di Marco Lungo 7 Febbraio 2011

Oggi qui divulghiamo, mica chiacchiere. Tema della divulgazione i Dammela© Risto&Food, ovvero i locali dove si broccola, per essere più precisi, i ristoranti preposti ad agevolare la donazione d’organi tra maschi e femmine. Per non fare proprio un manuale Dammela© for Dummies, diamo per acquisito che tutti qui si abbia familiarità con la Dammela© Music e il suo indiscusso dominatore: Marvin Gaye. E un po’ anche con il prototipo del Dammela© Risto&Food: capito il tipo? Tramonto, vetrata sul mare d’inverno, camino che crepita.

Questo in generale, ora addentriamoci nelle prerogative più specifiche dei locali. I Dammela© Risto&Food sono sufficientemente silenziosi, siccome le chiacchiere dei vicini non devono disturbare i tavoli sono ben separati. I bambini… beh per una volta i bambini li lasciamo a casa. Fa ambiente la musica soffusa, se lounge o chill-out tanto meglio, sarà un filo soporifera ma la conversazione ha bisogno di scorrere tranquilla, vietato alzare la voce.

Servirebbe un po’ di familiarità con il personale, del tipo che, nonostante il cameriere vi conosca perché vi ha visto altre volte, l’aspirante donatrice (o donatore) d’organi non se ne deve accorgere e, in questo caso, ricompensatelo con debita mancia. Sedetevi dando sempre le spalle alla sala, non impedite la vista all’imminente preda, e se di tanto in tanto indugia in inquadrature diverse da voi, non siate gelosi, i commenti sugli altri avventori facilitano la scoperta di punti in comune, vi torneranno utili nei Dammela© Dialogue.

La parola chiave è “sorpresa”, serve un piatto che stupisca e induca la preda a fare la stessa scelta, una cosa che aumenta il gradiente di intimità come poche. Prima del cibo però, dobbiamo parlare dei Dammela© Drink. E’ consigliabile non andare direttamente a cena, meglio un aperitivo prima, e gli ape che stimolano sono tanti, primo fra tutti il Martini Cocktail, che fa sempre un po’ party, mentre è sconsigliato il Negroni (se interpretato come messaggio subliminale potrebbe creare delle false aspettative sulle vostre misure). Per non sbagliare mai consegnatevi alle Bollicine. Stupire con un buon champagne per insegnare come si gustano veramente le ostriche, aumenta drammaticamente le possibilità di successo finale, bene anche alcuni ottimi Franciacorta nostrani.

Riguardo al Dammela© Food, evitate che sia troppo economico o complicato da mangiare, annullate il rischio di mani sporche o abiti macchiati, quindi, ahimè, la mia amata pizza non rientra nel genere. Fate attenzione alla carne, se scegliete la cacciagione e la donatrice d’organi (o il donatore) è vegetariana e si commuove al pensiero della fine degli uccellini, si alza e se ne va. A quel punto, è compreso anche il vostro, come fine, intendo.

L’uomo entra ed esce sempre per primo e tiene la porta, non dimentichiamolo, ma liberatevene alla svelta perché uscire tenendosi per mano significa avviarsi verso il Dammela© Ending.

Bene, adesso tocca a voi scoprire le carte, siete in una classica Dammela© Situation, come vi comportate? Quali sono gli approcci? Sicuramente siete stati broccolati, diteci se l’approccio è stato all’altezza, lasciateci sbirciare nelle vostre conquiste o nei vostri fallimenti, vogliamo capire perché il Dammela© Dating ha o non ha funzionato. Mica solo per noi, anche per i ristoratori, che così si attrezzano meglio, dalla Dammela© Music al Dammela© Behaviour.

PS. Il presente annuncio è rivolto ad entrambi i sessi, ai sensi delle leggi 903/77 e 125/91″.

[Crediti | immagine: Guardian]