di Andrea Gori 15 Dicembre 2009

epi_mainBisognerebbe scrivere un trattato sul perché le applicazioni per iPhone più scaricate riguardano la cucina. A uso e consumo di chi ancora non si è rassegnato alla chiusura di Gourmet. Sono io o vedete anche voi il collegamento tra la fine della rivista, bellissima però di carta (leggi: costosa) e il successo di Epicurious, il ricettario scaricato sul melafonino un milione di volte in sei mesi? Specie sapendo che l’editore è lo stesso, Condé Nast. E allora facciamo la prova sul campo. Occhio però, Epicurious è contagioso, potrebbe convincervi a buttare i libri e le riviste che custodite gelosamente in cucina.

L’applicazione è un ricettario semplice da usare che riesce a stimolare la creatività. Dal menu principale si possono scegliere vari gruppi di ricette, comprese le insolite e sponsorizzatissime Beer Pairings (accoppiamento cibo-birra) e Holiday Helpings (consigli per le feste). Ci sono poi menu per i bambini, colazioni veloci, e suggerimenti per i party con gli amici. Come nei migliori corsi di cucina i livelli sono due, “I cook like a pro” (per i Paolo LoPriore della situazione) e “I can barely cook” (per quelli tipo me). Le ricette sono descritte in modo schematico, aiutano però le foto e una bella dose di “user review”, cioè i commenti di chi usa l’applicazione.

epi_inizio

Cliccando sul segno +, gli ingredienti della ricetta che avete scelto finiscono nella “Shopping List” (lista della spesa) già suddivisa in freschi e congelati stile supermercato. Mentre è possibile spedire a un amico la singola ricetta, non potete usare la posta elettronica per inviare una lista della spesa. Consolatevi con la comodità di raggruppare gli ingredienti di più ricette in una sola lista, funzione utile se dovete comprare il necessario per una intera cena.

epi_fine

Chi vuole qualcosa di particolare può cercare la ricetta partendo dal singolo ingrediente, Epicurious troverà il modo migliore per combinarlo. Io avevo in frigo un avocado e ho trovato un’Insalata di tacchino con avocado e mayonese, niente male e a prova di idiota. Se siete interessati trovate qui i video dimostrativi incluso come si pulisce un tacchino o un’insalata. Tutte le ricette rintracciabili sono anche nel sito di Epicurious, arricchite di fotografie, consigli, abbinamenti con il vino e altre bevande.

Allora cosa dite, è arrivato il momento di sbarazzarvi dei libri e delle riviste di cucina?