di Massimo Bernardi 11 Novembre 2009

Stefano Bonilli racconta 30 anni di storia attraverso la tavola al DissaporeCamp di FirenzeA me ‘sta cosa che per raccontare 30 anni di storia della tavola Stefano Bonilli snocciolasse un rosario di fatti e fattarelli mi divertiva. Come si diverte un bambino in un negozio di giocattoli. In fondo, chi più di lui con il Gambero Rosso ha detto agli italiani quello che devono e non devono mangiare. La cosa capitava al primo DissaporeCamp, venti e passa giorni fa. Chi è venuto a Firenze ha condiviso con noi l’entusiasmo per il cibo. Per gli altri, abbiamo riavvolto il nastro (grazie alle riprese di Francesca Ciancio e al montaggio di Linda Verzani). Perciò, se volete rivivere 30 anni di storia in 5 minuti premete il tasto play. Imprevisto. Proprio 30 no, perché il racconto è diviso in due parti, la seconda… ha!, domani. E ricordate che la storia di Bonilli continua.