scioccato”!
    devo dire che l’articolo ha colto appieno i punti critici del programma!
    forse l’unico punto a favore del programma è il suo essere trash, per la serie “fa schifo, però una puntatina la guardo lo stesso”! Io proporrei che lo stimato parterre della Perego facesse da giuria “assaggiatrice” alle prelibatezze della De Denaro..!
    la parodi, o chi per lei, ha avuto un’idea geniale, difficilmente riproducibile…certo ora che la programmazione sia in termini televisivi che editoriali, sta crescendo esponezialmente, deve ricorrere pure lei a nuove idee…non oso immaginare cosa altro si inventeranno…

    • Cara Michela…..l’arte culinaria veloce può anche non piacerti, ma quando affermi che “la Parodi, o chi per lei, ha avuto un’idea geniale, difficilmente riproducibile…” qui rasenti il ridicolo…ma di che stiamo parlando ?? Del brevetto di una nuova arma nucleare ?? Suvvia siamo seri, non diciamo sciocchezze….

      • di sicuro ha inventato (o copiato dall’estero e lanciato qui) il format della conduttrice-cuoca all’opera in una cucina casalinga (se vera o fasulla non importa) con ricette facili da ripetere anche dalla massaia di Cagliari o di Voghera.. non tutti trovano facili o plausibili ricette dei grandi parrucconi tipo il risotto alle scaglie di foglia d’oro in crema di mandarino verde..

  9. ma è uscito anche il libro? perchè sarei interessato, a me piace, le ricette sono semplici, veloci e gustose, ne ho provate alcune con successo. brava federica continuerò a seguirti!

  10. Oggi sono inorridita: ha preparato un APPLE CRUMBLE (malfatto, peraltro) pronunciando uno sproloquio in un improbabilissimo inglese (inventato da lei), più e più volte (e grazie al cielo, perchè alle prime due volte non potevo credere alle mie orecchie rifiutandomi di pensare che una sedicente ‘giornalista’ potesse essere così idiota), ovvero pronunciava continuamente ‘eppol crambi’. “CRAMBI”!!! Ma come ‘crambi’?? Non sapevo se ridere o piangere (per essermi resa conto, ancora una volta, di quanto in basso sia finita la professionalità e la TV nazionale). Federica De Denaro: vatti a fare una full immersion di inglese e nel frattempo VERGOGNATI.

Lascia un commento

1. Ospite
Commenta subito
2. Iscritto a Facebook o Twitter
Commenta con il tuo profilo social
accedi
3. Iscritto a dissapore