di Elisa Erriu 11 Novembre 2020
birra-guinness-senza-alcol-contaminazione

È durata poco la birra senza alcol marcata Guinness sui supermercati inglesi. E non perché è andata a ruba. La nota azienda irlandese ha comunicato il ritiro del prodotto a causa di una “contaminazione”.

Ufficialmente, la versione alcol free della birra di St James’s Gate è stata rilasciata prima per i consumatori della Gran Bretagna, a partire dal 26 ottobre. Vi ricordate quando ne parlavamo? I colossi della Guinness hanno impiegato anni per affrontare la realtà che il mercato della birra analcolica fosse in crescita e che anche loro ne volevano spillare un po’ di quello spumeggiante business. Ma alla fine erano riusciti a realizzarla, la Guinness 0.0, ottenendo lo stesso gusto “inconfondibilmente Guinness, solo senza alcool”. E per di più ipocalorica.

Ma oggi, il retrofront: a causa di una «contaminazione microbiologica» potenzialmente pericolosa, la birra scura irlandese è stata ritirata dal commercio in Inghilterra, Scozia e Galles come «misura precauzionale».

«Ci dispiace che sia successo – si rammarica l’azienda. La produzione riprenderà solo quando saremo completamente soddisfatti di aver eliminato la causa del problema».

 

La stessa azienda inoltre ha esortato i clienti a restituire le lattine e di contattarli per ottenere un rimborso. Nella stessa dichiarazione, è stato anche sottolineato come il problema sia isolato e riguardi solo il nuovo prodotto, non tutte le altre varianti della loro birra.

[ Fonte: ANSA ]