Venezia: nello speakeasy più bello d’Italia si entra con la parola d’ordine

Una chiesa costeggiata da un canale silenzioso.

Davanti a me una piccola porta, suono il campanello. Ho ricevuto la parola d’ordine con un’e-mail dopo aver preso appuntamento.

Mi trovo nel poco mondano Campo dell’Abbazia, a Venezia. Potrei amabilmente intrattenervi con la descrizione delle bellezze architettoniche se fosse giorno: il pavimento in cotto originale, i bassorilievi nella facciata dell’Abbazia della Misericordia, scolpiti nel X secolo.

chiesa

Ma sono le 22, e con alcuni amici sto per entrare in un cocktail club privato.

15 cocktail italiani senza rivali.

La febbre del gin artigianale italiano: 30 etichette senza rivali.

I 10 ristoranti del momento a Venezia.

5 gin bar che non dovete perdere a Bologna.

Campanello, dicevamo. Parola d’ordine. Ingresso.

Dietro la tenda di velluto rosso si apre uno spettacolo mozzafiato: il primo speakeasy di Venezia, ispirato ai locali nati negli Stati Uniti durante il proibizionismo, il periodo fra il 1919 e il 1933 in cui era vietato vendere bevande alcoliche.

Si chiama Chapel Club –non potrebbe essere altrimenti– mistura raffinata tra club privato e lounge artistica. Attiguo alla chiesa sconsacrata, è gestito da Art Events-Valorizzazioni Culturali, che recupera edifici storici, promuove eventi e organizza mostre d’arte, performance e concerti.

Chapel (18)

Se la storia degli speakeasy si è consumata nei retrobottega delle drogherie e nei passaggi segreti delle barbierie, tra personaggi di dubbia moralità in maniche di camicia e gilet, lo Chapel Club punta forte sulla raffinatezza dei drink, che ai tempi del proibizionismo, pare, lasciavano parecchio a desiderare.

Certo, rimangono esclusività e segretezza, poltrone e sgabelli di pelle (e di recupero), tavolini bassi, grammofono d’antan, jazz in sottofondo, candele e luci soffuse, ma la vera attrazione della festa è la carta dei cocktail.

Chapel (4)Chapel (13)Chapel (15)Chapel (12)Chapel (8)

Quando compare le chiacchiere rallentano, il brusio si abbassa, ma oltre ai cocktail c’è il regolamento del locale da rispettare.

Chapel (2)

— Niente cellulari, politica, religione, calcio? Figurarsi;
— si fuma fuori;
— vietati lo Spritz (che a Venezia è un sacrilegio, un plauso ai gestori dello speakeasy, invece) e la vodka, visto che negli anni del proibizionismo non esisteva;
— il bartender ha sempre ragione e per gentilezza, voce bassa.

Chapel (1)Chapel (11)

Accumunate da caratteri anni ’20, ci sono due liste da cui scegliere: una per i classici e l’altra per le creazioni originali, in entrambi i casi con un ricambio continuo. Qualche esempio?

— Bitter Valentine (Rye Whiskey, brown sugar, angostura, cherry liqueur, fernet);
— Funky Sour (Jamaican rum, amaretto, lemon juice, brown sugar, Peychaud, egg white);
— Moscow Molentis (gin, white myrtle liqueur, lime juice, rosemary).

Il prezzo è fisso: 10 euro.

È probabile che i veneziani amanti del bere miscelato notino qualcosa di familiare nelle liste, i gestori dello Chapel sono gli stessi de Il Mercante, cocktail bar dov’è un piacere sostare per qualche drink di fronte alla Chiesa dei Frari, secondo il Gambero Rosso e la guida dei Bar uno tra i migliori cocktail bar italiani.

Come conferma anche qui allo Chapel Club la tendenza a farsi in casa gli ingredienti delle bevande, sciroppi e sode, in particolare.

Chapel (17)Chapel (6)Chapel (14)Chapel (20)

Se bancone di legno, pelle morbida dei divani e qualche serata ad alta gradazione in una chiesa sconsacrata vi attirano, o se volete bere raffinato andando oltre il solito Spritz, chiamate il numero inglese + 44 7448649927 o scrivete a chapelclubvenice@gmail.com.

Chapel Club è aperto su appuntamento dal giovedì al sabato dalle 22 alle 3 del mattino. I posti disponibili sono 25.

Imparate bene la parola d’ordine, non fate troppe domande, soffermatevi un momento sul cocktail da scegliere poi niente tentennamenti: il bartender ha sempre ragione.

[Crediti | Immagini: Caterina Vianello]

Caterina Vianello Caterina Vianello

7 novembre 2017

commenti (3)

Accedi / Registrati e lascia un commento

  1. Quindi…si ispirano ai locali illegali del periodo del proibizionismo e per fumare un buon sigaro od una pipa…ti buttano fuori?
    Solo con questa regola capisci essere un locale nato dalle ragioni modaiole del momento e non per ricreare antiche consuetudini.
    Ma vedo anche delle qualità…
    Ammirevole non servire alcool a gente potenzialmente molesta, che non si parli di politica, religione e calcio e che non facciano bicchieri di vino annacquato e colorato da liquori fatti con acqua, zucchero e coloranti (leggi spriz)

    Ma regolamentarsi come “club” e non accettare carte di credito, più che un richiamo alla storia del proibizionismo o ad un “modus operandi” vecchio stile, potrebbe sembrare un modo per aggirare le nuove leggi con obbligo di accettare pagamenti elettronici…e la cosa non mi aggrada molto.

«
Privacy Policy