Per la serie avere chiare le prorità, qui si vuol fare un censimento di esperienze mistiche o giù di lì. Epperò, non vale elencare le solite mangiatoie di lusso, così son buoni tutti. Vietati anche i trombonismi al cubo: pasti di 3 portate assunti come parametri, vino incluso o vino escluso, guide più o meno low-cost. Vogliamo sapere i posti dal rapporto conto-felicità più favorevole della vostra carriera di gastrofanatici. Okay, cominciamo noi.

1 – 00100 Pizza, via Giovanni Branca, 88 – Roma. Tel. 06 43419624.

Spin-off di Sforno, pizzeria romana di culto, eccelle nei “trapizzini”, convivenza riuscita tra le parole tramezzini e pizza. Mezzelune di pizza bianca farcite lì per lì. Il nirvana? Trapizzino con la trippa romana, fulmineo appagamento. Conto: trapizzino con una buona birra belga 10-15 euro.

2 – Nudo e Crudo, Porto Banchina Riva Nord Malfizia – San Benedetto del Tronto (AP). Tel. 393 6020140‎.

Bicocca riadattata a trattoria senza fronzoli sul porto di San Benedetto. Senza fronzoli significa anche senza servizio, si sceglie il pesce, dalle sconvolgenti ostriche al buonissimo fresco locale, e bicchiere di bianco alla mano ci si siede sui carretti dei pescatori accrocchiati fuori. Il conto difficilmente supera i 25 euro.

3 – Il Pergolato dalla Maria, Piazzale cadorna, 5 – Novilara (PU). Tel. 0721 287210.

“Affollato” è un’allegoria. La Maria è un posto da bolgia caciara baraonda ubriachi e bestemmiatori. Ciò non toglie che sforni la piada sfogliata più buona della storia umana e disumana. Non abboffatevi, o almeno provateci, nella loro forza espressiva le tagliatelle coi fagioli sono assimilabili al cubismo spagnolo. Conto finale sui 20 euro.


4 –
Rural, Corso verona, 15 – Torino. Tel. 011 2478470.

Apparenza (corda, pietra, mattone e legno) e sostanza (tajarin, batsoà, e un fatale gran bollito misto). Sarà anche l’osteria ”ruràl chic” e altre corbellerie, ma i 25/30 euro lasciate qui sono ben spesi, fidatevi.

5 – Da Renzina, Piazza Roma 6, – Località Forcatella, Savelletri (Brindisi). Tel. 080 4829075.

Il kit di degustazione di questo posto scompagnato (nel senso che è un caso unico) comprende: caciocavallo + mezza chilata di pagnotta, olive e insalata di polpo. La birra scorre a fiumi ma se portate il vino da casa nessuno fa scenate. I ricci si ordinano a stock di 25 la volta, già belli e aperti. Si paga a riccio (0,50 euro), il caciocavallo è a parte. Sedie di plastica indennizzate da una pregevole vista sul mare (NEL mare). In mano allo chef  Moreno Cedroni sarebbe il business del secolo.

[Fonti: Gambero rosso, immagini: Papero Giallo, San Benedetto Oggi,  Cavoletto di Bruxelles]

commenti (48)

Accedi / Registrati e lascia un commento

    1. Avatar francorugby ha detto:

      Vecchia Pirri a Modena,a pochi passi dal centro storico, tortellini da sballo e cotoletta alla bolognese,anche un’ottima pizza.Rapporto qualità prezzo ottimo.

  1. Avatar Leonardo Ciomei ha detto:

    Sicuramente da Benito, il miglior rapporto q/p della Toscana. A chi piace la vera fiorentina la spesa spesso non arriva a 30 euro, naturalmente anche con vassoio di antipasti e primo !

    Da Benito
    Via Martiri della Libertà, 2
    Orentano (PI) circa 6/7 km. dall’uscita Altopascio della Firenze-Mare
    Tel. 0583 23155 prenotare sempre – chiuso il mercoledì

    Poi nell’alta Garfagnana si trovano trattorie veramente a buon mercato.

    1. Avatar gianluca ha detto:

      il nome è un pò inquietante però 🙂

    2. Avatar Leonardo Ciomei ha detto:

      Ahem, non è proprio il luogo dove intavolerei col (simpatico e bravo) titolare una conversazione politica.. 🙂

    3. ……..ma non mi dire !!!

      Questi Osti politicizzati sono insopportabili.

      Ciao

    4. Avatar Nico aka tenente Drogo ha detto:

      che poi Benito fu chiamato così dal padre, socialista romagnolo, in onore di Benito Juarez
      l’origine del nome è “di sinistra”

    5. Che poi, chiama il locale Da Benito e sta in Via Martiri della Libertà.

      Il massimo.

    6. Avatar MAurizio ha detto:

      Anche perchè potrebbe sorgere qualche dubbio sulla provenienza delle “fiorentine” … :-)))

    7. Avatar GIANLU63 ha detto:

      lì, il vino, è bianco o nero

    8. Avatar manfre69 ha detto:

      Resta il fatto che il rapporto qualità prezzo è veramente alto!
      Superbi gli spaghetti alla puttanesca piccanti più che mai.

      Da Benito a Orentano

  2. Avatar dink ha detto:

    “Il Mediceo”, sul lungarno omonimo a Pisa, buoni ed enormi panini grigliati e farciti da tre euro e cinquanta fino ad un massimo di 6 euro e 50 (per un gigantesco doppio chessburger che ci si mangia in due); da bere Hoegaarden alla spina e altre birre belghe in bottiglia.

  3. Avatar Gianni Revello ha detto:

    “Vino e Farinata” a Savona, nel centro storico, in Via Pia 15.
    Il locale ha 130 anni, il forno a legna è ancora quello originale. Consiglio di prendere sia la farinata di ceci che quella di grano, dalle teglie appena sfornate. Per apprezzare al meglio le fette di farinata ancora calde è sufficiente sedersi semplicemente sulla panca di fronte al banco, accanto alle fascine e al forno a legna. Per qualche euro.

  4. Avatar A. ha detto:

    NUDO E CRUDO AL PORTO DI SAN BENEDETTO?!?!?!?!

    MA IO VI ADORO!!!!(anzi no, se gli fate pubblicità avrà ancora più successo di quanto ne ha ora)

    pesce fresco cucinato lì per lì a un metro dai pescherecci.Si può chiedere di più?!

    ah ci ho mangiato anche il sushi un pò poco low cost a dire la verità (1€ un pezzo))

  5. Ca’ di Gosita a Ne (Genova): un agriturismo straordinario dove, per meno di 30 euro a persona, si possono mangiare la torta baciocca di patate quarantine, la torta di cipolle rosse di zerli, i testaroli al pesto cotti nei testi di terracotta, i ravioli di magro con tocco di carne, la punta di vitello cotta nei testi con patate quarantine. Unico problema: è aperto solo il venerdì e sabato sera e la domenica a pranzo (e i coperti sono meno di 30).

  6. Ittiturismo La Laguna A Tavola, Sant’Antioco. Per 25 avrete sei antipasti di mare, primo pasta/riso con sugo di mare fresco e arrosto con pesce pescato il giorno (sono una cooperativa di pescatori) con -minimo!- anguille, orate, spigole, gamberoni e seppiette. Vino della casa e acqua. E se avanza il pesce, nessuna vergogna a portarselo via con vaschette usa e getta 🙂

    Io ci ho fatto il semiricevimento di uno dei miei matrimoni 😀

  7. Avatar Andrea Sponzilli ha detto:

    Ehm… credo che ci sia un errore nel titolo del post:
    >25 euro (maggiore di 25 euro)…
    Non dovrebbe essere <25 euro (minore di 25 euro)?
    😀

    p.s. magari è dovuto al richiamo latente delle tavole più quotate…

  8. Avatar Gianfranco Romanazzi ha detto:

    Per quanto riguarda i ricci c’è il fermo biologico dal 1 Maggio al 30 giugno.

  9. Avatar alessandro bocchetti ha detto:

    solo un nome: Pianella (pe) fernanda, i migliori arrosticini d’Abruzzo… quindi del mondo, carne e fegato tagliati a mano e cotti sulla brace… Una delizia ad un costo piccolissimo!
    Ciao A

    1. Avatar frhack ha detto:

      Fernanda ?
      Non lo trovo, sicuro che si chiama così?