Arzano: sparatoria in un bar, cinque i feriti

Ad Arzano, in provincia di Napoli, si è svolta una sparatoria dentro a un bar: sono cinque i feriti e si pensa a un agguato della Camorra.

bar locale

Andiamo ad Arzano, in provincia di Napoli: qui il bilancio di una sparatoria in un bar è stato di cinque feriti. Secondo le prime indiscrezioni si potrebbe trattare di un agguato collegato alla Camorra (la quale nella zona di Napoli avrebbe preso di mira anche il business della mozzarella).

Il locale in questione sorge in via Ignazio Silone. La settimana scorsa, di sera, a causa di un agguato, diverse persone sono state ferite e ricoverate. Uno di loro, Salvatore Petrillo, un ragazzo di 29 anni sorvegliato speciale e con precedenti, è stato ricoverato in prognosi riservata presso l’ospedale San Giuliano di Giugliano in Campania.

bar

Petrillo potrebbe essere collegato al clan camorristico della 167 (il nome deriva dall’omonimo complesso di edilizia popolare): secondo gli investigatori sarebbe stato proprio lui il bersaglio principale dell’aggressione.

Un altro ferito, Vincenzo Pio Merolla, di 18 anni è stato ricoverato sempre in prognosi riservata presso l’ospedale di Giugliano: anche lui sarebbe in pericolo di vita. È andata meglio a Luigi Casola, un uomo di 39 anni, anche lui con precedente: è stato ferito a una gamba, ma non rischia la vita. Tuttavia sia Petrillo che Merolla che Casola vengono considerati dagli investigatori come collegati al clan della 167.

Infine fra i feriti c’è anche Mario Abate, un anziano di 61 anni che nulla avrebbe a che fare con gli ambienti della criminalità organizzata. L’anziano era andato semplicemente al bar dopo il lavoro per bere una birra.