di Massimo Bernardi 29 Dicembre 2011


Succede che la lodevole rivista di eventi Bologna Spettacolo si prenda la briga di riassumere per i suoi lettori un post di Dissapore che “ha scatenato invettive e polemiche”. Molto gentile, grazie.

Si tratta di Bologna low cost: 10 indirizzi per mangiare con 25 euro, guida al miglior rapporto prezzo/felicità della città, completata da 108 commenti per lo più furiosi con il nostro elenco ma ricchi di alternative, anche.

A voler essere perfidi, si può usare il confronto cortesemente fornito da Bologna Spettacolo per inquadrare chi, tra gli editor di Dissapore e i suoi lettori, ha scelto meglio. Ma è politicamente scorretto, lo so, e forse possiamo fare di meglio. Tipo: provare a capire se è vero, come dicono i più saldamente in quota gourmet tra i bolognesi, che in città si mangia male. Addirittura decidere, e una volta per tutte, quali sono gli indirizzi utili a smentirli. Se possibile, senza spostarsi troppo dai 25 euro, ‘che i tempi sono quel che sono.

Siccome ‘sta volta essere precisi è una condizione non negoziabile, aggiungiamo le dritte dei migliori chef di stanza a Bologna raccolte dall’encomiabile Corriere Bologna. Ma andiamo con ordine.

Questi sono i 10 indirizzi low cost di Dissapore:

1. Il Calice; 2. Camera a Sud; 3. Clorofilla; 4. Da Bertino; 5. Eataly; 6. Osteria Broccaindosso; 7. Osteria del nonno; 8. Prima della pioggia; 9. Tamburini; 10. Agnese.

Questi sono i 10 indirizzi, un po’ meno low cost, dei lettori di Dissapore.

1. Osteria Bottega; 2. E’ Cucina 24; 3. Mulino Bruciato, 4. Osteria del Sole; 5. Pane Vino e San Daniele; 6. Rosso San Martino; 7. To Steki; 8. Trattoria da Maro; 9. Twin side; 10. Vito a San Luca.

Queste invece sono le scelte, decidete voi quanto low cost, dei migliori chef di stanza a Bologna, unica eccezione: Massimo Bottura.

— Massimo Bottura/Osteria Francescana, Modena: Osteria del Mirasole, Via Giacomo Matteotti 17, San Giovanni in Persiceto, tel. 051/821273.

— Marco Fadiga/Bistrot: Casa Carati, Via de’ Coltelli 9/2, tel. 051/2961446.

— Gianluca Esposito/Eataly: Ristorante Ajò, Via Matilde di Canossa 12, Monteveglio, tel. 051/830839.

— Daniele Minarelli/Osteria Bottega: Trattoria Venturoli, Via Roma 84, Baricella, tel. 051/879248

— Paolo Carati/Caminetto d’oro: Trattoria La Rosa, via del Bosco 2, Sant’Agostino (fe), tel. 0532/84098.

— Max Poggi/Cambio: Berberé via Pio la Torre n°4, Castel Maggiore, tel. 051.705715.

— Nikos Cleftodimos/ To Steki: Osteria La Vetta, Via Castel De’ Britti 41, Località Castel De’ Britti, tel. 051/6288563.

— Stefano Bussaglia/Ciacco: Ristorante Nuova Roma, Via Olivetta 87, Sasso Marconi, tel. 051/6760140.

— Erika Costa/Battibecco: Trattoria Nonna Rosa, Via Piave, 31 tel. 051/6153921.

— Mario Ferrara/Scacco Matto: Berberé, via Pio la Torre n°4, Castel Maggiore, tel. 051.705715.

— Ivan Poletti/Cantina Bentivoglio: Trattoria Entrà, Via Salde Entrà, Entrà (Mo), tel. 0535/97105.

— Aurora Mazzucchelli/Marconi: Osteria del Sole, via M. Tesi, 1109/b, Zocca, tel. 059/987361.

— Fabio Fiore/Quanto Basta: La Locanda dell’Agnese, via Larga 1, Castel Guelfo, tel. 0542/53321.

Alla fine del listone, ricordate che la nostra missione è smentire una cosa e deciderne un’altra.
1. E’ vero che a Bologna, come dicono in molti, si mangia male?
2. Quali sono gli indirizzi utili a smentirli, possibilmente senza spostarsi troppo dal budget 25 euro?