Cremeria Gabriele a Vico Equense, recensione: la “gelateria” che ci vorrebbe in ogni meta di vacanza

La nostra recensione di Cremeria Gabriele, ottima gelateria, pasticceria e gastronomia nel cuore della costiera sorrentina, a Vico Equense.

Cremeria Gabriele; Vico Equense

Siamo sicuri che la Costiera amalfitana e sorrentina saranno tra le mete gettonatissime di quest’estate. La manciata di km costiera vanta numerose realtà gastronomiche di tutto rispetto: parecchi ristoranti monostellati della Campania si trovano in questo lembo di terra sospeso tra montagna e mare. Ma non solo: Cremeria Gabriele (Vico Equense), piccola realtà di bottega famosa in tutta Italia (se non anche in tutto il mondo) fa parte di questa piccola e nutrita schiera.

Da oltre settant’anni, la famiglia Cuomo, discendente del capostipite Gabriele, porta avanti immutata la tradizione della cremeria napoletana, da loro stessi “importata” in costiera per allietare le vacanze dei ricchi d’epoca e turisti alla ricerca della dolce vita. Nella Napoli di inizio Novecento, si andava in cremeria non soltanto per prendere il latte e altri prodotti freschi, ma anche gelato, dolci, piccoli coloniali da portar via in un tourbillon di color carta di zucchero.

Siamo andati a visitare questo piccolo pezzo di storia campana, provando dolci e gelati e facendo un po’ di spesa. Questa è la nostra recensione.

L’ambiente

Cremeria Gabriele; Vico EquenseCremeria Gabriele; Vico EquenseCremeria Gabriele; Vico EquenseCremeria Gabriele; Vico EquenseCremeria Gabriele; Vico Equense

Cremeria Gabriele si trova su una delle strade principali di Vico Equense, facilmente raggiungibile dalla piazza ma anche dalla strada costiera. Viste le dimensioni del paese, toccherà fare qualche giro in più per trovare un angolo di parcheggio oppure appoggiarsi a quelli privati.

Si presenta come un negozietto votato principalmente all’asporto: il banco percorre il negozio da un lato all’altro, immediatamente visibile la sezione dedicata ai dolci e quella al gelato, leggermente più defilata la vetrina dei formaggi e latticini. Lo spazio è destinato all’attesa in piedi, con qualche appoggio. Tirando le somme, l’ambiente è molto retrò ma curato, un po’ fuori dal tempo.

Dietro al banco spesso potrete trovare i due fratelli, Liberato e Raffaele Cuomo, che con garbo e gentilezza consigliano i dolci più adatti al trasporto piuttosto che i formaggi più adatti a questo o quell’utilizzo.

Il gelato, l’esperienza

Cremeria Gabriele; Vico EquenseCremeria Gabriele; Vico EquenseCremeria Gabriele; Vico Equense

Solo coloniali, solo gelateria, solo pasticceria? Un po’ complicato racchiudere l’esperienza di Cremeria Gabriele in una sola parola, probabilmente è proprio “Cremeria”: un luogo dove acquistare prodotti freschi e coloniali, ma anche consumare merende memorabili fatte di dolci napoletani, gelati e coppe di frutta molto retrò.

Il comparto di pasticceria classica napoletana è quello che stupisce maggiormente. E in positivo. Oltre a colori vividi e belle proposte (comunque basate su grandi classici, dai babà alle tartallette alle codine d’aragosta), si ritrovano tra banco e frigo anche alcuni dolci napoletani d’antan come le coviglie, una sorta di semifreddo praticamente scomparso dalle pasticcerie partenopee.

Commovente la tortina caprese al limone, fresca ed appagante al morso. Iconica la Delizia al limone di Cremeria Gabriele, una semisfera pesante e golosa da portar via con una coppetta di crema limone servita opportunamente a parte.

Per la spesa, il reparto formaggi non delude: prevalenza di prodotti campani, tra caciocavalli e caprini dei Monti Lattari, ma non mancano chicche provenienti da oltre regione.

Bella la selezione dei panificati e dei coloniali a marchio Cremeria Gabriele. Oltre qualche liquore tipico del territorio (tipo limoncello), ci sono i babà piccoli conservati in vetro, divenuti nel tempo un must have per chiunque da fuori si trovi da queste parti.

La Cremeria probabilmente è conosciuta dai più per il gelato, che la rende frequentatissima da persone di tutte le età, soprattutto più giovani. I gelati sono proposti in vaschetta e si mira molto sul territorio: troviamo creme di mela annurca, crema di ricotta, gelsi neri del Vesuvio. Interessanti, freschi e golosi gli abbinamenti con la frutta, come quello della coppa Zanzibar: nome d’antan per una coppa con sorbetto al mango, sorbetto ai gelsi e gelsi freschi del Vesuvio a fare da golosa decorazione, da mangiare come se fossero caramelle Morositas.

L’opinione

Cremeria Gabriele; Vico Equense

Ci vorrebbe una Cremeria Gabriele in un ogni posto di vacanza, per assaggiare uno spicchio del luogo dove si soggiorna. Facile a dirsi, nella pratica è leggermente più complicato: realtà del genere non nascono dal nulla, sono complesse stratificazioni di esperienze, storie, viaggi e cultura gastronomica.

I prezzi sono assolutamente in linea con la proposta e la ricerca fatta in questo posto, considerando anche l’indole vacanziera di Vico Equense: si parte da 1,70 euro per i dolci a salire. Per quanto riguarda il reparto gelato, è prezzato a 20,00 euro al chilo, con cono o coppetta a partire dai 2,00 euro fino ai 4,00 euro. La brioche ripiena di gelato o con sola panna è a 2,50 euro. Prezzi che, tutto sommato, sembrano più che nella media per una meta vacanziera.

Se si è di passaggio a Vico Equense o nei dintorni della costiera, Cremeria Gabriele vale la deviazione dal percorso, magari per un ristoro a base di frutta e gelato o ancora, una spesa da portar via come ricordo gastronomico.

Informazioni

Cremeria Gabriele 

Indirizzo: Corso Umberto 1° , 8, Vico Equense (Napoli)

Numero di telefono: 081 879 8744

Orari di apertura: tutti i giorni, orario continuato 09.00/00.00

Sito web:  Pagina Facebook

Tipo di pasticceria: tradizionale campana, gelateria artigianale

Ambiente: retrò

Servizio: molto cortese e competente

Voto: 8.5/10

Potrebbe interessarti anche