sfide

1° Campionato italiano della pizza: Salvatore alla Riviera vs. Fratelli Salvo

tabellone_11turno

Esclusiva Dissapore. Per l’undicesima sfida del 1° Campionato Italiano della pizza si torna in Campania. Oggi protagonisti i Fratelli Salvo a San Giorgio al Cremano e Salvatore alla riviera di Napoli. 

Salvo pizzaioli da tre generazioni

margherita, bufala, salvo, san giorgio al cremano

Sarà banale ma l’associazione mentale è obbligata: San Giorgio al Cremano uguale Massimo Troisi. Da Napoli bastano 20 minuti di treno lungo la Circumvesuviana, pratica ma non proprio invitante, per essere pronti a ricominciare. Più che da tre (cit.), da una tra le “ultra-pizze” più celebrate dell’ultimo anno, quella dei fratelli Salvo, pizzaioli da tre generazioni.

forno, salvo, san giorgio al cremano, pizzeriaPizzeria spostata qui nel 2006 ma tradizione familiare che risale al secondo conflitto mondiale con la specialista delle pizze fritte, nonna Rosa, e passa per una pizzeria aperta a Portici, vicino Napoli, nel 1968. Interno dallo stile vagamente rustico, il rosso porpora che veste i tavoli contraddistingue l’ambiente caldo e familiare. Mi siedo sul “terrazzo” e chiedo, ovviamente, una margherita con bufala.

pizza, cornicione, salvo, san giorgio al cremano- Aspetto visivo: disco ampio e strabocchevole con cornicione in rilievo, superficie piacevolmente ruvida, tenue effetto maculato.
- Cottura: omogenea.
- Impasto/consistenza: a tratti soffocata l’alveolatura dell’impasto comunque morbido come una carezza.
- Leggerezza/digeribilità: mediamente digeribile.
- Sapore: molto gustosa. A parte l’impasto, la dolcezza del pomodoro e la corposità della mozzarella di bufala fanno la loro parte.
- Vino/birra: offerta sorprendente per una pizzeria. La birra artigianale è declinata nelle sue espressioni migliori, una carta dei vini così, incentrata sulla Campania, si associa più a un ristorante di livello.
- Servizio: veloce, efficiente e gentile.
- Prezzo: € 5,50
- Giudizio: pizza gustosa e carezzevole nell’impasto non perfettamente lievitato.

pizzeria salvo, san giorgio al cremano, interno

Prezzo medio: 10/15,00 €
Voto: 90/100

pizzeria salvo, san giorgio al cremano, esterno Salvo Pizzaioli da 3 generazioni, Largo Arso 10/16, San Giorgio a Cremano (NA). Tel. 081 275306.

Ristorante Pizzeria Salvatore alla Riviera

Salvatore alla riviera, margherita, pizza, napoli

Fronte mare nel signorile quartiere di Chiaia c’è Salvatore alla Riviera, pizzeria di lungo corso evoluta in ristorante come usa da queste parti, che dal 1955 sforna una delle pizze più decantate della città.

forno, salvatore alla riviera, pizzeria, napoliVista da fuori la pizzeria non ha l’aria di essere un mastodonte, in realtà si sviluppa su due piani con un discreto labirinto di sale. Stile insolitamente sobrio, trofei esposti quasi nessuno, l’insieme si fa apprezzare per una moderata eleganza. Mi accomodo, ordino la margherita con bufala d’ordinanza.

cornicione, salvatore alla riviera, pizza, margherita

- Aspetto visivo: disco piccolo quasi trattenuto, cornicione poco pronunciato, presente l’effetto maculato.
- Cottura: abbastanza uniforme.
- Impasto/consistenza: cornicione sodo e croccante, impasto morbido tuttavia poco spugnoso con tendenza a sfilacciarsi.
- Leggerezza/digeribilità: non particolarmente digeribile.
- Sapore: mi aspettavo di più, niente ormoni, sapore tutto sommato banalotto.
- Vino/birra: classiche lager nazionali tra le birre, più ampia la carta dei vini.
- Servizio: veloce e cortese.
- Prezzo: € 6,50
- Giudizio: pizza dall’impasto ben realizzato ma sottotono nel sapore.

salvatore alla riviera, pizzeria, interno, napoli

Prezzo medio: € 15/20,00
Voto: 74/100

salvatore alla riviera, esterno, pizzeria, napoli

Ristorante Pizzeria Salvatore alla Riviera, Via Riviera di Chiaia 92, Napoli. Tel. 081 680490

 

Passa al turno successivo Salvo pizzaioli da tre generazioni

[Gli editor del 1° Campionato della pizza sono: Carmelita Cianci, Fabio Cagnetti, Adriano Aiello e Andrea Soban. Immagini: Carmelita Cianci]

(1) Starita a Materdei vs Di Matteo (2) Sforno vs La Fucina  (3) Sorbillo ai Tribunali vs Di Napoli (4) I Tigli vs Sirani  (5) F.lli Cafasso vs Gorizia (6) Tric Trac vs Ciripizza (7) Antica Donnaregina vs Umberto (8) Lazzaroni vs. Tonda (9) Pellone vs. Il pizzaiolo del presidente (10) Il paradiso della pizza vs. La cascina dei sapori.

Login with Facebook:
Login

 

20 commenti a 1° Campionato italiano della pizza: Salvatore alla Riviera vs. Fratelli Salvo

  1. Vincono i Salvo. Ne avevamo gia parlato. Una delle migliori pizzerie come disse anche Massimiliano Ceccarelli. Peccato che non ho assaggiato le due versioni della marinara. L‘altra pizeria è stata la pizzeria della borghesia napoletana. Non la conosco. Mi è stato detto che ci andava a mangiare il sig. Caputo del mitico mulino, il piú grande fornitore delle pizzerie napoletane. I Salvo, leggendo il menù, mi é parso che usassero farina Marino. Come diceva Max è il manico che fa la differenza.
    Sembra che la pizzeria di Chiaia sia un po’ in declino dopo la dipartita del pizzaiuoolo con la cravatta che ha aperto la pizzeria Fresco.

  2. Sarebbe da provare anche la pizza di Ciro Salvo (fratello di Salvatore) a mio parere il miglior pizzaiolo napoletano in assoluto , peccato che non lavori piu’ direttamente nella pizzeria di famiglia ..

    • Jaws, ho chiesto perchè volevo vederle dal vivo le suue mitiche pizze che ha fatto vedere su pizza.it .Lavora un pò piú a sud di San Giorgio.La leopardatura delle sue pizze nessuno finora sul campionato l‘ha fatta vedere.E‘ un grande.

      • Credo che da Salvo usino Caputo Pizzeria , un po’ come la maggiorparte delle pizzeria napoletane ( e fanno bene , io uso le Marino da parecchio e sono veramente farine eccellenti ma per la napoletana classica al piatto le Caputo , a mio parere , restano la piu’ versatili e adatte) . Tornando a Ciro , le pizze piu’ belle che si possono ammirare anche sul sito credo siano sue , la sua preparazione e bravura è indiscutibile

    • è vero, i Salvo detengono il primato della qualità sugli impasti, ma devo dire che recentemente ho avuto modo di provare la pizza di Salvatore che, oltre a rispettare la tradizione familiare, la supera, proponendo nel piatto esclusivamente prodotti selezionati, pomodori e oli dop, formaggi e latticini di prima scelta, il tutto senza incidere nelle tasche di noi amanti del buon cibo…

    • dovreste provare la pizza dell’altro Ciro Salvo appartenente all’altra 3 generazione (quella parallela ai fratelli Salvo di San’Giorgio a Cremano)…è al “Pizza Gallery” famosa pizzeria che ha spopolato nell’agronolano, i suoi figli detengono il primato come migliore pizza in Cina

  3. E’ una abitudine…appena mi arriva la pizza,quando il cameriere e’ ancora presente,guardo sotto,se non e’ nera,ok,altrimenti me la faccio rifare..

    • Ognuno ha le sue abitudini:-)
      Figurati che io, appena mi arriva la pizza, mi ci butto con un doppio carpiato con tanto di avvitamento, senza stare a guardà tanto il capello (giusto una fugace visione d’insieme, per farmi un’idea di cosa mi pascerò).
      Capisco essere esigenti eh, però…

  4. F.lli Salvo Molino Caputo -- Farina Gialla.. gli unici ad adoperarla. Maggior quantità di parti zuccherine e quindi maggiori rischi e variabili sulla lievitazione. Avrei dato qualche punto in più alla Riviera.
    Su Ciro Salvo, quando avrà una sua pizzeria potrà finalmente espirmersi. Per il momento siamo nel mondo della teoria e la pizza è un fatto.

Lascia un commento

1. Ospite
Commenta subito
2. Iscritto a Facebook o Twitter
Commenta con il tuo profilo social
accedi
3. Iscritto a dissapore