di Camilla Baresani 2 Marzo 2013
Calamaretti ripieni, Romano, Viareggio

Ci sono ristoranti che rassicurano: il menu non è creativo, quindi capisci cos’hai nel piatto senza che qualcuno ti debba spiegare la particolare tecnica con cui è stato trattato il cibo per scomporlo/rispettarlo/essiccarlo/sferificarlo… Tuttavia, e questo è fondamentale per ogni gourmet, i piatti non si limitano a essere riconoscibili, fermi, fissi e frontali come icone bizantine: le materie prime che li compongono sono state scelte secondo canoni di qualità ben più esigenti che nel passato, le tecniche di cottura sono più rispettose, le composizioni fanno risaltare i sapori delicati anziché coprirli, e c’è un gusto compositivo per cui l’insieme è bello e non solo buono.

Tutto questo succede da Romano, storico ristorante viareggino (esiste dal ’66), a pochi minuti dal mare. Calamaretti ripieni di verdure e crostacei, fritto di fiori di zucca farciti con scampi, riso Acquerello con gamberi e calamari, linguine Gerardo di Nola alla viareggina con frutti di mare e pesce, guazzetto di scampi e sparnocchi, crostacei e molluschi gratinati: sono alcuni dei piatti classici di Romano sorprendenti per freschezza, fragranza ed equilibrio.

Squisito anche l’agnello della Garfagnana “in manto d’erbe aromatiche e verdure fritte”.

Romano Franceschini, ristorante romano, viareggioRomano Franceschini, ristorante romano, viareggioRomano Franceschini, ristorante romano, viareggio, linguineRomano Franceschini, ristorante romano, viareggio, fritto

Alla qualità della cucina si aggiunge una doviziosa selezione di cantina: leggendo la carta dei vini vi perderete nelle pagine dedicate allo Champagne, tra i vintage di eccellenza e le cuvée più pregiate delle varie maison.

Per orientarvi e fare bella figura con i vostri commensali, preparatevi con Bollicineterapia (Salani), l’agile guida della sommelier Chiara Giovoni, “ambasciatrice italiana dello champagne”.

Senza bollicine, spenderete circa 90 euro.

Ristorante Romano,
via Mazzini 122, Viareggio
Tel.: 058431382

[Crediti | Dalla rubrica “Cibo e Oltre” di Camilla Baresani su Sette, inserto del Corriere della Sera. Immagini: Vincenzo Pagano]