Cos’hanno in comune Andrea Berton, chef del ristorante Trussardi alla Scala a Milano, 40 anni da San Vito al Tagliamento, e Luca Zaia, ex ministro delle politiche agricole, 42 anni da Conegliano? Voglio dire, a parte essere nati in due paesi del ricco e operoso nord est? Ai gastrofanatici non sarà sfuggito che le loro strade si sono incrociate grazie a un panino. Al Trussardi Caffè, due passi dalla Scala di Milano, Berton ha inserito nel menù il panino con l’hamburger migliore del mondo alla (poco) modica cifra di 22 euro.

“La semplicità di questo piatto non è sinonimo di banalità. Perché il risultato non sia scontato, tutti gli ingredienti sono di prima scelta e preparati ad arte. La carne riveste un ruolo fondamentale, è il «pezzo forte» di questo piatto”.

Zaia ha promosso con entusiasmo il panino McItaly definito un’ancora di salvezza per gli agricoltori italiani nonché uno spot per gli alimenti italiani nel mondo.

“McItaly è un grande obiettivo realizzato. Un network mondiale come McDonald’s rappresenta un importante sbocco per i nostri contadini. Non potevamo perdere quest’occasione”.

Due scuole di pensiero opposte, la prima si rivolge a un segmento di mercato, una nicchia. La seconda è legata alla legge dei grandi numeri.

Non sono mai stato contro McDonald’s dal punto di vista ideologico, e non lo sarò fino a quando qualcuno proverà che i suoi prodotti fanno male alla salute. Anzi, riconosco alla catena americana il merito sociale di vendere cibo alla portata di tutte le tasche.


Giorni fa sono stato anche al Trussardi caffè per provare il famoso panino con l’hamburger di Andrea Berton. Non pensavo che all’ora di pranzo di un giorno feriale il locale potesse essere pieno. Sarà che siamo nel cuore della Milano finanziaria, ma con prezzi come questi, in nessun altro luogo d’Italia avremmo atteso 20 minuti prima di sederci nello splendido dehors progettato dal botanico francese Patrick Blanc, quelli dei “giardini verticali”.

Lo chef Andrea Berton porta avanti il ristorante di Trussardi, al piano superiore, con molto successo, in pochi anni è riuscito a conquistare due stelle Michelin. Dalla stessa cucina arrivano piatti più veloci per il Caffè al piano terra. Certo, non siamo in un posto per tutti, non ce la vedo una classica famiglia italiana di quattro persone spendere più di 100 euro per un panino e una bibita a testa. Ciò nonostante, l’ hamburger di manzo e chips di patate alla paprika è una vera delizia. La qualità della carne si avverte al primo boccone così come per il panino, fatto lievitare naturalmente solo con lievito madre.

Mentre seduto al tavolo sbranavo l’hamburger più buono e caro della mia vita riflettevo su una possibile “terza via”. Fra il panino del Trussardi Caffè e il McItaly c’è l’immenso.

Conoscete una catena, non per forza italiana, che sia riuscita a sposare l’informalità, la velocità e i prezzi contenuti, il fast food insomma, con la buona cucina, l’attenzione per il prodotto, magari il km zero? O trovate che siano solo chiacchiere perché certe prospettive cozzano inevitabilmente con i numeri?

[Una delle immagini e’ di Claudio Sacco]

commenti (73)

Accedi / Registrati e lascia un commento

  1. http://www.gbk.co.uk/

    12 UK£ per panino, contorno e bibita (il menù)

    Una scelta di una decina di panini, tutti eseguiti al momento. Carne nettamente superiore rispetto alla media inglese. Alcuni antipastini come Lamb Kofta (gli spiedi piccanti) o Chicken Byriani (si sa che gli Inglesi devono cercarsi le specialità all’estero).

    Le patate sembravano non surgelate (ma si sa che è impossibile).
    Ad maiora

    Fabrizio

  2. Avatar Alessio Gacometti ha detto:

    Qui a Dublino c’è un locale che si chiama YO BURGER……carne e materie prime di buonissima qualità…..un menu simpatico proposto in un fumetto dove hai la possibiltà di scegliere il tipo di carne…..manzo,agnello,pollo, pesce(ci sono anche due versioni per vegetariani) e poi una lunga lista di proposte per come farcire il panino…..tutte molto varie e interessanti perchè utilizzano salse fatte a mano e prodotti biologici….
    Le bevande sono tutte particolari e di piccola produzione….alcune artigianali…
    E le patate sono vere patate fresche tagliate a spicchio con la buccia (qui non esiste mangiare patate senza buccia) e ottimamente fritte.
    Spesa totale…..dai 10 ai 15 euro che per essere Dublino non è affatto male…..considerando anche che un panino penso che arrivi a pesare quasi mezzo chilo…..stiamo parlando di veri e propri bestioni……è l’unico posto dove mangio stravolentieri l’hamburger….

    1. Avatar Steu ha detto:

      Intendi “Jo Burger”? Non in centro, a sud del canale…

    2. Avatar Alessio Gacometti ha detto:

      SI…….sorry…….yo e non jo…..piccolo lapsus……
      A sud del canale…..io abito e lavoro da quelle parti…..e ci sono entrato una volta per caso…….veramente ottimo….dal mio punto di vista….

    1. Avatar gianluca ha detto:

      tra tutti i link postati, se dovessimo giudicare solamente dal sito e dalle foto dei piatti, questo è senza dubbio il migliore !!!

  3. Avatar Andrea Sponzilli ha detto:

    Non è una vera e propria catena, ma a NY ce ne sono alcuni ed ora anche a Miami: gli hamburger sono molto buoni (Roscioli ha una citazione di shake shack nel suo menù: “Non esistono scorciatoie per la qualita”).
    shake shack

  4. Avatar gianluca ha detto:

    la via di mezzo in Italia c’è.
    http://www.birrahops.com/

    non è male, l’hamburger arriva nel piatto con le patate e le posate. spesa sui 6-7 euro per un hamburger. la carne è molto buona (si possono ordinare anche bistecche).

    inoltre birra buonissima prodotta all’interno della sruttura.

    poi ci sono anche pizze, piatti etnici, dolci, frutta, ecc…

    mediamente tra una cosa e l’altra si spendono sui 20 euro a testa, compreso tutto

  5. Qua in Grecia esiste da circa 3 anni Derlicatessen, purtroppo non hanno il sito, ma in poco tempo hanno subito avuto l’apprezzamento del pubblico sia greco che straniero.
    La novita sta nel fatto che loro hanno creato un fast food mantenendo il concetto del fresco e cotto tutto a carbone. Carne di maiale greca, prodotto fresco, patate fritte fresche (che qua non e’una novita) fanno anche suvlaki vegetariani.
    Lo spiedino lo servono direttamente dentro una pita, o panino, con le farciture scelte da te al momento. Oppure le lo servono al piatto, usa e getta.
    Uno spiedino 1 euro.
    Con 2,50 euro stai apposto.

  6. Avatar ale ha detto:

    Un po’ di nicchia, di sicuro dal punto di vista geografico, è la catena sudafricana Steers: http://www.steers.co.za/.

    Non sono molto esperto di fastfood, ci ho mangiato solo una volta, ma la polpetta sapeva di carne ed era veramente buona.

    Wikipedia ne dice (http://en.wikipedia.org/wiki/Steers): “Steers operates within the “higher end” niche of the South African fast food market, selling food that is typically more expensive and requires more preparation time.”

    Un’altra catena sudafricana è Nando’s, che si trova anche in UK: pollo, pollo e ancora pollo, declinato in portoghese. Ci ho mangiato a Oxford, di recente. Nessuna pretesa gourmet, ma più che dignitoso.

    DOMANDA: ricordo un progetto di franchising per una catena di hamburger/fast food di qualità, elaborato da Ferran Adrià per la catena NH Hoteles. Che fine ha fatto?

  7. Avatar gumbo chicken ha detto:

    Catena no, ma fast food buoni i primi che mi vengono in mente sono per il genere burger M**Bun di Rivoli-TO e OuestExpress a Lione (quello di Bocuse). QUando ho più tempo vedo se mi viene in mente altro.

    Tra l’altro coglierei l’occasione aggiungerei che a me l’hamburger piace più naif, un po’ rozzo, un po’ redneck! 🙂
    Quello ingentilito di Berton non è il mio genere – senza contare che per i miei parametri è anche decisamente troppo caro!

    1. Avatar Antonio Scuteri ha detto:

      Gumbina, in un altro commento su Dissapore è stato citato il Vate. Come mai ancora non sei intervenuta? 😀

    2. Avatar gumbo chicken ha detto:

      E’ che non l’ho visto – potevi anche mettere il link, però! (in questi giorni non ho tanto tempo per vagolare pigramente in giro per il web)

    3. Avatar gumbo chicken ha detto:

      Grazie, ora ho visto. Però sono le solite cose e comunque in stile molto moderato; posso anche fare a meno di rispondere! 😆