di Valentina Dirindin 1 Dicembre 2020
Brescia pronti rimborsi per ristoranti bar chiusi durante lockdown

Il vescovo della Diocesi di Brescia, Pierantonio Tremolada, ha deciso di vistare alcune attività commerciali del territorio, come pizzerie e ristoranti, fortemente colpiti dalla crisi economica degli ultimi mesi.

“La pandemia del Covid-19 non è soltanto un’emergenza sanitaria ma costituisce anche una grave crisi economica e del mercato del lavoro che sta avendo un enorme impatto sulla vita delle persone”, ha detto il vescovo annunciando la sua volontà di portare un po’ di conforto a quei locali che stanno subendo più di altri le ricadute economiche delle chiusure e dell’incretezza sul futuro.

Pizzerie, trattorie, ristoranti, ma anche il Teatro Telaio, in rappresentanza del mondo della cultura e dello spettacolo, anch’esso duramente colpito in questo difficile 2020. Un gesto simbolico, certo, ma molto importante nel riconoscimento di un problema che da economico si sta spesso trasformando in umanitario, e che merita l’attenzione di tutti. Così il vescovo ha deciso di provare a “dare vicinanza a tutto il mondo produttivo e a quello dell’assistenza”.

Un messaggio che viene amplificato dall’appoggio di tutta la curia bresciana, che spiega come l’intento del vescovo sia quello di “ esprimere, attraverso il gesto semplice di una visita, la volontà di farsi compagno di viaggio, non per offrire soluzioni o risposte ma per porsi in ascolto dei lavoratori, delle gioie sperimentate grazie al lavoro e soprattutto delle fatiche di questo tempo e pregare per ciascuno”.

[Fonte: Il Giornale di Brescia]

1