di Manuela 29 Ottobre 2020
ristorante

A Bologna c’è un ristorante che paga le multe e continua a rimanere aperto dopo le 18. Si tratta del Bistrot Bonaccorsi ed è il suo titolare, Giorgio Perna, a spiegare la situazione: in due giorni ha ricevuto tre multe da 400 euro, ma lui non ci sta, non chiude come previsto dal Dpcm e continua a tenere aperto la sera. Anche perché se chiude dopo le 18, poi rischia di non riaprire più.

Anche in piazza a Bologna si sono tenute le manifestazioni di protesta di commercianti, esercenti e ristoratori contro il nuovo Dpcm. Tuttavia fra di loro spicca Giorgio Perna: lui ha deciso di non rispettare l’obbligo di chiusura delle 18. Il titolare spiega che non si tratta di una protesta (come accaduto a Pesaro), bensì di mera sopravvivenza: se chiude di sera, non riuscirà poi a riaprire mai più.

Inaugurato solamente lo scorso 1 agosto, il Bistrot è aperto dalle 7 del mattino: parte con le colazioni, a pranzo diventa ristorante e pizzeria, nel pomeriggio ci sono gli aperitivi e la sera ritorna il ristorante. Solo che la maggior parte delle entrate le ha la sera: se non tiene aperto, con quello che incassa durante il giorno non riesce a coprire spese e investimenti. Fra di essi, annovera le misure di sanificazione e il fatto che lì lavorino 12 dipendenti, a cui bisogna aggungere la moglie e quattro figli.

Per questo motivo continua a rimanere aperto, collezionando multe su multe.