di Adriano Aiello 8 Marzo 2012

Conta 16 pagine, è estraibile, parla di cibo, uomini e storie di gastronomia. La carta da giornale lo penalizza ma la sostanza c’è, anche se avvolta ossessivamente nei Sapori e Dintorni di Conad, che sperimenta nuove forme di invasività commerciale. Un inserto gastronomico per il grande pubblico, che può scoprire chi è Massimo Bottura, come salvaguardare il pane toscano o perchè il Tocai da qualche anno si chiama Friulano.

Parliamo de La guida del cibo, l’inserto enogastronomico che da oggi trovate all’interno di Repubblica. Le intenzioni sono chiare e già espresse da Carlo Petrini, il titolo rivedibile (a me La guida del Cibo non è che suoni così aggraziato), l’impostazione sobria e l’impatto gradevole. Ma i fanatici dell’argomento e i grandi esperti stanno alla finestra in attesa di qualcosa che li scuota un po’ e magari rischiano più di sorprendersi per il refuso sui rimandi di pagina in copertina (vanno a pagina 42 e 43, non 32 e 33) che di leggere le solite firme sui soliti argomenti.

Prendendo a pretesto la festa della donna di oggi, si parte giocando sulla via femminile e maschile alla cucina. Una distinzione che ha radici storiche come ci ricorda Licia Granello e che si esprime in piatti simbolo. IL cromosoma XX è quello della selvaggina, della pasta aglio olio & peperoncino e ovviamente del barbacue. Le donne prediligono minestroni, verdure ripiene e mozzarella e sono ancora oggi coloro che maggiormente eseguono una cucina di pura sopravvivenza. L’uomo si permette di avvicinarsi ai fornelli più per voglia e istinto creativo.

Una dicotomia di cui avevamo bisogno? Forse si, forse no. E del profilo di Massimo Bottura? Meglio le due pagine dedicate all’Etna, il cui immaginario gastronomico è sempre più vivido e ricco di storia e tradizione.

E c’è anche il cantante Mario Biondi che paga dazio alla pasta alla norma così la coolness è assicurata.

Del Friulano abbiamo detto, del Brasile invece no. Non poteva mancare infatti uno sguardo all’estero e la scelta carioca non è affatto banale con un bel profilo gastronomico ben illustrato e l’elenco dei ristoranti italiani dove mangiarne le specialità.

Il tutto però puzza di vecchio mondo enogastronomico che si guarda allo specchio e si nasconde ai tempi. Tempi di applicazioni per tablet e di interattività esibita senza remore, di riviste web battagliere e dissacranti. Di stile di scrittura frizzante e provocatore. Dov’è tutto questo nell’inserto di Repubblica? Dov’è il web? Dov’è l’iPAD new?

[Crediti | Link: Repubblica.it]