La presentazione della Guida ai ristoranti de L’Espresso del Gambero Rosso raccontata attraverso il telefonino, aggiornate spesso il vostro browser.

Ore 12:00 – 3 FORCHETTE: Vissani – Baschi 94, La Pergola de l’Hotel Rome Cavalieri – Roma 94, Torre del Saracino – Vico Equense 94

Ore 12:01 – Combal.Zero – Rivoli 93, Reale – Rivisondoli 93, Don Alfonso 1890 – Sant’Agata sui Due Golfi 93

Ore 12:02 – Le Calandre – Rubano 92, Osteria Francescana – Modena 92, Dal Pescatore Santini – Canneto sull’Oglio 92
Laite – Sappada 92, Dal Pescatore Santini – Canneto sull’Oglio 92, Villa Crespi – Orta San Giulio 92, Piazza Duomo – Alba 92.

Ore 12:03 – Il Pagliaccio – Roma 91, Oasis Sapori Antichi – Vallesaccarda 91, Uliassi – Senigallia 91

Ore 12:04 – Le Colline Ciociare –  Acuto 90, Da Caino – Montemerano 90, Lorenzo – Forte dei Marmi 90, La Madonnina del Pescatore – Senigallia 90, La Madia – Licata 90, Miramonti L’Altro – Concesio 90, Enoteca Pinchiorri – Firenze 90,
Trussardi alla Scala – Milano 90, St. Hubertus – San Cassiano 90.

Ore 12:32 – TRE GAMBERI: Consorzio Torino, Locanda al Gambero Rosso Bagno di Romagna (FC), Angiolina Pisciotta (SA), Antichi Sapori Andria(BA), Osteria del Boccondivino Bra (CN), La Brinca Ne (GE), Vecchia Marina Roseto degli Abruzzi (TE), Ai Cacciatori Cavasso Nuovo (PN), Luna Rossa Terranova di Pollino (PZ), Caffè La Crepa Isola Dovarese (CR), Cibus Ceglie Messapica (BR), Locanda Mariella Calestrano (PR), Maso Cantanghel Civezzano (TN), La Ragnatela Mirano (VE), La Sangiovesa Santarcangelo di Romagna (RN), Osteria della Villetta dal 1900 Palazzolo sull’Oglio (BS).

Ore 12:37 – 3 BOTTIGLIE: Roscioli Roma, Ombre Rosse Preganziol (TV), La Baita Faenza (RA), Casa Bleve Roma, Le Case della Saracca Monforte d’Alba (CN), Del Gatto Anzio (RM), Enoteca Marcucci Pietrasanta (LU), Oste della Mal’ora Terni, Picone Palermo.

12:45 – PREMI QUALITA’-PREZZO: Villa Maiella di Guardiagrele (CH), Antica Osteria Marconi di Potenza, Il Papavero di Eboli, Avenanti del Grand Hotel Enturage di Gorizia, Quintilio di Altare (SV), Osteria del Sass di Besozzo (VA), ‘l Bunette di Pergolo (CN), La Vecchia Trattoria da Tonino di Campobasso, Marchese del grillo di Fabriano (AN),  Vigna del mar di Monopoli (BA), Mocaglio di Guardistallo (PI), Casolare dei segreti di Treia (MC), La Clusaz di Gignod (AO).

12:47 – PREMI INNOVAZIONE: 900 di Meina (NO), Il povero diavolo di Torriana (Rimini), Dal vero di Morgano (TV), Dattilo di Strongoli (CR), Glass Hostaria di Roma.

12:51 – PREMI TRADIZIONE: Lucanerie di Matera, La pergola di Vazza d’Alba (CN), Il Cigno Trattoria dei Martini di Mantova, Hosteria Giusti di Modena, L’Angolo d’Abruzzo di Carsoli (AQ).

12:55 – PREMIO CHEF EMERGENTE: Massimo Mantarro del Principe Cerami dell’Hotel San Domenico di Taormina.

12:56 – PREMIO CARTA DEI VINI – Oasis Sapori Antichi DI Vallesaccarda (AV) e Locanda Mariella di Calestano (PR).

13:00 – Massimo Bottura dice che per una sera, a Febbraio 2011, farà a cambio di ristorante con Gennaro Esposito che cucinerà all’Osteria Francescana di Modena, mentre Bottura sarà a La Torre del Saracino.

13:01 – Livia Iaccarino del ristorante Don Alfonso ringrazia il Gambero Rosso per aver attribuito al suo ristorante, Don Alfonso 1890, il giusto riconoscimento (93 punti). Ogni riferimento ad altre guide NON è puramente casuale.

13:02 – La prossima volta non mi siedo accanto a Gennaro Esposito, ogni volta che uno chef viene premiato urla e fa i cori come fossimo allo stadio. Però è simpatico.

13:03 – Al momento della premiazione di Salvatore Tassa del ristorante Le Colline Ciociare c’è stata una vera ovazione.

13:11 – Qui qualcuno si chiede se Il Pagliaccio di Anthony Genovese, premiato per la prima volta con le 3 Forchette, non stia cambiando gestione.

13:17 – Le regioni più rappresentate tra le 3 Forchette sono: Piemonte, Lombardia, Toscana, Lazio, Campania, ognuna con due ristoranti.

13:21 – Le nuove 3 Forchette sono Anthony Genovese del Pagliaccio di Roma, Salvatore Tassa delle Colline Ciociare di Acuto (FR) e Andrea Berton del Trussardi alla Scala di Milano. Tornano tra le 3 Forchette il Miramonti l’altro di Concesio, Lorenzo di Forte dei Marmi, e il St.Hubertus di San Cassiano.

13:45 – Ora i risultati regione per regione:

Valle d’Aosta | 82, Le Petit Restaurant dell’Hotel Bellevue di Cogne (AO) e Cafè Quinson di Morgex (AO) – 80, Vecchio Ristoro di Aosta, La Clusaz di Gignod (AO), La Cassolette del Mont Blanc Hotel Village di La Salle (AO).

13:50 – Piemonte | 93, Combal.Zero di Rivoli (TO) – 92, Piazza Duomo di Alba (CN) e Villa Crespi di Orta San Giulio – 89, Guido da Costigliole di Santo Stefano Belbo (CN) – 88, All’Enoteca di Canale (CN), Antica Corona Reale di Cervere (CN), Piccolo Lago di Verbania – 87, Pinocchio di Borgomanero, Guido di Bra (CN).

13:55 – Liguria | 86, L’Arco Antico di Savona – 84, A Spurcacciun-a de l’Hotel Mare di Savona e La Conchiglia Taggia (IM) – 83, Paolo & Barbara di San Remo (IM), 82, Palma di Alassio (SV), Paracucchi Locanda dell’Angelo di Ameglia (SP), Doc di Borgio Verezzi (SV), Il Rosmarino de l’Hotel La Meridiana di Garlenda (SV), Baldin di Genova, Agrodolce di Imperia, Balzi Rossi di Ventimiglia (IM).

14:00 – Lombardia | 92, Dal Pescatore Santini di Canneto sull’Oglio (MN) – 90, Miramonti l’Altro di Concesio (BS), Trussardi alla Scala di Milano – 89, Ambasciata di Quistello (MN) – 88, Il luogo di AImo e Nadia di Milano – 87, Mistral del Grand Hotel Villa Serbelloni di Bellagio (CO), Da Vittorio di Brusaporto (BG), Gambero di Calvisiano (BG), Cracco di Milano, Il Sole di Ranco (VA) – 86, Ilario Vinciguerra Restaurant di Galliate Lombardo (VA), Villa Fiordaliso di Gardone Riviera (BS).

14:10 – Veneto | 92, Le Calandre di Rubano (PD) e Laite di Sappada (BL) – 89, Arquade de l’Hotel Villa del Quar di San Pietro in Cariano (VR), Met Restaurant de l’Hotel Metropole di Venezia – 88, Perbellini di Isola Rizza (VR), La Peca di Lonigo (VI) – 87, Gellius di Oderzo (TV), Il Desco di Verona – 86, Dolada di Pieve d’Alpago (BL) – 85, Antica Osteria da Cera di Campagna Lupia (VE), Dal Vero di Morgano (TV), Locanda San Lorenzo di Puos d’Alpago (BL), La Montecchia di Selvazzano Dentro (PD).

14:20 – Trentino Alto Adige | 90, St.Hubertus de l’Hotel Rosa Alpina di San Cassiano (BZ) – 89, La Stua de Michil de l’Hotel La Perla di Corvara in Badia (BZ) – 88, Zur Ruse di Appiano (BZ), 87, Schöneck di Falzes (BZ) – 86, Kuppelrain di Castelbello Ciardes (BZ), Sissi di Merano (BZ), Anna Stuben de l’Hotel Gardena di Ortisei (BZ), Zum Löwen di Tesimo (BZ), Trenkerstube de l’Hotel Castel di Tirolo (BZ).

14:30 – Friuli Venezia Giulia | 87, Osteria Altran di Ruda (UD) – 86, Agli Amici Trattoria dal 1887 di Udine – 85, Al Castello di Trussio dell’Aquila d’Oro di Dolegna del Collio (GO) – 84, Là di Petròs di Colloredo di Monte Albano (UD), La Primula di San Quirino (PN) – 83, Vanilija à la Carte dell’Hotel Eden di Duino Aurisina (TS), Avenanti del Grand Hotel Entourage Gorizia, Campiello di San Giovanni al Natisone (UD).

14:40 – Emilia Romagna | 92, Osteria Francescana di Modena – 88, San Domenico di Imola (BO), Antica Osteria del Teatro di Piacenza – 87, Paolo Teverini di Bagno di Romagna (FC), Il Rigoletto di Reggiolo (RE), Il Povero Diavolo di Torriana (RN) – 84, Vite di Coriano (RN), Il Piastrino di Pennabilli (RN) – 83, Il Sole di Castel Maggiore (BO), La Frasca di Cervia (RA), Magnolia di Cesenatico (FC), Villa Maria Luigia di Collecchio (PR), Hosteria Giusti di Modena.

14:50 – Toscana | 90, Enoteca Pinchiorri di Firenze, Lorenzo di Forte dei Marmi (LU), Da Caino di Montemerano (GR) – 89, La Tenda Rossa di San Casciano in Val di Pesa (FI) – 88, Arnolfo di Colle di Val d’Elsa (SI), Il Canto dell’Hotel Certosa di Maggiano (SI), Romano di Viareggio (LU) – 87, Il Pellicano di Porto Ercole (GR) – 86, Bracali di Massa Marittima (GR) – 85, La Magnolia del l’Hotel Byron – 83, Il Votapentole di Castiglione della Pescaia (GR), Ora d’Aria di Firenze, Il Piccolo Principe del Grand Hotel Principe di Piemonte di Viareggio (LU).

15:00 – Marche | 91, Uliassi di Senigallia (AN) – 90, La Madonnina del Pescatore di Senigallia (AN) – 88, Symposium Quattro Stagioni di Serrungarina (PU) – 86, L’Enoteca di Macerata, Giardino di San Lorenzo in Campo (PU) – 83, Marchese del Grillo di Fabriano (AN) – 82, Il Clandestino Susci Bar di Ancona, Andreina di Loreto (AN).

15:10 – Umbria | 94, Vissani di Baschi (TR) – 84, Il Postale del Castello di Monterone (PG) e La Bastiglia di Spello (PG) – 82, Villa Roncalli di Foligno (PG) – 81, Vespasia di Palazzo Seneca di Norcia (PG) – 80, Redibis del Relais Orto degli Angeli di Bevagna (PG), I Sette Consoli di Orvieto (TR), Le Melograne dell’Hotel Le Tre Vaselle di Torgiano (PG).

15:20 – Lazio | 94, La Pergola dell’Hotel Rome Cavalieri di Roma – 91, Il Pagliaccio di Roma – 90, Le Colline Ciociare di Acuto (FR) – 89, La Trota di Rivodutri (RI) – 87, Open Colonna di Roma – 85, Enoteca La Torre di Viterbo – 84, La Parolina di Acquapendente (VT), Il Convivio Troiani di Roma – 83, Pascucci al Porticciolo di Fiumicino (RM); 82, Pierino di Anzio (RM), Acqua Pazza di Ponza  (LT), Al Ceppo di Roma, Settembrini di Roma, Il Granchio di Terracina (LT).

15:30 – Abruzzo | 93, Reale di Rivisondoli (AQ) – 85, Villa Maiella di Guardiagrele (CH), 84, L’Angolo d’Abruzzo di Carsoli (AQ), Café Les Paillotes di Pescara – 83, La Bandiera di Civitella Casanova (PE) – 81, Elodia di L’Aquila, Al Metrò di San Salvo (CH) – 80, Il Ritrovo d’Abruzzo di Civitella Casanova (PE), Casa d’Angelo  di Fara Filiorum Petri (CH), Beccaceci di Giulianova (TE).

15:35 – MOLISE | 84, Vecchia Trattoria da Tonino di Campobasso – 76, Ribo di Guglionesi (CB), 75, L’Elfo di Capracotta (IS), Miseria & Nobiltà di Campobasso.

15:40 – Campania | 94, La Torre del Saracino di Vico Equense (NA) – 93, Don Alfonso 1890 di Sant’ Agata sui due Golfi (NA) – 91, Oasis Sapori Antichi di Vallesaccarda (AV) – 87, Relais Blu di Massa Lubrense (NA) – 86, Taverna Estia di Brusciano (NA), Il Mosaico del Terme Manzi Hotel di Ischia (NA) – 85, La Caravella di Amalfi (SA), Taverna del Capitano di Massa Lubrense (NA), Il San Pietro di Positano (SA) – 83, Il Faro di Capo d’Orso di Maiori (SA), La Locanda di Bu di Nusco (AV) – 82, Pappacarbone di Cava de’ Tirreni (SA), Palazzo Petrucci di Napoli, Rossellinis de l’Hotel Palazzo Sasso di Ravello (SA), Vairo del Volturno di Vairano Patenora (CE).

15:50 – Puglia | 86, Già Sotto l’Arco di Carovigno (BR) – 85, Bacco di Bari – 84, Pashà di Conversano (BA) – 83, Il Poeta Contadino di Alberobello (BA), Il Ventaglio di Foggia, La Strega di Palagianello (TA) – 81, La Cuccagna  Giro di Vite di Crispiano (TA) – 79, Taverna il Jalantuùmene di Monte Sant’Angelo (FG), Masseria Petrino di Palagianello (TA), Torrente Antico di Trani (BT).

15:55 – Basilicata | 81, Antica Osteria Marconi di Potenza – 77, Baccanti di Matera – Tipicamente di San Fele (PZ) – 76, Lucanerie di Matera, Palazzo dei Poeti di Tursi (MT) – 75, San Pietro Barisano di Matera.

16:00 – Calabria | 83, La Locanda di Alia di Castrovillari (CS) e La Tavernetta di Spezzano della Sila (CS) – 82, Dattilo di Strongoli (KR) – 81, Osteria Lo Sciamano di Soverato (CZ) – 78, Baylik di Reggio Calabria.

16:05 – Sicilia | 90, La Madia di Licata (AG) – 89, La Gazza Ladra dell’Hotel Palazzo Failla di Modica (RG) – 88, Duomo di Ragusa, 87 – Principe Cerami dell’Hotel San Domenico di Taormina (ME) – 86, Casa Grugno di Taormina (ME) – 84, Locanda Don Serafino di Ragusa – 83, La Capinera di Taormina (ME) – 82, Piccolo Casale di Milazzo (ME), Al Fogher di Piazza Armerina (EN).

16:10 – Sardegna | 83, Andreini di Alghero – 82, Da Nicolo di Carloforte – 81, La Ghinghetta di Portoscuso (CA) – 80, Giagoni di Olbia, Su Gologone di Oliena (NU), Da Giovannino di Porto Rotondo – 79, Dal Corsaro di Cagliari – 78, La Guardiola di Castelsardo, Gallura di Olbia, Da Achille di Sant’Antioco.

commenti (73)

Accedi / Registrati e lascia un commento

    1. Avatar Erica ha detto:

      E’ la svista giusta per alcuni detrattori di ns conoscenza ;)…

  1. Avatar giovanni ha detto:

    Ma se la Pergola sulla guida di Roma a 93 punti,come fa ad avere 94 sulla guida nazionale??

    1. Avatar diego ha detto:

      grande gianni ec anche ilario vinciguerra sulla guida di milano 87 e su quella nazionale 86 cioè lo stesso del 2010.
      ma che combinano..

    2. Avatar flavia ha detto:

      Non si capisce niente più.
      mi spiace per il grande ilario vinciguerra a prescindere dal punto credo che si meriti anche lui le tre forchette non copisco come mai non le abbia….

  2. Avatar Antonio Scuteri ha detto:

    Per par condicio posto anche qui il mio pregevole lavoro 😀

    Vissani: perde un voto
    La Torre del Sarfacino: stabile
    La Pergola: un punto in più
    Combal: stabile
    Don Afonso: stabile
    Le Calandre: meno 1
    Reale: più 2
    Francescana: stabile
    Laite: più 1
    Dal Pescatore: stabile
    Piazza Duomo: stabile
    Villa Crespi: stabile
    Oasis: più 1
    Il Pagliaccio: più 3
    Uliassi: stabile
    Caino: meno 1
    Colline Ciociare: più 3
    Lorenzo: più 2
    La Madia: stabile
    La Madonnina: meno 1
    Miramonti l’Altro: più 2
    Pinchiorri: meno 3
    St Hubertus: più 2
    Trussardi: più 4

    Perdono le Tre Forchette:

    Perbellini
    Il Canto
    Met

  3. Avatar Silvio ha detto:

    Lopriore,Cracco senza le Tre forchette?C’e da essere impazziti!Ci saranno andati a mangiare o non rientrano nel DNA redazionale di “quelli che il Gambero Rosso”?

  4. Avatar Luca Montini ha detto:

    che suona come: per l’Espresso si e per il Gambero no suvvia!!!:):):):)

  5. Avatar Giancarlo Perrotta ha detto:

    Per i lettori “disattenti” o che non conoscono le precedenti edizioni della Guida, ricordiamo che i punteggi di quella pubblicata il 24 giugno e di un’altra che esce l’11 ottobre 2010 possono cambiare. La Pergola del Rome Cavalieri (visitato anche il 31 luglio 2010 da me) non è l’unico. Leggete… e guardate gli ultimi venti anni, soprattutto quando c’è tempo è bene aggiornare i punteggi e, quando è il caso, i testi.
    Qualche errore di stampa c’è sempre, in un libro così complesso (noi non ricordiamo mai quelli della concorrenza) ma tra “il dito” e “la luna”, che viene dal dito indicata, chi guarda un dito (uno dei tantissimi) non leggerà mai bene un libro. Occhio al contenuto! 🙂

  6. Avatar Giancarlo Perrotta ha detto:

    Quanto a Il Canto e a Cracco, ma anche Perbellini e Fasolato o altri, sono tutti grandi ristoranti e chef che rientrano eccome nel nostro DNA, tanto è vero che chi prima chi dopo hanno tutti avuto Tre Forchette. Comunque, visto che c’è ancora libertà di giudizio, quello della Guida 2011 del Gambero Rosso è il risultato dei pareri di noi modesti e umili appassionati nonché di moltissimi lettori che, come noi, evidentemente capiscono poco… 🙂

    1. Avatar Nico aka tenente Drogo ha detto:

      scusi, in che senso è il risultato anche dei pareri dei lettori?
      seguite un metodo “Zagat”?

    2. Avatar Giancarlo Perrotta ha detto:

      Personalmente rispondo a lettere e telefonate di lettori, cercando di tener conto dei loro pareri. Comunque in redazione io o i redattori le risponderemo e mi farà piacere incontrarla!

    3. Avatar Nico aka tenente Drogo ha detto:

      grazie dell’invito
      più divertente incontrarsi a tavola
      chissà …

    4. Giancarlo Perrotta, d’accordo, ma c’è anche la libertà di giudicare chi giudica. Lopriore è uno dei pochi artisti della cucina italiana. La sua cucina non è “servizio”, non è un “massaggio”, non è “comfort”: è arte. E l’arte è spesso scorbutica, non è compiacente.
      Io vado dal notaio per ricevere un buon servizio, quello che _io_ giudico un buon servizio; chiamo l’imbianchino per essere, _io_, soddisfatto del suo buon lavoro artigianale; compro una tastiera per computer aspettandomi di trovarla, _io_, funzionale. Ma _non_ vado dall’artista per essere “accarezzato”. L’artista ti prende sempre un po’ a pugni sui denti, anche quando ti accarezza. Non è l’artista che deve fare un passo verso il fruitore, ma è il fruitore che deve fare un passo verso l’artista.

      Giovanni

    5. Avatar Gioveppe Padovese ha detto:

      perfetta disanima: per gran fortuna del mondo ( e scarsissima fortuna dei molti ” artisti” ) noi poco avanzati fuirotir…abbiamo possibilità di sciegliere ..l’artista…; ahimè, i grandi della storia ( in arte davvero) spesso son finiti in torrenti, con orecchie mozze, tubercolosi o in pazzia da miseria: ora, ai nostri IPOD tempi, pacojet Tempi, ipertecnoliche cucine e spazi tempi….lo conosce lei , Giovanni, qulacuno di questi !aritsti” disposti , per la loro arte, a tale misera fine? ……io, di poco esperienz, proprio no…quel poco che li vedo son griffati, cachemirati, rolexati e ahimè tanto, tanto tanto lontani dall’arte

    6. Io – come al solito – non parlo di quello che la cucina è, ma di quello che può essere. Affinché la cucina diventi quello che può essere (pura arte), è utile che si incoraggino coloro che per il momento si avvicinano maggiormente a tale concezione (Adrià, Aduriz, Lopriore…).
      A me non farebbe affatto piacere se Lopriore finisse a dover lasciare un diario di ricette ai posteri, sperando che arrivino tempi in cui sia capito. Io preferisco che si possa godere oggi – magari in pochi, ma abbastanza per mantenere su l’impresa – della sua arte. Pertanto scelte come la sua vanno solo incoraggiate.

      Giovanni

    7. Avatar Leo ha detto:

      Questa è una guida fatta per persone “comuni” che vanno al ristorante per mangiare. Nessuno mette in dubbio l’artista che è in Lopriore. Il problema è che il 95% di persone che vanno a mangiare al ristorante non può concepire quella cucina. Parlo dal punto di vista oggettivo. Per il semplice fatto che lì non si mangia, si gioca. E quando spendi soldi per giocare, se il gioco non ti piace non va bene.
      Perchè Crippa (che ha lo stesso approccio filosofico di Lopriore con la cucina) è considerato da tutti e nessuno gli da contro? Semplice. Perchè Crippa fa una cucina artistica, ma allo stesso tempo, sempre commestibile. Cosa deve pensare una persona “non gourmet” che va a mangiare il parfait al limone sale e liquirizia di Lopriore? Secondo me pensa che qualcuno lo stia prendendo per il c…!

    8. Avatar Leo ha detto:

      Si ma questi sono in pochi, la guida è fatta da un’azienda che deve vendere. Per il bene e il cuore di chi ci lavora..

    9. Non credo che la guida de L’Espresso fallirebbe se desse 19,5 a Lopriore, né credo che fallirebbe quella del Gambero se gli desse 94, né la Michelin se gli desse tre stelle.
      Si venderebbe ugualmente. Forse di più. E si avrebbe la coscienza più a posto.

      Giovanni

    10. Avatar Giancarlo Perrotta ha detto:

      Bisogna vedere se il fruitore in quell’artista ci trova l’arte… Peraltro l’arte si trova negli artisti e non negli artigiani, e in questo sono d’accordo con Enzo Vizzari.

    11. Avatar alfredo ha detto:

      La solita scusa dell’artista non compreso, del genio mai capito dalla massa che non possiede gli strumenti per coglierne il valore. Molto divertente, autobiografico forse?

    12. che barba, che noia questa visione della cucina come arte…
      Escoffier, point, Paracucchi, Cantarelli, Bergese… se stanno ancora a rigirà nella tomba! 😉
      Cmq la cucina è un alto artigianato (per me), per il semplice fatto che non si è svincolata dal rapporto forma/funzione… Si può ascoltare Bartok, persino Riley, ma non leggere Lucaks e la scuola di francoforte 😉
      Cmq giochi a parte le guide come l’espresso o il gambero, si chiamano guide ai ristoranti d’Italia, Ristoranti e non Cuochi. Una distinzione non da poco, persone colte come Lagnese, sapranno sicuramente quando e come sono nati i ristoranti nel mondo occidentale…
      Cmq che noia, anche queste polemiche fanno parte del solito carrozzone di inizizo stagione 😀
      Ciao A

    13. mah, va bene, per carità Giovanni tu puoi fare quel che credi: destrutturare, citare, romper schemi, parlare di fantascienza. Personalmente vedo la cucina come un unicum, in cui le fondamenta sono altrettanto importanti delle prospettive. Point e Bergese sono essenziali quanto Adrià o Aizparte 😉 Insomma cito chef passati come maestri esattamente come tu citi musicisti passati, in un unicum…
      Cmq il rapporto forma funzione, non è mai stato superato (ancora) per il semplice fatto che il cibo ancora è edibile e la sua funzione è darci nutrimento 😀
      Per carità, padrone di non accettare la definizione di ristorante, ma le guide di cui stiamo parlando si chiamano “guide ai ristoranti d’Italia”, il ristorante è nato dopo la rivoluzione francese, quando la borghesia ha iniziato ad avere l’esigenza di mangiare bene e abbastanza soldi da permetterselo, ma non abbastanza da pagarsi un cuoco… Servizio dunque! Sai quando si gioca ad un gioco è fondamentale conoscere le regole e condividerle 😉
      ciao A

    14. mai stato conservatore in vita mia! 😛
      cmq non mi convinci, le tue evoluzioni sul rapporto forma/funzione sono encomiabili, ma tradiscono il rumore delle unghie che cercano di arrampicarsi sul liscio degli specchi 😀
      Scherzi a parte, allora mi/ti domando perchè si fanno due servizi nei grandi ristoranti: pranzo e cena? se non ci fosse una parte di servizio si potrebbero fare a ciclo continuo 😉
      Ciao A

    15. Avatar flavia ha detto:

      stimatissimo notaio , sù Vinciguerra che mi dice???
      che su milano è uscito con 87 e poi dopo due settimane sulla guida nazionale con lo stesso punteggio del anno passato cioè 86.
      peccato credo che sia un ottimo ristorante

    16. Vedere che qui c’è qualcuno che parla di musica seria mi ripaga di tutti gli sfottò subiti dai pasdaran del fighettume jazzistico che qui va per la maggiore.

  7. Avatar Cris ha detto:

    e l’Arquade, visto il cambio di chef, quale punteggio avrebbe ottenuto? Grazie

    1. Avatar Antonio Scuteri ha detto:

      89, uno in più dello scorso anno
      52 di cucina