di Cinzia Alfè 29 Aprile 2018

Mr. Robert Zimmerman, in arte Bob Dylan, 76 anni da incorniciare, che il recente Nobel per la letteratura ha reso ancora più emozionanti, si è messo a produrre whisky.

Con un amico imprenditore, il poeta e musicista americano ha inaugurato una nuova linea di whisky, battezzata “Heaven’s door”, la porta del paradiso, ispirata a una delle sue più famose ballate, “knocking on heaven’s door”, bussando alle porte del paradiso.

Già nel 2015 era stata depositata una domanda di registrazione per il nome “bootleg whisky” da parte di tal Bob Dylan, e un imprenditore del settore, Marc Bushala, 52enne fan di Dylan, aveva notato la cosa.

[Whisky: 3 cocktail per il weekend]

Da quel momento, Bushala è stato letteralmente “ossessionato” dall’idea di produrre un whisky che avesse in qualche modo a che fare con il cantautore americano. Ha quindi contattato Dylan e insieme hanno iniziato a produrre i primi piccoli lotti di whisky, cambiando il nome “bootleg”, ritenuto inadatto a un prodotto di prima qualità, con il più benaugurante “heaven’s door”.

Ad ogni modo, per preservare il nome originario pensato da Dylan, ogni anno verrà messa in commercio una serie limitata di whisky, in bottiglie di ceramica decorate con riproduzioni di dipinti a olio e acquerello proprio di Dylan, con il nome “Bootleg”.

L’etichetta della nuova linea di whisky deriva da una scultura di Dylan —sì, è anche scultore—, un paesaggio rurale con ruote di carro e corvi, mentre nelle immagini promozionali per il lancio del nuovo prodotto si vede un Dylan solitario, pensieroso e in smoking, con un bicchiere in mano.

C’è da dire che il menestrello di Duluth ha trovato il momento ideale per entrare nel mercato dei liquori, visto che il giro d’affari del settore è cresciuto del 52% negli ultimi 5 anni.

Per ora chi vorrà assaggiare il celestiale whisky —è il caso di dirlo, visto il nome—, potrà farlo solo online, ma a breve, e cioè dal 21 maggio, diversi negozi negli USA venderanno il whisky di Dylan.

Le bottiglie standard hanno un prezzo che oscilla tra 50 e 80 dollari a bottiglia (dai 40 ai 65 euro) , per arrivare anche, nel caso del whisky invecchiato 25 anni, a 300 dollari.

[Il modo migliore di bere il whisky? Te lo dice la scienza]

La serie Heaven’s Door comprende tre tipi di whisky: un whisky, un bourbon e un double-barrell whisky, ovvero un whisky invecchiato in due botti diverse, come dice il nome.

Al New York Times, che lo ha intervistato riguardo alla nuova impresa, Dylan ha detto: “Entrambi volevamo produrre una serie di whisky americani che, a modo loro, raccontassero una storia; ho viaggiato per decenni e ho potuto assaggiare alcuni dei migliori prodotti che il mondo del whisky abbia da offrire —ha concluso—. Questo è un ottimo prodotto”.

[Crediti: New York Times]