Rossella Neri

Formaggio fritto al sugo di pomodoro e olive: avevo 11 anni ed è una delle prime ricette che mi ricordo di aver preparato. Sono da allora una cuoca velleitaria, sperimentale e abbastanza superficiale da fregarmene quando un piatto non mi viene bene. Però quando voglio prendermi cura di chi mi è vicino preparo i piatti preferiti di mia madre: tortelli di zucca e coniglio arrosto. Rimpiango di non aver fatto degli studi in enogastronomia, ma al tempo optai per un percorso più classico: laurea in lettere e dottorato in letterature comparate; fino ai 25 (abbondanti) ho inseguito un’altra passione, quella per le storie. Dopo la laurea sono approdata nella redazione di 2night, dove ho imparato un sacco di cose intervistando e raccontando baristi e ristoratori della porta accanto. Posso fregiarmi di essere entrata nella ristretta cerchia di quelli con lo sguardo apotropaico: riesco a sapere che vita avrà il tuo ristorante dopo mezzora che ne ho varcata la soglia. Nel 2009 sono diventata giornalista, e da allora scrivo di ristoranti perché non si può scrivere di quello che non si conosce. Dal 2014 ho cominciato a collaborare con Dissapore e ho sviluppato una fissazione per i lievitati di ogni genere e la marmorea convinzione che la pizza napoletana è la migliore. Sono attratta dai fermentati e pratico un timoroso ossequio per Sandor Katz, anche se il mio scrittore preferito, quando scrive di cibo, è Adam Gopnik. Oggi, oltre a 2night e Dissapore, insegno foodwriting alla triennale dello IUSVE e sono vicepresidente della scuola di giornalismo A. Chiodi. Una volta a Copenaghen mi sono accomodata per sbaglio in un ristorante con velleità iberiche, ho alzato gli occhi al cielo e ho visto dei poveri Patanegra impolverati appesi al posto dei lampadari: mi sono venute le lacrime agli occhi e sono fuggita. Se volete farmi felice fatemi mangiare sincero, e raccontatemi una storia.

Articoli recenti:

esterni bagolaro

Pizzerie •

Il Bagolaro a Mestre, recensione: la bella pizzeria popolare di Forte Marghera

La nostra recensione de Il Bagolaro, pizzeria della cooperativa Controvento a Forte Marghera (Mestre): menu, prezzi, foto, opinioni.... CONTINUA

amor hfarm

Ristoranti •

Amor degli Alajmo e Philippe Starck ci riprova (in grande) nell’H-Farm Campus: ecco com’è

Com'è AMOR in Farm, il nuovo locale "fast casual" dei fratelli Alajmo all’interno del Campus di H-FARM all'insegna della sostenibilità ambientale, del menu per studenti fortunatissimi e del design di Philippe Starck. ... CONTINUA

Gelateria Da Simone a Noale (Ve)

Gelaterie •

Gelateria Da Simone a Oriago di Mira, recensione: distinguersi nel desolante panorama artigianale veneziano

La nostra recensione della Gelateria Da Simone a Oriago di Mira, gelato artigianale che si distingue in terra veneziana. ... CONTINUA

distilleria schiavo

Spesa •

Come funziona il monopolio sugli alcolici italiano

Di accise, sigilli e distillerie in paranoia: come funziona il monopolio sugli alcolici italiano, tra paradossi e curiosità, attraverso qualche esempio emblematico. ... CONTINUA

Pizzeria Barone Rosso a Spinea (VE)

Pizzerie •

Pizzeria Barone Rosso a Spinea, recensione: il jazz club con dehors dell’entroterra veneziano

La nostra recensione della pizzeria Barone Rosso di Spinea, in provincia di Venezia: il menu, i prezzi, le pizze, le nostre opinioni. ... CONTINUA

pizza con olive e acciughe

Pizzerie •

Pizzeria Instabile a Scorzé, recensione: l’istituzione della terraferma veneziana tiene il passo?

Recensione di Instabile, pizzeria di Scorzè in provincia di Venezia: il menu, i prezzi, le foto, le pizze provate, le nostre opinioni. ... CONTINUA

piattino con tre ostriche e spicchi di limone (1)

Cucina •

Come si mangiano le ostriche

Come si mangiano le ostriche, partendo dalla loro apertura, sia che vogliamo consumarle fresche e crude sia che vogliamo cuocerle o friggerle. ... CONTINUA

Ostriche

Spesa •

Come riconoscere le ostriche buone

Spiegone nerd ma non troppo per riconoscere, scegliere e comprare ostriche buone, fresche di mercato, si intende. Dall'aspetto alla ciccia, tutti i trucchi per non prendere una sòla. ... CONTINUA

Ostrica Rosa Perla del Delta

Spesa •

Ostriche rosa: perché la Perla del Delta è la migliore ostrica italiana

Cos'ha di tanto particolare la Perla del Delta, l'ostrica rosa allevata sul Delta del Po, per costare 6 euro e valerli tutti. Il nostro spiegone dall'allevamento.... CONTINUA

pizzeria Teide pizza con piovra

Pizzerie •

Pizzeria Teide a Scaltenigo (VE), recensione: la Terraferma che ce la farà

Nella Terraferma veneziana, a Scaltenigo (Mirano), Pizzeria Teide promette davvero bene, tra topping convincenti, idee (e birre!) buone. La nostra recensione. ... CONTINUA

grigoris-mestre-13-scaled

Pizzerie •

Le 7 migliori pizzerie di Venezia e provincia, nonostante la pizza veneziana

Guida alle migliori pizzerie di Venezia e provincia: la nostra Gourmap completa di indirizzi, recensioni e informazioni utili per voi, che volete trovare una buona pizza persino nel veneziano. ... CONTINUA

focaccia veneziana tagliata

Cucina •

Focaccia veneta: l’anti-colomba che arriva dal Nord Est

Ha la forma del panettone, ma prova a fare concorrenza alla colomba: storia, caratteristiche e presente della focaccia veneta (o veneziana), dolce pasquale del Nord Est. ... CONTINUA