di Marco Locatelli 11 Giugno 2020

Il direttore della popolare rivista gastronomica Bon Appétit, Adam Rapoport, si è dimesso lunedì, poche ore dopo che una vecchia foto di lui e sua moglie del 2004 è riemersa su Twitter. Nello scatto – durante una festa di Halloween di 16 anni fa – il giornalista appariva a fianco della moglie travestito da portoricano, esibendo una rappresentazione ritenuta, anche da diversi membri del magazine, particolarmente stereotipata.

In una recente dichiarazione su Instagram, Rapoport ha scritto “rifletterò sul sul lavoro che devo fare come essere umano e per consentire a Bon Appétit di raggiungere un posto migliore”. Rapoport, che è stato direttore di GQ prima di assumere l’attuale incarico nel 2010, ha lavorato per Condé Nast per 20 anni.

L’immagine in questione, riapparsa su Twitter pochi giorni fa, ha causato un forte scalpore, in modo evidentemente ampliato alla luce dell’ondata di proteste che ha attraversato gli USA nei giorni scorsi per la morte di George Floyd.

Come riporta il New York Times, gli stessi dipendenti del magazine hanno tacciato la linea editoriale come fortemente razzista, accusando inoltre l’editore di pagare di più i bianchi rispetto ai dipendenti di colore. Accuse smentite poi dall’editore Condé Nast.

Nello specifico della foto “incriminata” – che era già stata ripubblicata una seconda volta nel 2013 dalla moglie di Rapoport sul suo account privato Instagram – ritrae l’ex direttore con indosso un durag, un berretto da baseball e delle catene. Il post Instagram del 2013 era inoltre accompagnato dal tag “boricua”, parola utilizzata dai portoricani per identificarsi.