di Nunzia Clemente 23 Luglio 2016
hello kitty, pasticceria firenze

Dal rifiuto che il sindaco di Firenze Dario Nardella ha opposto all’apertura di un McDonald’s in Piazza Duomo, con gran codazzo di polemiche, è passata solo qualche settimana.

La giunta comunale ha spiegato le ragioni: il progetto architettonico, con una svettante M gialla pericolosamente vicina a Santa Maria del Fiore, il fast food, giudicato poco consono al contesto, l’incidenza dei prodotti italiani IGP e DOP, giudicata troppo modesta.

Eppure, fresca fresca, arriva la nuova dell’apertura in Via del Corso 12, pieno centro storico della città, della prima pasticceria europea dedicata a Hello Kitty.

Siamo a una manciata di metri da Piazza della Repubblica, e dalle prime foto s’intravede il tenore lisergico, rosa bon-bon che la gattina giapponese si porta dietro da oltre quarant’anni.

hello kitty, firenze

E possiamo anche immaginare il resto: la gamma di dolci rosa confettati, dai macaron ai muffin, le caramelle, i lecca-lecca. Bancone, vetrine, gadget: tutto griffato col il musetto bianco e il fiocco rosa.

Nonostante l’apertura sia prossima tutto tace in città, nessun distinguo dalla giunta comunale né da bottegai e ristoratori, strenui difensori del regolamento Unesco che prevede il 50% almeno di cibo a km0, e in ogni caso ‘tradizionale’.

Legittimo a questo punto chiedersi perché McDonald’s no e sì invece all’azienda che gestisce il marchio giapponese?

[Crediti | Link: Dissapore, Corriere Fiorentino; Foto: Puntarella Rossa, Corriere]