di Massimo Bernardi 8 Luglio 2009

La pizza al metro di Michele da Ale, a Senigallia

Possiamo decidere su cosa siamo d’accordo? 1) Indubbiamente c’è consenso, fra noi voglio dire, sul pessimo fotografo—io—peraltro unicamente dotato di iPhone. 2) Ho mangiato una pizza con i superpoteri, la migliore del mondo lontano da Napoli. Farina 00, acqua, lievito madre, sale marino. Al metro, cornicione alto, centro sottile e morbido per consentire la piegatura a libretto, e la insidacabile fogliolina di basilico. 3) La pizza capolavorizzante abita sul Lungomare Da Vinci di Senigallia (AN), al 33, nel ristorante-pizzeria Michele da Ale, posto nel quale mi sarei ben guardato dall’entrare se non me lo avesse consigliato il cuoco Uliassi. La prima volta che ci andate vi vampirizza con la pizza. E dopo è un casino, ecco.