chiodi legalizzati

Cenare al ristorante senza pagare non è reato. A Roma, almeno

Ristorante L'Esquilino, Roma

Forse è stato un colpo di sole. Ma la sentenza che ha mandato assolti otto ventenni dopo un’abbuffata di amatriciana e coda alla vaccinara al ristorante L’Esquilino di via Cavour, in centro a Roma, è veramente indigeribile.

Ormai siamo così attappetati che se al momento del conto, 240 euro incluso lo spumante, qualcuno tenta di dileguarsi senza pagare, con il personale che prova ovviamente a trattenerlo, e quel qualcuno per tutta risposta inizia a far volare tavoli, sedie e bottiglie, lo processiamo per direttissima con una sfilza di accuse (danneggiamento, rissa, tentata estorsione) e poi lo assolviamo «perché il fatto non costituisce reato».

R-I-P-E-T-O: perché il fatto non costituisce reato. A Roma, almeno.

Di questo passo Abdul Halim, il gestore del ristorante, che basito ha commentato «Il giudice avrà avuto le sue ragioni, intanto mi tengo il danno», sarà costretto ad accontentare l’importuno ronzare di chiunque voglia mangiare, anche se con le tasche vuote, come gli otto ragazzi in attesa di imbarcarsi per Civitavecchia e lavorare sulle navi da crociera.

Forse però potevamo osare di più. Potevamo, per esempio, non spiegare la sentenza che ha strabiliato il pm e gli stessi avvocati. Fatto. Anche quello. Ne sapremo di più con il deposito delle motivazioni. Sì, tra due settimane.

Nel frattempo non pagare il conto al risotrante non è reato, anche questa è Roma.

[Crediti | Link: Il Messaggero. Immagine: Il Mattino]

Login with Facebook:
Login

 

34 commenti a Cenare al ristorante senza pagare non è reato. A Roma, almeno

  1. Non è reato in tutta Italia, non a Roma.
    Fra ristoratore e cliente c’è un contratto di fornitura di servizi. Un banale negozio privato a prestazioni corrispettive regolato dal c.c.: se una delle due parti non adempie, l’altra può rivolgersi alla giustizia civile.

  2. Non vi azzardate a criticare la Magistratura Italiana perchè vi chiudono il Blog in
    4 e 4 =8, ma che dico… 1 +1 =2, vi mettono sotto intercettazione e vi sbattono su Repubblica le foto di voi mentre vi mettete le dita nel naso.
    Se oggigiorno si manda in libertà uno che, guidando ubriaco fradicio e pure drogato, ammazza degli innocenti, che cosa pretendete per dei ragazzotti che volevano imitare ” I laureati” del film di Pieraccioni?
    Ma un paio di nubiani alti 2 metri (come le guardie dei faraoni) ai lati della porta d’ingresso farebbero bella figura e scoraggerebbero certe sbadataggini.

  3. chi se lo può permettere faccia come consiglia Stefano, assuma due energumeni, possono stare alla cassa come occuparsi di forniture ed altre cose, quando qualcuno non paga sono utilissimi

  4. è bellissimo uscire con tutta calma da un ristorante senza pagare, sperando che il titolare ti rincorra fuori, in modo da avere una bella occasione per mettergli le mani al viso.

    la volta che è capitato a me, purtroppo non mi ha seguito nessuno….

  5. Porto lo yogurt.
    E non pensare di fare le valigie per l’estero come tanti italiani ,ed anche la signora Anna Dente,che invito di nuovo a rimanere ed a intervenire.
    Abbiamo un compito urgente,tutti:Cambiare in Meglio questa Italia.

    • Oddio, si discute sul “senso comune”. Se entro in un negozio e esco con della merce senza pagarla è “automaticamente” furto.
      Se la “merce” era in un piatto non lo è più ?
      “Vale” anche per caffè/gelati/bibite ?

Lascia un commento

1. Ospite
Commenta subito
2. Iscritto a Facebook o Twitter
Commenta con il tuo profilo social
accedi
3. Iscritto a dissapore