di Prisca Sacchetti 31 Luglio 2014
pescheria

Cadono i tabù: l’estate non è più necessariamente calda e gli chef dicono di sì a zuppa di pesce (quale che sia: cacciucco, brodetto, buridda) e vino rosso. Proposta spesso anche la birra. Ma non è di abbinamenti strano-lussuosi da fase di benessere che vogliamo parlarvi. Non è aria. Piuttosto di una bizzarra usanza italiana: identificare le diverse varietà di pesce presenti nei nostri mari con nomi che cambiano, e tanto, di regione in regione. Esempio: le cozze.

In Puglia e Campania le chiamano cozziche, nel Lazio muscoli, in Liguria datteri neri, nelle Marche moscioli, in Sardegna cocciute de niaccara, in Sicilia anapinnule o arcelle niure, nel Veneto: peoce.

Mentre il nasello, colore grigio acciaio lungo il dorso e bianco sul ventre, taglia media e corpo allungato, si chiama dappertutto merluzzo.

Chissà da cosa dipende tanta varietà, sarebbe interessante saperlo, di sicuro possiamo rallegrarci per l’opulenza del nostro lessico marino.

Perché le cozze o il nasello non sono che esempi. Scopriamo e controlliamo insieme, grazie al lavoro di Andrea Sormani, come cambiano i nomi di alcuni pesci a seconda delle diverse regioni.

banco del pesce

Aragosta
Abruzzo: Aliusta
Campania: Ravosta
Puglia: Gravosta;
Veneto: Agosta, Grillo di mare

Astice.
Campania: Alifante ‘e mare
Liguria: Longobardo;
Sardegna: Lenfra, Lungufanti
Toscana: Lupicante, Lupo di mare
Veneto : Astese
Venezia Giulia : Baticulo

Scampo.
Abruzzo: Rancio di fondo
Campania: Ranfele
Marche: Astracio o Arganello
Sicilia: Lempitu di fangu o Cicala
Veneto e Venezia Giulia: Scampolo

Calamari.
Liguria: Caamà;
Marche: Trofello;
Venezia Giulia : Totano del riso;

Canocchie.
Campania: Spernocchia
Liguria: Balestrin
arche: Nocchia
Puglia: Caraviedde
Sardegna: Càmbara de fangu,
Sicilia: Astrea o Schirifizza
Toscana: Cicala di mare
Veneto : Canocia, Canoccia, canòcchia, Panocchia

Cefalo.
Campania: Capozzo,
Liguria: Carida, Musson
Puglia: Ciefl, Garzalongo
Sicilia: Mulettu
Toscana: Muggine
Veneto, Venezia Giulia: Cavolo, Botolo.

pescheria

Orata.
Liguria: Ouè, Oggià o Oà
Puglia: Bandicedde
Sardegna: Cagnina, Caniotta
Sicilia: Arata
Veneto: Orada de la corona
Venezia Giulia: Palassiola

Pesce sciabola o spatola.
Abruzzo: Argentina
Calabria: Spatola
Campania: Squagliasole o Pesce bandiera
Liguria: Pescio Jamma o Argentin
Puglia: Pisci d’argiento
Sardegna: Pisci lama
Veneto e Venezia Giulia: Pesce Falce, Argentin o Serpentin.

Polpo.
Abruzzo: Tolbo o Fulpo
Calabria: Pruppu
Puglia: Vurpe o Lèmbeto
Sardegna: Pruppu-eru
Sicilia: Pruppu, Pulpu di paranza
Veneto e Venezia Giulia: Folpo

Ricciola.
Liguria: Leccia, Alicosa
Marche: Alice grande
Puglia: Jarrupe o Lecc
Sardegna: Serviola, Lambuga
Sicilia: Aricciola o Licciolu
Toscana: Saltaleone
Veneto e Venezia Giulia: Lissa

Spigola.
Campania: Spinola, Bocca bianca o di pietra
Lazio: Lupo o Spinola
Liguria: Branzino, Gingareo
Marche: Varòlo
Puglia: Lupu, Spina, Ragnetta
Sardegna: Arranassa, Arrangiola, Sperittu (i piccoli)
Sicilia: Lupu di mari, Burascia, Bracciola
Toscana: Ragno o Spinola
Veneto: Brancin
Venezia Giulia: Branzin, Branginel, Vanino

Ora, consideratevi impegnati: vi tocca passare al setaccio questo sontuoso catalogo di nomi regionali dati ai pesci dei nostri mari. Siate inflessibili (ma sappiamo che non c’è bisogno di dirlo).

[Crediti | Link: Andrea Sormani, immagini: Detlef RimkusMichelleUmbar]