di Massimo Bernardi 17 Novembre 2009

1 – Tonnarelli cacio e pepe | Felice al Testaccio , via Mastro Giorgio, 29. Tel. 06 574 6800. «Felice è un uomo onesto, bravo e giusto/ e quando morirà / ci sarà in Paradiso un gran trambusto/ Pure gli angeli perderan la brocca/ Cristo lo accoglierà con grande gusto/ Lo abbraccerà con l’acquolina in bocca/ e gli dirà, in mezzo a quel presepe/ “E vai Felì, facce ‘na cacio e pepe!». Roberto Benigni.

I tonnarelli cacio e pepe di Felice al Testaccio

2 – Rigatoni alla carbonara | Quinto Quarto, Via della Farnesina, 13. Tel. 06 333 8768. Spaghetti o rigatoni, alla bisogna. Senza olio. Anche per questo la carbonara è la migliore di Roma (se fossi Filippo Santarelli lo scriverei nell’insegna della trattoria). Mantecatura con l’acqua di cottura della pasta: priceless. Per saperne di più.

I rigatoni alla Carbonara del ristorante Quinto Quarto di Roma

3 – Bucatini all’amatriciana | Il Convivio Troiani, vicolo dei Soldati, 28. Tel. 06 688 05950. L’ultima volta che sono uscito dal ristorante volevo percuotermi. Ridicolmente costoso. Non l’ho fatto per una questione di decenza e perché ho mangiato la matriciana della vita. Che è troppo breve per non averne due, l’altra è de L’Arcangelo di via GG Belli 59/61.
 Fatta con gli spaghetti Cavalieri e il guanciale di Tolfa.

Spaghetti all'amatriciana del ristorante Convivio di Roma

4 – Tortello al rosso d’uovo con scaglie di tartufo | Trattoria Monti, via di San Vito 13/a. Tel. 06 446 6573. La prima volta che mi sono trovato davanti questo oggetto i miei ormoni facevano festa. Un raviolone con il rosso d’uovo incastonato nella sfoglia, nascosto da una vigorosa grattata di tartufo nero. Si discute sull’origine del piatto. Marchigiano come Agata e Romeo Franca Camerucci, proprietaria della trattoria? Per saperne di più.

Tortello al rosso d'uovo con scaglie di tartufo della Trattoria Monti di Roma

5 – Strozzapreti lardo e pecorino | Trattoria da Danilo, via Petrarca 13. Tel. 06 772 00111. L’inverno senza gli strozzapreti al lardo di Colonnata con pecorino di fossa dell’ex odontotecnico Danilo Valente, è una cosa da morire. Non fatevi idee sbagliate se dico che è un piatto per palati robusti, tutto sommato la cucina di Danilo e sua madre Lina non è nemmeno pesante. Per saperne di più.

Strozzapreti lardo e pecorino della trattoria Da Danilo di Roma

Immagini: Flickr/Motocchio/Wyninang/The Cooking Photographer/Dobsohn. Ispirazione: Senza panna.