di Valentina Dirindin 23 Novembre 2020
carabinieri

Ma che brillante idea, quella di un bar di Roma che ha organizzato un “Covid Festival” in pieno coprifuoco! Davvero trasgressiva la possibilità di bere uno spritz dopo le 18, magari brindando al complotto mondiale che ci costringe a chiudere tutto quanto, in Italia come negli Stati Uniti.

È questo che deve aver pensato il gestore del bar della Capitale che ha organizzato un evento in totale disprezzo delle normative vigenti, ed è stato per questo multato e costretto alla chiusura dopo un controllo della polizia. Peraltro, questo meraviglioso Covid Festival era anche stato organizzato in maniera molto intelligente, a prova di ogni controllo verrebbe da dire, visto che erano state affisse locandine che lo annunciavano orgogliosamente per le strade di tutto il quartiere.

Segretissimo, insomma. Inizio alle ore 18, giusto in tempo per andare oltre le norme vigenti, con alcol e buffet a oltranza. Strano che alla festa, organizzata dal bar in zona Tiburtina, si siano presentati anche gli agenti della polizia locale. Chi avrebbe potuto aspettarsi che avessero voglia di partecipare al Covid festival? Invece, eccoli lì, pronti a rovinare i festeggiamenti imponendo lo stop alle danze e costringendo il locale alla chiusura, denunciando e sanzionando il suo titolare.

[Il Messaggero]