Latte vaccino: 5 domande per sfatare miti

In collaborazione con Regione Lombardia

Sapete che la Lombardia è la prima regione italiana per la produzione del latte? Supera, da sola, il 40% del totale nazionale, con 4 mila imprese coinvolte; tenete presente che, in tutto, in Italia ce ne sono 41 mila. In testa ci sono le provincie di Brescia e Mantova, che contano 800 attività dedicate.

[15 ristoranti dove tornare anche solo per il carrello dei formaggi]

Un primato alla base dei 14 formaggi a marchio DOP lombardi, tra campioni dell’export, stagionati celebri e chicche meno conosciute: Bitto, Valtellina Casera, Formaggella del Luinese, Formai de Mut dell’Alta Valle Brembana, Strachitunt, Granda Padano, Gorgonzola, Parmigiano Reggiano, Provolone Valpadana, Quartirolo Lombardo, Taleggio, Salva Cremasco, Nostrano Valtrompia.

Intorno alla sua materia prima, il latte per l’appunto, circolano parecchi luoghi comuni e false credenze, che tentiamo di smentire rispondendo a cinque quesiti molto popolari, insieme al nostro sponsor Regione Lombardia.

Il latte intero fa ingrassare?

C’è chi, per la linea, predilige il latte parzialmente scremato a quello intero, che contiene zucchero e grasso saturo. Così si rinuncia, però, a uno sport drink migliore di tanti altri, un alimento a bassa “densità energetica” ed elevata “densità nutrizionale”, per dirla come un nutrizionista.

Calcolate che un litro di latte intero contiene, mediamente, 35 grammi di proteine, 37 grammi di grassi, 45 grammi di zuccheri e 10 grammi di sali minerali: una bevanda che, complici gli elettroliti, favorisce il recupero dopo l’attività fisica e il miglioramento del tono muscolare.

latte crudo

È vero che il latte previene l’osteoporosi?

Sì. La presenza combinata di calcio e fosforo, oltreché di vitamina D, rappresenta un’arma utile per prevenire l’osteoporosi, indebolimento della struttura ossea che colpisce specialmente le donne dopo i 50 anni. Quindi, è utile consumare latte prima di quest’età, regolarmente. Quanto? La quantità consigliata corrisponde a 1,5 grammi al giorno di calcio. Una tazza di latte, per capirsi.

Come si migliora l’assorbimento del calcio?

Consumare latte a stomaco vuoto non è una buona idea per l’assimilazione del calcio: meglio farlo durante i pasti. Inoltre non è raccomandabile farlo bollire. A differenza del latte crudo, infatti, il latte pastorizzato, fresco o a lunga conservazione che sia, è pronto da bere. Bollirlo significherebbe solo alterarne le qualità nutritive, che sono parecchie: la vitamina A, C, D e tutte quelle del gruppo B, fosforo, sodio e potassio, oltre al calcio.

latte crudo

Perché il latte si chiama così?

L’etimologia del “latte” deriva dal latino lac-lactis o glactis  e dal greco gala-galactos in greco.  Si collega alla più antica radice “glu, gla, gal, gar”, che indica il deglutire del neonato durante l’allattamento.

E il latte vegetale, perché si chiama così?

Teoricamente non dovrebbe, o meglio, in tutta Europa è vietato utilizzare in etichetta denominazioni come “latte di soia”, o “panna vegetale”. Inoltre la denominazione “latte”, da sola, e”panna”, senza specifiche aggiuntive, si riferisce sempre al prodotto vaccino.

[Fonti | Camera di commercio sulle imprese; Clal.it; Fondazione ERCCS – Istituto Nazionale dei Tumori Milano; Manuela Pastore – dietista Humanitas; Salute.gov.it]

Dissapore Dissapore

7 dicembre 2018

commenti (6)

Accedi / Registrati e lascia un commento

  1. Orval87 ha detto:

    Se è vietato chiamare così quelli vegetali, perchè non si multa a dovere chi non rispetta ciò?

  2. Anonimo ha detto:

    Quali sono le fonti per cui il latte si scrive che il latte previene l’osteoporosi?
    Da una veloce googlata: https://nutritionfacts.org/2017/01/31/why-is-milk-consumption-associated-with-more-bone-fractures/

    A hundred thousand men and women were followed for up to 20 years. Researchers found that milk-drinking women had higher rates of death, more heart disease, and significantly more cancer for each glass of milk. Three glasses a day was associated with nearly twice the risk of premature death, and they had significantly more bone and hip fractures. More milk, more fractures.
    Men in a separate study also had a higher rate of death with higher milk consumption, but at least they didn’t have higher fracture rates.

    1. zed ha detto:

      Infatti, chi ha scritto questo articolo non ha fatto le ricerche basilari…

    2. makno ha detto:

      Vabbè, se la tua fonte è simile al famosissimo China Study, che è semplicemente un libro sull’alimentazione e non una pubblicazione scientifica…..

    3. Gianni ha detto:

      Studio Medicina. Le conoscenze scientifiche correnti, al momento, non permettono di giudicare il latte come nocivo nei confronti della salute delle ossa, anzi nel Corso di Laurea è insegnato che previene l’osteoporosi. A dichiarare il contrario sono soprattutto le associazioni veg che, basandosi su uno studio piuttosto recente (mal fatto, troppo sommario e spesso citato da soggetti che seguono una dieta strettamente vegetariana e vegana) combattono con ogni mezzo il consumo di latte.
      Linko invece un recente articolo scientifico che sottolinea il fatto che il latte non è, alle conoscenze attuali, nocivo per quanto riguarda le ossa (osteoporosi, ecc.): https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/27726930
      Se poi parliamo di malattie cardiovascolari quella è un’altra storia, ma anche lì, basta berlo in moderazione, alla fine il latte intero ha un 3,5% di grassi e nessuno, credo, va in giro mordendo il burro come snack pomeridiano. Basta consumare tutto con moderazione, i livelli di colesterolo sono solo parzialmente influenzati dalla dieta, altrimenti non esisterebbero le statine, basterebbe smettere di mangiare latticini.

«