di Manuela 21 Maggio 2020
agricoltura

L’Istat ha rivelato i dati di produzione per quanto riguarda l’intero settore agricolo nel 2019. Si è così visto che l’agricoltura ha subito un calo di produzione dello 0,8%. Tuttavia l’entità della riduzione varia a seconda che si parli di agricoltura, silvicoltura o pesca.

Nel 2018 il settore era andato in positivo, registrando un +1,6%. Nel 2019, invece, tutto il settore dell’agricoltura, silvicoltura e pesca ha registrato una flessione: la produzione è calata in volume dello 0,7%, mentre il valore aggiunto è sceso all’1,6%. Parlando dei singoli settori, questi sono stati i dati:

  • agricoltura: -0,8% del volume di produzione; -1,7% del valore aggiunto
  • silvicoltura: -0,7% del volume di produzione; -1,1% del valore aggiunto
  • pesca: +1,7% del volume di produzione; +1,6% del valore aggiunto

Come potete notare, solamente il settore della pesca ha visto degli aumenti. Per quanto riguarda, invece, l’industria alimentare, delle bevande e del tabacco, nel 2019 si è confermato il trend di crescita: è aumentato del 2,7% per i prezzi e del 2% in volume.

Guardando i dati del complesso del comparto agroalimentare (quindi agricoltura, silvicoltura, pesca e industria alimentare), il valore aggiunto ha registrato un +1% per i prezzi, mentre un +0,1% per il volume. Proprio in questo comparto si registra il 4,1% del valore aggiunto di tutta l’economia, con un aumento rispetto al 3,9% del 2018; il 2,2% del settore primario (nel 2018 era il 2,1%); l’1,9% dell’industria alimentare (fermo all’1,8% nel 2018).