Siamo appena stati all’attesissima, esclusivissima e probabilmente storica inaugurazione italiana di Starbucks. Ovvero, la prima sede della catena di caffetterie più famosa al mondo, che mai aveva osato scontrarsi con la concorrenza italiana, una capillare quanto radicata cultura dell’espresso che nel bene e nel male non conosce altre ragioni. Potremmo parlare a lungo di come Starbucks potrà condizionare il mercato delle caffetterie italiano, se aiuterà o danneggerà il piccolo, seppur crescente, panorama dello Specialty Coffee, ma non è questo il momento.

[Starbucks apre in Italia domani: tutto ciò che dovete sapere prima di andarci]

Per ora, potete osservare la Reserve Roastery di piazza Cordusio nel suo insieme, o nei suoi (ricercatissimi) particolari, attraverso una galleria di fotografie inedita che abbiamo creato per voi, dalla macchina tostatrice attiva 24 ore algiorno all’eccentrico cold brew per l’estrazione a freddo, dal gelato di Alberto Marchetti fatto con l’azoto liquido al pane di Rocco Princi. L’apertura ufficiale sarà domani, 7 settembre (orari 7 del mattino – 23).

[Crediti foto: Chiara Cavalleris]

commenti (17)

Accedi / Registrati e lascia un commento

  1. Avatar Me Medesimo ha detto:

    C’è una panoramica dei prezzi? a parte i classici anche per la roba particolare tipo Nitro Coffè ecc??

    1. Avatar Orval87 ha detto:

      Prova a googlare “starbucks milano prezzi”…prezzi senza senso, per chi non ha ben chiaro il concetto di qualità e non sa dare il giusto valore alle cose.
      Quasi quasi ci vado solo per vedere le facce di quelli che comprano il cappuccino nel bicchiere di carta a 4,50 euro…

    2. Avatar Me Medesimo ha detto:

      Yes… dopo una analisi su Google ecco i prezzi.

      Espresso 1,8
      Caffe Americano 3,5
      Cappuccino da 4,5 a 5,5
      Marocchino 3,5
      Una fetta di torta 6,5
      Focaccia 3
      Cocktail da 16 a 20
      Vino al calice da 8 a 18

    3. Avatar Orval87 ha detto:

      Un posto per dementi….torta a 6,50?! Se vado da Massari prendo un monoporzione a 5 euro! (a Brescia)
      E i cocktail?!

    4. Avatar Me Medesimo ha detto:

      Aggiunto…
      Nitro Flat White 6 euro
      Nitro Te alla Pesca/Cioccolato sui 6/7 euro
      Cold brew con crema di latte 4 Euro
      Espresso frizzante 6 Euro
      Caffè con whiskey invecchiato 10 Euro
      Caffè orzo da 3.5 a 5 Euro
      Degustazione di 3 tazze con metodo clover 14 Euro
      Le birre siamo sui 7 Euro

      A livello di caffè alternativi:
      French Press -> 10 Euro / 8 Tazze
      Chemex -> 12 Euro / 8 Tazze
      Siphon -> 10 Euro / 3 Tazzine

      Ok basta non stresso piu!

  2. Avatar RICOTTA79 ha detto:

    che buono il caffè dei bar tipici italiani… questo beverone da bicchiere di carta mi da il voltastomaco.
    i dolci che vendono sono zuccheratissimi, finti e poco saporiti.

    1. Avatar CaciocappeIIa81 ha detto:

      Il bicchiere di carta lo odio, come si fa a bere caffè così?

  3. Avatar andy61 ha detto:

    Io non credo che alla fine danneggerà le caffetterie tradizionali. Il prodotto è diverso e il target di cliente mi sembra diverso. Di certo mi aspetto tonnellate di sterili polemiche e discussioni su cosa sia il vero caffè. Personalmente amo l’espresso e mi piace anche molto il caffè americano, se buono: a mio modesto parere si tratta di prodotti diversi da consumarsi in momenti e modi diversi e pertanto non alternativi.

  4. Avatar rossana ha detto:

    Foto: ringrazio la redazione per averle postate perché guardandole mi sono chiesta: ma tutto ‘sto ambaradàn per fare un caffè?
    Datemi il mio espresso ritretto, piccolo, insostituibile, ecologicamente sostenibile.
    E a casa la mia mokina bialetti, senza la quale la giornata non parte…

  5. Avatar Andrea ha detto:

    Nelle prime settimane ci sarà la coda, indipendentemente dai prezzi e dalla qualità offerta. Boom di foto, hashtag, selfie, fuffa.

  6. Avatar Vittorio ha detto:

    Molto bello l’arredamento del locale, ma il format che impiegano prevede di far pagare un prodotto medio come fosse top di gamma sfruttando l’immagine e il marchio. In altri paesi funziona, da noi non saprei. Sono curioso di vedere fra due anni se sarà ancora aperto.

    1. Avatar Giulio ha detto:

      Sarà sicuramente aperto e non sarà neanche l’unico punto …funzionerà perchè dopo Expo Milano si è riempita di turisti stranieri che sono già abituati a questo tipo di offerta. Non posso giudicare il caffè perchè non ne ho mai bevuto uno in vita mia, però credo che anche come “esperienza” funzioni più per gli stranieri (intendo il fatto di restarsene per ore all’interno a scroccare il wifi col Mac) che per gli italiani, abituati al mordi e fuggi stile “milanese imbruttito” che beve, paga e scappa nello stesso tempo.

    2. Avatar Orval87 ha detto:

      Molto bello l’arredamento e le foto, ma perchè le hanno fatte col locale vuoto. Con la ressa sarà un locale odioso come tutti i locali con ressa.

    3. Avatar Orval87 ha detto:

      @Giulio, più che altro un italiano cresciuto in una famiglia normale si sentirebbe un morto di fame a pretendere di occupare un tavolo per ore pagando la miseria di un caffè.

    4. Avatar andy61 ha detto:

      Io penso proprio di sì. Intanto da Starbucks oramai il caffè è solo un di cui, poi è insieme a Princi che come panetteria ha una scelta veramente buona per cui mi aspetto comunque il pienone per pranzo. Basta vedere la bolgia che c’è a pranzo in Corso Venezia dove, per inciso, fanno uno dei migliori caffè del centro.

    1. Massimo Bernardi Massimo Bernardi ha detto:

      Considera, Andrea, che è anche riscaldato affinché all’appoggio non risulti freddo. Non sto scherzando