di Chiara Cavalleris 6 Settembre 2018

Siamo appena stati all’attesissima, esclusivissima e probabilmente storica inaugurazione italiana di Starbucks. Ovvero, la prima sede della catena di caffetterie più famosa al mondo, che mai aveva osato scontrarsi con la concorrenza italiana, una capillare quanto radicata cultura dell’espresso che nel bene e nel male non conosce altre ragioni. Potremmo parlare a lungo di come Starbucks potrà condizionare il mercato delle caffetterie italiano, se aiuterà o danneggerà il piccolo, seppur crescente, panorama dello Specialty Coffee, ma non è questo il momento.

[Starbucks apre in Italia domani: tutto ciò che dovete sapere prima di andarci]

Per ora, potete osservare la Reserve Roastery di piazza Cordusio nel suo insieme, o nei suoi (ricercatissimi) particolari, attraverso una galleria di fotografie inedita che abbiamo creato per voi, dalla macchina tostatrice attiva 24 ore algiorno all’eccentrico cold brew per l’estrazione a freddo, dal gelato di Alberto Marchetti fatto con l’azoto liquido al pane di Rocco Princi. L’apertura ufficiale sarà domani, 7 settembre (orari 7 del mattino – 23).

[Crediti foto: Chiara Cavalleris]