I 50 migliori vini bianchi italiani secondo Forbes

Siamo abituati alle classifiche di Forbes, e andiamo in giro gonfi di soddisfazione quando qualche italiano ci capita nel mezzo. Per questo siamo certi che farà rumore la classifica appena pubblicata, che raccoglie i cinquanta migliori vini italiani, almeno, a detta del giornalista Tom Hyland, he si spinge ben più in là di quanto potessimo sperare, sostenendo nel suo articolo sulla rivista statunitense che “i migliori bianchi italiani si distinguono di gran lunga e possono essere classificati semplicemente come i migliori bianchi di tutto il mondo”.

“Non è sempre stato così, 20 o 30 anni fa c’erano troppi bianchi italiani che erano eccessivamente semplici”, sostiene Hyland. “Ma la tecnologia, e in particolare la ricerca in vigna – piantare i migliori cloni nelle migliori posizioni – ha trasformato le cose, dando ai bianchi molto più carattere, complessità, purezza varietale e, cosa forse più importante, struttura per un notevole potenziale di invecchiamento”.

Ma vediamo quali sono, secondo Forbes, i 50 migliori vini bianchi italiani, organizzati nella classifica in gruppi da dieci e elencati in ogni gruppo in ordine alfabetico.

I primi dieci (“Dieci bianchi davvero avvincenti, tutti con una purezza varietale superba”)

Vigne Marina Coppi Timorasso “Fausto” (Colli Tortonesi)
Marisa Cuomo “Fiorduva” (Costa d’Amalfi)
Andrea Felici Verdicchio dei Castelli di Jesi Riserva “Il Cantico della Figura” (Marche)
Livio Felluga “Terre Alte” (Rosazzo Bianco, Friuli)
Pieropan Soave Classico “Calvarino” (Soave Classico, Veneto)
Petilia Greco di Tufo (Campania)
Pietracupa Greco di Tufo (Campania)
Cantina Terlano Pinot Bianco Riserva “Vorberg” (Alto Adige)
Cantina Tramin Gewürztraminer “Nussbaumer” (Alto Adige)
Valentini Trebbiano d’Abruzzo (Abruzzo)

Dal n.10 al n. 20

Cantine Lunae Bosoni Vermentino “Etichetta Nera” (Colli di Luni)
Colterenzio Sauvignon “Lafoa” (Alto Adige)
Ettore Germano Riesling “Herzu” (Piemonte)
J. Hofstatter Gewürztraminer “Kolbenhof” (Alto Adige)
Lo Triolet Pinot Gris (Valle d’Aosta)
Pietracupa Fiano di Avellino (Campania)
Planeta “Cometa” (Sicilia)
Tenuta Sarno Fiano di Avellino (Campania)
Villa Bucci Verdicchio dei Castelli di Jesi Riserva (Marche)
Villa Diamante Fiano di Avellino “Vigna della Congregazione” (Campania)

Dal n. 20 al n. 30

Bisci Verdicchio di Matelica “Vigneto Fogliano” (Marche)
Feudi di San Gregorio Greco di Tufo “Cutizzi” (Campania)
Gini Soave “Contrada Salvarenza Vecchie Vigne” (Veneto)
Manincor Sauvignon “Lieben Aich” (Alto Adige)
Emidio Pepe Trebbiano d’Abruzzo (Abruzzo)
Pieropan Soave Classico “La Rocca” (Veneto)
Poggio dei Gorleri Pigato “Albium” (Liguria)
Il Colombaio di Santa Chiara Vernaccia di San Gimignano “Campo della Pieve” (Toscana)
Tenuta delle Terre Nere Etna Bianco “Santo Spirito” (Sicilia)
Vadiaperti Greco di Tufo “Tornante” (Campania)

Dal n. 30 al n. 40

Anselmi “Capitel Foscarino” (Veneto)
Ca ‘Rugate Soave Classico “Monte Alto” (Veneto)
Castellari Bergaglio Gavi “Pilin” (Piemonte)
Castello della Sala “Cervaro della Sala” (Umbria)
Castello di Tassarolo Gavi “Alborina” (Piemonte)
Elisabetta Foradori Nosiola “Fontanasanta” (Vigneto delle Dolomiti, Trentino)
Edi Keber Collio (Friuli)
Malvirà Roero Arneis “Renesio” (Piemonte)
Pinot Bianco Manincor “Eichhorn” (Alto Adige)
Elena Walch Gewürztraminer “Kastelaz” (Alto Adige)

Dal n. 40 al n. 50

Abbazia di Novacella Kerner “Praepositus” (Valle Isarco, Alto Adige)
Elvio Cogno Anas Cëtta (Piemonte)
Peter Dipoli Sauvignon “Voglar” (Alto Adige)
Kuenhof Riesling “Kaiton” (Valle Isarco, Alto Adige)
Ottin Petite Arvine (Valle d’Aosta)
Primosic “Klin Platinum” (Collio, Friuli)
Selva Capuzza Lugana Riserva “Menasasso” (Lombardia)
Umani-Ronchi Verdicchio dei Castelli di Jesi Riserva “Plenio” (Marche)
Vie di Romans “Flors di Uis” (Isonzo, Friuli)
Villa Raiano Fiano di Avellino “Alimata” (Campania)

I fuori classifica

Il giornalista americano, fotografo e specialista in vini italiani, ha cercato di stare all’interno dei cinquanta ma, evidentemente, non c’è riuscito, e ha dovuto aggiungere altri venticinque eccellenti vini appena fuori classifica:
Benanti “Pietramarina” (Etna)
Cantina del Castello Soave Classico “Pressoni” (Veneto)
Cave du Vin Blanc Blanc de Morgex e de La Salle “Rayon” (Valle d’Aosta)
Donnachiara Greco di Tufo (Campania)
Livio Felluga Sauvignon (Collio)
Filippi Soave “Castelcerino” (Veneto)
Ghiomo Arneis “Imprimis” (Langhe, Piemonte)
Gradis’ciutta “Bratinis” (Collio)
Grattamacco Vermentino (Bolgheri)
I Clivi Friulano “Clivi Galea” (Friuli Colli Orientali)
Jankara Vermentino di Gallura (Sardegna)
Jermann Vintage Tunina (Venezia Giulia)
Alois Lageder Chardonnay “Lowengang” (Alto Adige)
Les Crêtes Chardonnay “Cuvée Bois” (Valle d’Aosta)
Montenidoli Vernaccia di San Gimignano “Carato” (Toscana)
Ciro Picariello Fiano di Avellino (Campania)
Planeta Chardonnay (Sicilia)
Cantina Produttori San Michele Appiano Sauvignon “S. Valentin ” (Alto Adige)
Russiz Superiore “Col Disôre” (Collio)
Schiopetto Friulano (Collio)
Tiefenbrunner Müller Thurgau “Feldmarschall von Fenner zu Fennberg”(Alto Adige)
La Vis / Valle Cembra Müller Thurgau “Vigne delle Forche” (Alto Adige)
Valle Reale Trebbiano d’Abruzzo “Vigneto di Capestrano” (Abruzzo)
Elena Walch “Oltre le nuvole” (Alto Adige)
Zuani “Vigne” (Collio)

[Fonte: Forbes]

Valentina Dirindin Valentina Dirindin

6 Giugno 2019

commenti (0)

Accedi / Registrati e lascia un commento