di Manuela 16 Aprile 2020
alcol mask

A proposito di alcol e liquori: Poli Distillerie lancia l’Alcol Mask, uno spray igienizzante per mascherine. L’azienda artigianale di proprietà della famiglia Poli dal 1898 ha deciso di dare il suo contributo nella lotta contro la Covid-19 ideando uno spray igienizzante che consente di sanificare e riutilizzare le mascherine.

Il fatto è che quando ripartirà la Fase 2 dovremo abituarci all’idea di usare sempre le mascherine quando usciamo di casa, soprattutto quando si va in luoghi affollati. Il problema è che, tecnicamente, le mascherine dovrebbero essere monouso, ma è semplicemente impensabile poterne cambiare una ogni volta che si esce di casa: al di là del costo, non ce ne sarebbero mai abbastanza per tutti.

Quindi ecco che da qui nasce la necessità di avere presidi certificati che permettano di sanificarle. Poli Distillerie ha ideato questo spray igienizzante fatto di alcol etilico neutro al 75% e aroma naturale di menta, confezionandolo poi in un flaconcino da 50 ml comodo da tenere in tasca, in borsa o in auto. Oltre che le mascherine, può essere usato per disinfettare guanti, cellulari, maniglie, rubinetti e pulsanti.

Ma non solo: tecnicamente è anche idoneo all’uso alimentare, per cui può essere utilizzato per disinfettare la frutta e i giochi per gambini. 5.000 pezzi di Alcol Mask sono già stati donati agli operatorie della Protezione Civile, delle Forze dell’Ordine e della Croce Rossa, tutti impegnati in prima linea nella lotta contro il Coronavirus.

Visto che all’azienda sono poi arrivate parecchie richieste, da parte di altre aziende e di privati che hanno tutte la necessità di dover riutilizzare le mascherine monouso, ecco che il prodotto è ora in vendita al prezzo simbolico di 4,50 euro al flacone.

Anche l’utilizzo è molto semplice: basta spruzzare l’esterno della mascherina e lasciar agire per 15 minuti, in modo che l’alcol evapori.

Ricordiamo che anche altre aziende hanno in parte riconvertito la loro produzione per creare prodotti igienizzanti: per esempio è il caso di Grappa Nardini