di Stefano Caffarri 2 Dicembre 2009

PAntagruel - Rende [CS]

Potresti avere l’idea che la Calabria gastronomica sia peperoncino e ‘nduja. In effetti, quando Tonino Napoli porta al tavolo la rosamarina ho due problemi: il primo è capire cosa sto mangiando, la seconda sopravvivere alla colata di lava che mi scende fino alle caviglie. L’Amico Calabrese mi guarda e dice:”mmm, poco peperoncino”.
La Casa di Pantagruel non è mai stata toccata dalla penna di un interior designer: le suppellettili si sono sedimentate con rovente calore nel tempo, le tele sciolte alle pareti sono intense e vive, le sale con i soffitti alti sono solo l’aspetto contemporaneo di un edificio arrotolato nel tempo. Lo chef ha voce tenue ma ferma e sicura come i suoi occhi lucenti quando dice: “c’è solo menù degustazione”.

Si fa cucina di mare strettamente di mercato, quel che c’è arriva nel piatto. Le preparazioni sono austere, come il carattere degli uomini di questa latitudine: ma ricche di una comunicativa che va intuita più che indagata.

Puoi ubriacarti di questo pomodoro che serve ad arrossire gli spaghetti con i frutti di mare, vongole gonfie e dolci, e una foglia di basilico: una varietà che cresce solo lì, il figlio meticcio di un sammarzano e un cuore di bue. Dolce e denso come una confettura, in realtà solo maturato al sole, spellato, e reso così. Come dire che la norma, maturare al sole, sa diventare straordinario nel nostro mondo frigorifero.

Puoi parlare anche di questi sgombri conservati, polputi assai e carnosi, maritati ad una cipolla di Tropea di giustezza: perfetta.

Puoi stupire all’acuto di quelle gocce di liquirizia, che proiettano altrove i semplici gamberoni pescati là fuori.

Indubbiamente: c’è vita su Marte.

PS.: la rosamarina è la neonata di sarde, conservata sotto sale e peperoncino.

…………………………………………………………………………………………………………………………..

  • Pantagruel
  • Via Pittor Santanna 2 – Rende CS
  • 0984443508www.pantagruelilristorante.it
  • Solo Degustazione a menù fisso, solo mare: per 40 euriali, bevande incluse.

…………………………………………………………………………………………………………………………..