di Marco Locatelli 30 Aprile 2021

Birra Peroni festeggia i 175 della sua storia annunciando grandi cambiamenti grafici, una nuova campagna di comunicazione e l’utilizzo della tecnologia blockchain, per tracciare il malto 100% italiano della sua filiera.

Da oggi – si legge nel comunicato stampa – la bottiglia diventa a tutti gli effetti una fonte di informazioni per il consumatore che, scansionando il QR Code posizionato sul collarino di ogni singola bottiglia, sarà in grado di conoscere il percorso del prodotto nella sua interezza, dal campo d’orzo dell’agricoltore allo scaffale, all’esperienza di gusto.

Birra Peroni ha realizzato questo progetto di mappatura e controllo per garantire la qualità dei propri prodotti attraverso l’utilizzo della blockchain, applicata su tutta la sua filiera produttiva.

L’etichetta, confermando i valori della tradizione, diventa più pulita e lineare e coglie ancora una volta l’occasione per sottolineare la sua italianità. Nel pack campeggiano infatti le diciture “indiscutibilmente italiana”, “prodotta a Roma, Padova e Bari” e “malto 100% italiano”.

“Oggi rilanciamo la gamma Peroni e annunciamo un futuro che è iniziato 175 anni fa”, ha sottolineato Enrico Galasso, Amministratore Delegato di Birra Peroni. “Vogliamo mettere Birra Peroni al centro di un’Italia che, mai come oggi, ha bisogno di sentirsi unita. E mai come oggi se c’è qualcosa che ci unisce, è Peroni!”.

“Il nostro è un processo di grandi cambiamenti” continua Galasso, “non solo nell’identità visiva, più contemporanea e moderna, ma anche nella maniera in cui comunichiamo con i nostri consumatori, in modo innovativo, trasparente e diretto attraverso la tecnologia blockchain per tracciare il nostro malto 100% italiano e dare valore ai 1500 agricoltori che ogni giorno in Italia lavorano per garantire la qualità dei nostri ingredienti”.