burro di arachidi

E’ un peccato di gola persino sconcio il burro di arachidi, sono d’accordo. Come questo sia conciliabile con il fatto che Papa Francesco, via Tg1, abbia ammesso di esserne ghiotto, beh, meglio non indagarlo.

Con noi tra l’altro c’entra pochissimo. Se non fosse che, a un certo punto dell’infanzia, la maggior parte degli italiani si chiede cosa diavolo sia. Dopo averlo letto su Topolino, naturalmente.

Ora s’inizia a trovare anche tra le corsie dei supermercati. Ma un post sull’autoproduzione casalinga non può che invitarvi a farlo da soli.

Sento ancora delle resistenze, so cosa state pensando. Le calorie, l’olio di palma e i grassi idrogenati tra gli ingredienti. Ci ho pensato, e ho provato a fare il burro d’arachidi senza schifezze. Pregustate una (per quanto possibile) sana spalmata sul pane, magari nell’irresistibile sandwich con la marmellata sull’altro lato, perché adesso vi dico come.

Fare il burro di arachidi

Ingredienti:

100 gr di arachidi sgusciate

1 pizzico di sale (opzionale)

1 cucchiaio di olio evo dal gusto delicato o di olio di semi di lino

1/2 cucchiaino di zucchero di canna

gocce di miele q.b.

Preparazione:

Sgusciamo le arachidi, mettiamole su una placca da forno e facciamole tostare a 220 gradi per 5 minuti. Togliamo le pellicine che si saranno staccate e lasciamo raffreddare. A meno che non abbiate comprato le arachidi già tostate, in quel caso le pellicine verranno subito via.

Burro di arachidi fatto in casa

Le mettiamo nel tritatutto o nel frullatore con un pizzico di sale, lo zucchero e le gocce di miele. Se non amate esagerare con il sale non mettetelo ora, assaggerete poi e se è il caso correggerete.

Fate frullare gli ingredienti poi unite un cucchiaio d’olio e azionate di nuovo il tritatutto. Il composto dovrebbe essere morbido, cremoso. Assaggiate pure, e aggiustate di sale.

Burro di arachidi fatto in casa

Se invece amate una consistenza più granulosa, fate frullare per meno tempo le arachidi nella prima fase. Il miele è un’aggiunta opzionale, consegna una nota aromatica al burro che a me piace molto.

Burro di arachidi fatto in casa

Chiudiamo in barattoli di vetro lavati e sterilizzati, e conserviamo in frigo per circa 10 giorni. Se notate una separazione tra olio e composto, non preoccupatevi, rimescolate tutto.

Visto l’elevato tasso d’assuefazione, vi consiglio di prepararne poco per volta, per non avere il problema di consumarne troppo in tempi stretti.

Non avendo ancora deciso per cosa usarlo, ho sempre la possibilità numero 1: mangiarlo col cucchiaino.

In precedenza:
– Labneh
– Succo di frutta senza centrifuga
– Latte di riso
– Granola, cereali da colazione
– Tofu
– Lemon curd
– Hummus
– Budino
Salsa Barbecue

commenti (12)

Accedi / Registrati e lascia un commento

  1. Avatar Cuoco ha detto:

    Ehhh, Elvis c’è morto, col burro d’ arachidi A proposito, ma perchè si chiama burro???

    1. Avatar Federica Gemma ha detto:

      Immagino per la consistenza, e perché si spalma facilmente

    2. Da piccola ero certa fosse burro CON arachidi, tutto frullato! Provavo repulsione e insieme fascino per la sbobba ingurgitata da Topolino e Charlie Brown.

  2. Avatar gumbo chicken ha detto:

    In effetti è un saggio consiglio quello di farne poco alla volta. 😉
    A cucchiaiate poi!

    Però io su Topolino non me lo ricordo. Mi ricordo invece che Charlie Brown mangiava il (per me, allora) misterioso “burro di noccioline” oltre ad altrettanto misteriose “toffolette” abbrustolite sul fuoco.

    I mangiatori a cucchiaiate comunque non possono non conoscere questo pezzo:
    http://www.youtube.com/watch?v=MNgwhG0mHZ0

  3. Avatar irene ha detto:

    causa marito olandese , facevamo incetta in olanda quando ancora non si trovava in italia. dunque, pane nero, strato di burro (normale, di latte) strato di burro di arachidi
    ultracalorico e stratosferico

  4. Avatar nik ha detto:

    L’olio d’oliva ha un sapore troppo deciso, meglio un olio leggero (lo facevo in Colombia per mio marito, la prima volta ho usato olio d’oliva…)

    1. Avatar Federica Gemma ha detto:

      A dire il vero , l’ho fatto due volte con due oli diversi. La prima volta con l’olio di semi di girasole e la seconda con l’olio evo, e come gusto e consistenza mi è piaciuto di più il secondo.Va da sé che l’olio evo deve esser delicato

  5. Avatar G ha detto:

    Il pb&j sandwich personalmente lo trovo tremendo.
    Col burro d’arachidi ci viene bene il pollo, il seitan anche, dei formidabili biscotti.