di Alessia Rotolo 28 Giugno 2019
le migliori gelaterie di palermo del 2019

Difficile parlare di gelaterie di Palermo, ancor più se si ha, come me, la velleità di censire le migliori del 2019, senza alcune doverose premesse. Considerate che se arrivate in città e chiedete per la strada quale sia la gelateria artigianale più buona, rischiate di perdere la bussola e prendere qualche sonoro palo.

Ogni palermitano ha la sua personalissima classifica, inviolabile: se la squadra di calcio del Palermo fosse affidata a lui saremmo in serie A, se ad amministrare la città ci fosse lui Palermo sarebbe una metropoli paragonabile solo a New York City – ma con meno criminalità e sicuramente più pulita -.  Così è per il gelato: lui saprà sicuramente dove andare e quale gusto prendere, ammettendo difficilmente quanto segue:

  • a Palermo le gelaterie fanno ben poca sperimentazione: la maggior parte di esse si distingue, se va bene, per un eccellente utilizzo della frutta fresca;
  • le classifiche personali dei palermitani sono custodite come tavole sul Monte Sinai: ciascuno di sente Mosè e tendenzialmente aborra qualunque novità;
  • nonostante i punti precedenti esiste una nuova “era glaciale” , più creativa e sperimentale, benché limitatissima.

Al netto di ciò, ho fatto il mio dovere di inviata di Dissapore dalla Sicilia: restare (ri-testare, pardon) le gelaterie artigianali una per una, per un censimento completo delle migliori gelaterie di Palermo del 2019. Sono quelle che, in base ai criteri della testata che mi ospita, sono legate alla figura del maestro gelatiere (artigiano!), lontane dai meccanismi del franchising e dal gusto puffo anni ’80.

Quanto al gusto gelsi neri, must dell’estate sicula, dovremo aspettare luglio, consolandoci con la brioche (con il tuppo, per piacere!).

Gelateria La Vela

gelateria la vela palermo

Il gelato qui a Palermo è un rito, un po’ come il caffè, ben scandito nel tempo e nello spazio, in estate uno dei momenti perfetti per il gelato è il tardo pomeriggio di ritorno dal mare, quando in moto e con il telo mare sulla sella, si fa tappa dallo “Stregone” (chiamato così per la sua proverbiale bravura), o per meglio dire la gelateria “La Vela” di Vergine Maria.

Questo piccolo chiosco si trova in uno dei punti più romantici del litorale nella zona di Vergine Maria, con vista sul mare e al lato della Tonnara Bordonaro. Dentro la gelateria con pozzetti tutto è fermo agli anni ottanta, e pure la sperimentazione non avanza, ma ci sono le certezze assolute: nocciola, cioccolato e fragola, sono una piacevole conferma ogni anno. Sempre uguali, quelli da sempre. E quando sulla lavagnetta si legge “Gelsi”, mi commuovo: come diceva mia nonna “Ho campato un altro anno”. La storica gelateria della famiglia Lo Cicero festeggia quest’anno il 48esimo anno di apertura.

gelateria la vela palermo

Gusti forti: i classici e quelli alla frutta come il cantalupo o il melone o ancora mandorla tostata
Indirizzo: piazza Bordonaro 10
Orari: dalle 8 alle 24 tutti gli altri giorni; chiuso il lunedì
Prezzi: cono cialda a 1.50 euro, brioche a 2 euro (con o senza panna, non fa differenza)

La Delizia

la delizia palermo

Un altro posto che favorisce la combo perfetta tra salsedine e gelato è certamente “La Delizia” di Sferracavallo, aperta trent’anni fa dalla famiglia Scalici, è una tappa fissa per chi decide di andare al mare nella piccola borgata marinata a pochi chilometri dal centro città. Si respira aria di autenticità, le commesse sempre sorridenti e gentili, il gelato è una bontà assoluta.

I gusti seguono rigorosamente la stagionalità: da poco è arrivato tra i pozzetti il gusto anguria, ma c’è anche pesca e albicocca, tutto realizzato con frutta fresca. Creme delicate, con pezzetti di frutta secca; io vado pazza per la noce. Evitabile il ghirigoro di cioccolato in aggiunta, a conferma di quanto vi dissi nell’introduzione: il vecchio stile è difficile da superare da queste parti.

Ah, c’è un giardinetto (adorabilmente folkloristico) a disposizione dei clienti, nella saracinesca accanto, e la gelateria ha anche una “sezione mobile” un vero e proprio camioncino di gelato che si trova nella piazza di Sferracavallo vicino al mare.

la delizia palermo

Gusti forti: le creme
Indirizzo: via Dammuso 57
Orari: sempre aperti, dalle 9 alle 24
Prezzi: cono biscottato a 2.20 euro (con panna 2.50 euro),  brioche a 2.70 euro (con panna 3 euro)

Gelateria Al Cassaro

gelateria al cassaro palermo

Una gelateria che mi piace definire una bottega artigiana: Al Cassaro è stata aperta il 21 giugno del 2013 dalla ex bartender Gloria Ciprì, che a poco a poco ha scalato le classifiche proponendo gusti innovativi ed eccezionali in pieno centro a Palermo. Per quanto creativa, Gloria conserva molti gusti legati alla tradizione dolciaria siciliana, come il gelsomino.

Un lungo viaggio in Tailandia le è valso una vera e propria specializzazione nella frutta esotica; è tornata con contatti diretti di produttori locali e mango (divino) e guayaba in vetrina: un’altra stroria rispetto al passion fruit a cui le gelaterie consuete ci hanno abituati.

L’anno scorso per porgere il suo personalissimo omaggio a Santa Rosalia (santa patrona di Palermo) ha sperimentato il gusto “Rosalia” un sorbetto alle rose, che quest’anno riproporrà dal mese di luglio. Vera novità dell’anno 2019 è il gusto Blackcherry (cioccolato nero con amarene) che sta facendo letteralmente impazzire i palermitani, insieme all’intramontabile pistacchiosa. Vasta scelta di gusti senza glutine e vegani, con una vetrine dedicate.

Vasta scelta di brioche (anche senza glutine), tutte rigorosamente con il tuppo.

gelateria al cassaro palermo

Gusti forti: i creativi di Gloria Ciprì, chiaramente, e la frutta esotica.
Indirizzo: via Vittorio Emanuele 214
Orari: dalle 10.30 alle 24, chiuso il martedì
Prezzi: cono biscottato a 2,50 euro, cialda waffel a 2 (si aggiungono 20 centesimi per chi vuole la panna); brioche a partire da 2,50 euro.

Al Gelatone di Peppe Cuti

Al Gelatone di Peppe Cuti

Location freddina e non particolarmente chic (è importante?) per questa imperdibile gelateria di Palermo, che brilla per la (notoria) abilità del suo maestro. Materie prime molto ricercate, dal latte fresco siciliano agli ingredienti tipici dell’Isola. Non c’è zucchero bianco nel suo gelato, solo zucchero di canna, e l’etichetta è “pulita”, come di dice, per l’orgoglio del gelatiere, che forse potrebbe essere più generoso nelle dosi.

Ampia scelta per i celiaci e vegani, che qui trovano addirittura la loro brioche, senza strutto e con farina di kamut. Il maestro Cuti sta lavorando ad un gelato che sicuramente farà discutere ma lui garantisce la bonta e cioè: gusto yogurt e bava di lumaca. Ai posteri l’ardua sentenza.

Tre attualmente i suoi punti vendita: quello storico di via Autonomia Siciliana (aperto nel 2001), l’altro in piazza Don Sturzo e da poco è approdato anche a Sanlorenzo Mercato. Succursali di “Al Gelatone” apriranno presto anche a Roma, Milano e Londra (una notizia che gradiranno molto i siciliani all’estero).

Al Gelatone di Peppe Cuti

Gusti forti: gelato alle nespole, limone al basilico, anice, papaja palermitana, mango, gorgonzola noci e miele. A rotazione si trovano sempre: carota, sedano, cetriolo, finocchio.
Indirizzo: via dell’Autonomia Siciliana, 96/98. Via Giuseppe Puglisi Bertolino, 23 (Piazza Sturzo). Sanlorenzo Mercato di via S. Lorenzo, 288,
Orari: sempre aperti, dalle 11 di mattina fino a tarda notte
Prezzi: brioche euro 2.70 (con la panna 3 euro), cono biscottato euro 2.20 (con panna euro 2.50)

Cappadonia

cappadonia palermo
Cappadonia è indiscutibilmente tra le migliori gelaterie di Palermo; un altro punto di riferimento artigianale in città che ha scalato le vette delle classifiche per gastrofanatici in pochissimo tempo. Di Antonio Cappadonia, maestro gelatiere nonché direttore tecnico dello Sherbeth Festival, che è partito dalle Madonie per giungere a Palermo, dove da meno di un anno a questa parte ha aperto due gelaterie: la prima in via Vittorio Emanuele 401 (inaugurata il 14 luglio del 2018, proprio in occasione del Festino di Santa Rosalia), e la seconda in Piazzetta Bagnasco 29.

Le materie prime utilizzate sono buonissime e non si sbaglia con nessun gusto. Scegliere tra i tanti gusti presenti nelle sue gelaterie non è per niente semplice: si va dal bacio di dama alla crema al caffè, dalla nocciola delle langhe alla mandorla di Coralto, fino a giandujone, tiramisù, lampone (che sembra appena raccolto) e fragola di Marsala.

Gusti forti: tutti
Indirizzo: Via Vittorio Emanuele 401 e Piazzetta Bagnasco 29
Orari: aperto tutti i giorni, dalle 10.30 alle 23.00
Prezzi: 2.50 euro il cono biscottato (con o senza panna non fa differenza) – 3 euro la brioche (con o senza panna non fa differenza)

Il Signor di Carbognano

Il Signor di Carbognano
In una via “bene” di Palermo c’è una gelateria che personalmente trovo particolarmente raffinata, oltreché buona, Il Signor di Carbognano. Il nome, in effetti curioso, è frutto di una ricerca del proprietario: deriva da un’antica storia citata da Leonardo Sciascia, secondo la quale nel 1700 i gelatai siciliani erano molto richiesti, specialmente alla corte del Signor di Carbognano, feudatario di Viterbo. Per conquistare la benevolenza del vassallo, fu preparato un sorbetto al gelsomino, chiamato “candiero” per il suo candido colore bianco, una perfetta sintesi tra il gelsomino e la cannella.

Un gusto che conquistò il Signor di Carbognano e che oggi caratterizza questa gelateria, improntata sugli ingredienti locali. Principe è “il cioccolato di Modica”, declinato in più versioni.

Il Signor di Carbognano

Gusti forti: sorbetto al gelsomino e cioccolato di Modica
Indirizzo: via Emanuele Notarbartolo 2c
Orari: dalle 11 alle 23, la domenica fino alle 24; chiuso il lunedì
Prezzi: cono euro 2 con o senza panna è uguale, brioche euro 3 con o senza panna è uguale