Animalista tenta di fermare un cacciatore a cavallo, e lui lo travolge

Un animalista inglese ha tentato di ostacolare un cacciatore a cavallo ostruendogli la strada, ma questi non ha esitato a prendere la rincorsa per travolgerlo.

Ah, cerchi di ostruirmi la strada? Non c’è problema, davvero – aspetta solo che prendo la rincorsa. Ci stiamo riferendo a quanto accaduto nella Contea di Hertfordshire, situata a nord di Londra; dove un gruppetto di animalisti si è attivato per tentare di sabotare – con scarso successo, come vedremo fra poco – l’attività di alcuni cacciatori. Un obiettivo con cui il gruppo in questione doveva avere una certa dimestichezza, tanto che i suoi stessi membri non esitano a definirsi “sabotatori della caccia”: il fulcro delle loro operazioni di sabotaggio, come scrivono su Twitter, è quello di “proteggere la fauna selvatica” attraverso azioni non violente. Un cacciatore a cavallo, tuttavia, non l’ha evidentemente presa bene e ha caricato e travolto uno degli animalisti.

Royal Rumble in quel di Hertfordshire

animalista cacciatore cavallo

La scena pare uscita da un remake improvvisato del Trono di Spade, a dirla tutta. I due animalisti in questione sono piazzati a ostruire la strada all’altezza di una staccionata in legno, quando una coppia di cacciatori a cavallo si avvicina per tentare di risolvere la questione senza però ottenere alcun successo. Uno dei due cavalieri, seguito da una folta muta di cani, decide di averne abbastanza e tenta di risolvere la questione a modo suo: prendendo la rincorsa, saltando la staccionata e travolgendo uno dei due attivisti. Mancava solo che urlasse “Per Casa Lannister!”, davvero.

LEGGI ANCHE Salt Bae, gli animalisti non sono i benvenuti: i camerieri li trascinano fuori dal ristorante

A pochi passi di distanza, fortunatamente, c’era un terzo animalista che ha ripreso l’intero incidente: l’impatto con l’animale è brutale, e lascia la vittima stramazzata a terra per qualche istante, visibilmente scossa e disorientata da quanto accaduto. I suoi compagni, increduli e sbalorditi dalla spericolatezza del gesto, non inseguono il cacciatore, che nel frattempo si allontana come se nulla fosse, ma dopo una manciata di secondi si riprendono e non esitano ad alzare la voce per fargli sapere cosa pensano di lui.

La clip si trova ora nelle mani delle autorità locali, che provvederanno senza ombra di dubbio a identificare il cacciatore in questione. Allo stesso tempo, tuttavia, il gruppo di cacciatori di volpi Cottesmore Hunt – a cui evidentemente appartiene il nostro cavallerizzo – ha dichiarato la propria intenzione di “svolgere le opportune indagini per verificare se gli animalisti abbiano commesso un reato“.

Ora, per carità, è vero che la mia libertà finisce dove inizia quella di un altro, ed è altrettanto vero che le proteste degli animalisti tendono, per qualche motivo, a tirare fuori nella gente un torbido senso di soddisfazione nel vederli “sconfitti” – che poi, che senso avrebbe una protesta che non infastidisce nessuno? -; ma travolgerli mentre si è a cavallo ci sembra un po’ eccessivo. Alla prossima puntata che vedremo, decapitazione con tanto di spadone a due mani?