di Marco Locatelli 11 Ottobre 2019
delpiero

Numero 10 sul campo con la maglia della Juventus e con quella azzurra della nazionale – con la quale si laureò campione del mondo nel 2006 -, e N.10 non poteva che essere anche il nome del ristorante milanese che il calciatore Alex Del Piero ha inaugurato a Milano, in via Monte Grappa, il 10 ottobre (ancora il 10, ovviamente) e che aprirà nei prossimi giorni.

Il N.10 di Alessandro del Piero non è la sua prima “volta” nel mondo della ristorazione: la ex stella del calcio possiede infatti un locale anche a Los Angeles, dove il campione si è trasferito in pianta stabile dopo l’addio al calcio. N.10 non ha però come protagonista il solo attaccante di Conegliano: Alex Del Piero si è lanciato in questa nuova sfida – ma verrebbe quasi da dire “partita” – con altri soci, guidati da Francesco Tafuro. Ma è ovvio – come suggerisce il nome – che è soprattutto nella persona di Alex che questo ristorante andrà a riconoscersi. Un vero e proprio brand N.10, che vede a Milano la sua seconda iterazione: come già detto, il primo ristorante N.10 ha aperto a Los Angeles nell’aprile del 2018.

N.10 vuole essere un ristorante dalla forte italianità, ma che – in una città internazionale come Milano – offrirà probabilmente anche qualche proposta di cucina estera: lo chef è il piemontese Corrado Michelazzo che ha infatti avuto importanti esperienze in Cina.

La filosofia del locale sarà quella del life sharing, quindi, a qualsiasi ora, – come racconta Alex a Vanity Fair “sarà possibile assaggiare bocconi cucinati in show cooking da Corrado Michelazzo, bere un cocktail o una bollicina Ferrari, assaggiare una pizza ad impasto speciale. Il tutto abbinato a una scelta musicale, mentre eventi speciali di terranno ogni 10 del mese. E c’è anche la possibilità di organizzare una serata privata con un menù dedicato, nella “sala Ferrari”. A me piacciono locali così, sempre animati e completi. Piacevoli da vivere per tutto il giorno dove la qualità, l’accoglienza e l’empatia sono gli elementi fondamentali”.

Fonte Immagine: radioliberatutti.it