di   iFood 18 Aprile 2020
vodka-martini

Il vodka martini è una delle più famose varianti del Martini cocktail, reso celebre da famosi estimatori come Winston Churchill, Truman Capote, J. Robert Oppenheimer, Cary Grant, Franklin Delano Roosevelt ma soprattutto, come poterlo dimenticare, da “Bond, James Bond” Il quale ovviamente, da vero estimatore, lo preferiva “Shaken, not stirred!”.

Anche per noi questa è la migliore della varianti, e inoltre, da bravi europei, lo preferiamo puro, nella ricetta che vede il Martini Bianco profumare il ghiaccio e il bicchiere, ma la Vodka poi rimanere pura e ghiacciata.

Il Dry Martini è un cocktail aperitivo famosissimo in tutto il mondo , buona parte di questa fama è dovuta al fatto che divenne il cocktail preferito di molti personaggi legati allo spettacolo e allo Show Buisness, ricordiamo tra tutti Hemingway che lo preferiva molto secco, il banchiere Rockfeller e James Bond che nell’immaginario di Ian Flemig lo preferiva fatto con la Vodka.

La sua nascita ha origini sconosciute e non è dato sapere se prenda il nome dal suo creatore o da una analogia con il nome di uno dei suoi ingredienti. Certo è che il suo legame con il mondo del cinema ne ha fatto un cocktail di grande fascino.

Di per sè molto semplice nella realizzazione è in realtà molto complesso a livello di gusto, il gin, impreziosito dai profumi del vermouth, acquista un profilo davvero unico in aroma, assolutamente da provare sia con la classica oliva che nella sua versione sfiziosa, abbinato alle cipolline sottaceto con il nome di Gibson.

In questa versione il gin è sostituito dalla vodka per un brindisi così sofisticato da rendere speciale qualsiasi momento.

vodka-martini-ricetta

Tempo di preparazione

10 minuti

Dosi per

1 Cocktail

Ingredienti

  • 6 cl Vodka
  • 1 cl Liquore dry vermut
  • 1 fettina di scorza Limone

Preparazione

Per preparare la ricetta del vodka Martini prendete una coppa da Martini e riempitela di cubetti di ghiaccio in modo da raffreddarne le pareti e farla restare molto fredda durante tutta la preparazione del cocktail (questo passaggio è molto importante per mantenerlo freddo più a lungo visto che poi non contiene ghiaccio in cubetti)

Riempite anche uno shaker di cubetti di ghiaccio.

Con il colino scolate l’acqua che il ghiaccio forma nello shaker e profumate il ghiaccio con il vermut dry.

Vuotate le coppe dal ghiaccio una volta che sono ben fredde e versare il vermut, sempre aiutandosi col colino, nelle coppe versate il vermut.

A questo punto versate nello shaker la vodka e shakerate in modo che si raffreddi bene e sempre aiutandosi col colino versatelo nelle coppe.

Prendete una falda di scorza di limone (usate un pelapatate per ricavarla) e spremetela nel liquido trasparente.

Guarnite con una striscia di scorza di limone.

vodka-martini-preparazione