L’Onu non ha detto che olio, prosciutto e Grana sono dannosi come il fumo

L'Onu smentisce: nel suo documento per limitare il consumo di alimenti con troppo sale o grassi, nocivi alla salute, non ci sono riferimenti a Parmigiano o latri prodotti italiani

Non si può definire una fake news, ma si sono susseguiti molti distinguo e chiarimenti rassicuranti da parte dell’Onu sull’opera di “moral suasion” che i governi dovrebbero affrontare per limitare il consumo di grassi saturi, sale, zuccheri e alcol, contrastando così le malattie non trasmissibili.

Avevamo dato conto ieri di uno stato di fibrillazione dell’agroalimentare italiano, in vista del giorno fatidico, il 27 settembre, quando rappresentanti Onu e capi di governo si riuniranno per stabilire le linee guida che dovrebbero ispirare i singoli Stati.

Negli incubi dei produttori italiani si era temuto per alcuni prodotti che rappresentano la nostra identità alimentare, come Grana, olio d’oliva, pizza e vino, tutti potenziali indiziati per la lista nera dell’ONU.

[Olio, prosciutto e Grana dannosi come il fumo: che storia è questa?]

Un provvedimento che avrebbe potuto colpire duramente un comparto che, solo di esportazioni, vale 41 miliardi di euro l’anno, e contro il quale il Ministro dell’Agrigolutra, Gian Marco Centinaio, si era espresso definendolo “pazzia pura”.

In realtà, come riferisce oggi il Corriere, i chiarimenti arrivati dall’Onu tranquillizzano i nostri produttori: nel documento del 27 settembre non ci saranno nomi di specifici prodotti, solo un insieme di direttive per il contrasto delle malattie non trasmissibili causate o aggravate da un’alimentazione eccessiva o scorretta, che causa circa 41 milioni di morti ogni anno (dati dell’Organizzazione Mondiale della Sanità).

[Oms: ditemi cosa devo mangiare per non morire, fate prima]

Il documento suggerisce inoltre ai governi di lavorare con le aziende in campi come l’etichettatura e la regolamentazione del mercato, con l’obiettivo di limitare la vendita di prodotti “non salutari”, ovvero ricchi di zuccheri, sale o grassi.

Nessun riferimento esplicito a pizza o Parmigiano, quindi, né tantomeno all’olio di oliva.

[Crediti: Corriere della Sera]

in breve
Potrebbe interessarti anche