di Chiara Cajelli 2 Gennaio 2020
epifania-dolci-tipici-italia

L’Epifania festeggia, secondo la Chiesa, il momento in cui i Re Magi testimonieranno al mondo la venuta di Gesù nel mondo. Quindi è una festa di gioia, durante la quale si dona volentieri. Con i secoli, in Italia, la Befana è diventata l’icona della giornata e le sue calze sono sorprese ambitissime. Scopriamo alcuni dei dolci tipici in Italia.

Focaccia della Befana, Piemonte

In dialetto, si chiama fugassa d’la Befana o fugassa col Carsent. La focaccia della Befana ha origini cuneesi ma ha preso piede in tutta la regione: è un dolce soffice, che dalla forma richiama una margherita. Le sue origini sono molto antiche e da sempre è usanza nascondere nell’impasto una fava bianca e una fava nera: teoricamente, chi trova quella bianca dovrebbe pagare la focaccia, mentre chi trova quella nera dovrebbe pagare il vino.

Biscotti befanini e cavallucci, Toscana

I befanini toscani sono semplici biscottini di frolla aromatizzata al rum, e per esser definiti tali devono avere due caratteristiche: la forma è di stella, angelo oppure omino d pan di zenzero, e la loro superficie dev’essere estremamente colorata con confettini e glasse. I cavallucci di Siena, invece, sono dolcetti antichi e morbidi a base di anice, spezie e frutta secca e candita.

Carbone dolce

Il “carbone” di zucchero è usanza di tutta Italia e, anticamente, non era riferito alla condotta positiva o negativa dei piccoli durante l’anno. Il carbone, anticamente, era un semplice promemoria dell’usanza pagana di fare un falò per questa ricorrenza. Ora è un gioco: “sei stato buono? Guarda che la Befana altrimenti ti porta il carbone!”… ma, anche se fosse, sarebbe dolce.

Pinza de la Marantega, Veneto

La pinza de la Marantega – termine che significa proprio “Befana” – ha origini molto antiche in Veneto ed era fatta dai contadini. Può essere considerata un pane dolce compatto e poco lievitato, con grappa, frutta secca, canditi e fichi secchi. Si usava custodirla avvolta da foglie di cavolo e scaldata sotto le braci.

Cammelli di sfoglia, Lombardia

I cammelli della Befana sono un dolce tutto della mia zona, Varese e provincia. Ha origini non chiare e nessun pasticcere saprà darvi una risposta precisa: la più logica sarebbe attribuire a questa tradizione l’arrivo dei Re Magi a dorso di cammello. Sappiamo con certezza che i confini di questi cammelli non superano Varese, e che gli originali da pretendere sono di sfoglia (belli lucidi e glassati) e non di frolla (come propinano alcuni bar).

Torrone

Il torrone non può mai mancare durante le Feste natalizie e, soprattutto, non può mancare all’Epifania. Avete ai provato a farlo in casa? Provate, con la nostra ricetta!

Pastiera, Campania

Si dice che la prima Pasqua cada all’Epifania: ecco perché, a Napoli e in generale in Campania, è usanza preparare la prima pastiera dell’anno proprio il 6 gennaio.