Agroalimentare, le startup a tema food crescono del 9% in cinque anni

Un'elaborazione della Camera di commercio di Milano ha sottolineato l'incremento in popolarità delle startup nel settore agroalimentare.

startup del cibo

1500: è il numero di imprese e startup operanti nel settore agroalimentare guidate da giovani imprenditori nell’area di Milano, Lodi, Monza e Brianza registrate nell’anno 2021, con un organico complessivo di quasi 3 mila addetti. È quanto emerge da un’elaborazione dell’Ufficio Studi, statistica e programmazione della Camera di commercio di Milano, che sottolinea anche come i giovani che hanno deciso di intraprendere questa carriera imprenditoriale siano cresciuti del 9% negli ultimi cinque anni.

Frutta e verdura

Numeri che fanno delle startup innovative in ambito agroalimentare, 44 in tutto, il 14% del complessivo italiano. E saranno proprio loro le protagoniste del Tavolo Giovani Agrifood Tech organizzato dalla Camera di commercio di Milano, Monza Brianza e Lodi, che si terrà martedì 22 febbraio. Tra le idee più innovative spiccano la creazione di sistemi intelligenti di monitoraggio e diagnostica per la salute delle api, robot che permettono di automatizzare le tecniche di coltivazione fuori suolo, o ancora lo sviluppo di tecnologie di raccolta e analisi di dati per aiutare gli agricoltori a far fronte alla natura repentina dei cambiamenti climatici.

Alvise Biffi, membro di giunta della Camera di commercio di Milano, non ha alcun dubbio in merito: il presentare soluzione innovative in un settore come l’agroalimentare, creando “sinergie tra agricoltura e tecnologia” è la strada giusta per “apportare miglioramenti che si traducono in vantaggi competitivi per le imprese”.