14 italiani scappano da un ristorante di Pamplona senza pagare 620 €, beccati!

Diciamo la verità, a volte la triste fama che noi italiani ci portiamo dietro quando viaggiamo è ampiamente meritata: chiassosi, prepotenti, poco rispettosi dell’ambiente, ignoranti delle lingue e dei costumi locali.

Che a occhio non includono il proverbiale “vento“, cioè l’abbandono disinvolto del locale in cui si cena senza pagare, dal momento che la polizia di Pamplona ha subito individuato i quattordici italiani che, dopo avere cenato in un ristorante del posto, sono fuggiti senza pagare il conto di 620,60 euro, costringendoli a tornare nel locale e a pagare quanto dovevano.

Avevano consumato una cena abbondante a base di tartare al salmone, patate, buffet no stop, caffè, e tanto per gradire anche quindici chupitos (il bicchierino di liquore finale).

E poi la bravata: i 14 italiani a Pamplona per i festeggiamenti del tradizionale festival di San Firmino si sono alzati cercando di non dare nell’occhio e hanno tentato la fuga.

In Spagna l’argomento “vento”, o come lo definisce la polizia locale, “sinpa”, abbreviazione di sin pagar, è parecchio sentito, specie da quando, alcuni mesi fa, i clienti di un ristorante di Léon non hanno saldato un conto da ben 2mila euro.

Infatti la reazione di Policia Forral, vale a dire la polizia di Pamplona, è stata veemente: non solo è stato pubblicato su Twitter lo scontrino del misfatto, ma il tenore del commento non si può definire cordiale:

“No sólo les hicimos abonar los 620€, sino tb dejar propina”, vale a dire: non solo li abbiamo fatti pagare i 620 euro, ma gli italiani hanno anche dovuto lasciare la mancia (del 10 per cento, dunque altri poco spontanei 60 euro, n.d.r.).

La stampa spagnola ha dato ampio risalto all’accaduto facendo vergognare più di qualche nostro connazionale.

Insomma, anche questa volta ci siamo fatti riconoscere.

[Crediti | Link: Messaggero]

Nunzia Clemente Nunzia Clemente

10 luglio 2017

commenti (17)

Accedi / Registrati e lascia un commento

  1. Curioso che da noi il gentile signore “tetesco” potesse mangiare gratis e poi se ne rideva dei ristoratori, andandosene senza timore, in attesa del prossimo pasto a sbafo. Gli italici all’estero hanno pagato senza fiatare pure la mancia …

  2. 14 imbecilli, come altri. Italiani o meno, quelli citati dei 2000 euro non pagati erano rumeni. Il Roland a Firenze è crucco, quindi “anche stavolta i tedeschi si sono fatti riconoscere”? Non ricordo di averlo letto.

    1. Esatto .Tutti ci possiamo comportare male ,italiani e non .
      Poi voglio confessare una cosa. : io qualche volta da ragazzo lo ho fatto .
      Lo chiamavamo il “mangia e fuggi “.
      Adesso me ne vergogno , mi rendo conto del valore che ha il lavoro e come questo comportamento , oltre all’ingiusto ed ingiustificato danno economico arrecato a persone che portano avanti con sacrificio un’attività ,costituisca anche una gravissima mancanza di rispetto.
      Allora lo vivevamo stupidamente come una goliardata .
      P.S.
      Senza che voglia MINIMAMENTE giustificare il gesto , e senza collegare assolutamente questa onsiderazione a quello che ho detto prima, il conto da 45 euro a testa fa capire che i tempi della Spagna paese a buon mercato sono tramontati definitivamente .

  3. Che siamo sempre i soliti lo sappiamo, però la maggior parte degli italiani che vanno all’estero non si comporta così.. Allora che vogliamo dire degli altri? Spevialmente quei beoni che a casa loro hanno tutto preciso, e quando sono fuori spaccano tutto@

  4. Qualunque cosa un italiano combini all’estero, vedo che c’è sempre qualche altro italiano a giustificarlo o peggio, come alle elementari quando ti beccavano a fare qualcosa di male, pronto a puntare il dito su altri che si erano comportati allo stesso modo.

    1. Perche’ , c’e’ qualcosa di sbagliato nel sostenere che gli italiani in vacanza non siano ne’ peggio ne’ meglio degli altri ? In base alla mia esperienza , vedendo come si comportano i turisti italiani e quelli di altre nazioni , e’ proprio cosi ‘

  5. Ah già, Pamplona, dove c’è la vergognosa corsa dei tori. Ibiza, dove sfruttano camerieri e personale di servizio peggio che nelle colonie d’ oltreoceano. Non mi vergogno di essere italiano, se 14 imbecilli non hanno pagato il conto.

    1. E mi sa che tu sei il quindicesimo…

  6. Immaginate che un gruppo di marocchini lo avesse fatto a Roma? Immaginate soprattutto i commenti dei lettori…se lo fanno gli italiani sono dei simpaticoni vuoi mettere

    1. Datti una calmata, Gigio, qui nessuno ha cercato di minimizzare o di difendere questi cialtroni. Qualcuno ha solo suggerito di non sputare su tutti gli italiani, come ha fatto la Clemente. Dovete scrivere post pro- immigrati anche dove non c’entrano niente

    2. Anche svedesi non avrebbero raccolto dei gran complimenti , forse …
      Ma continuo a non capire quale sia la differenza se un gesto sbagliato sia opera di italiani , marocchini , o svedesi .Boh , il gesto rimane lo stesso .

    1. Concordo. Nel frattempo siamo invasi da orde di turisti europei che rifiutano di saldare il conto nei ristoranti e negli alberghi opponendo le scuse più surreali, e offendono il patrimonio artistico con bagni nelle fontane storiche, visite nelle chiese quasi nudi, abbandono di spazzatura, e bivacchi mangerecci in ogni dove.

  7. Per non parlare del fatto che si sono fatti beccare…

«
Privacy Policy