buondì motta

La strategia pubblicitaria di Buondì (che a noi piace, piace un sacco) continua a far parlare di sé (non è forse questo lo scopo di una buona pubblicità?) e questa volta fa arrabbiare i Napoletani.

Dopo la famosa famiglia distrutta dagli asteroidi, dopo gli inquietanti zombie al supermercato, ora i protagonisti del nuovo spot sono una famigliola non troppo allegra, che si ritrova ancora assonnata al momento della colazione, e litiga con l’intelligenza artificiale (senza tema di fare pubblicità occulta, la chiameremmo più banalmente Alexa).

Insomma, mentre mamma papà e figlioletti tentano faticosamente di rianimarsi con la colazione a inizio giornata, l’intelligenza artificiale casalinga, quinto membro della famiglia, vuole per forza dire la sua: “ditemi come può una colazione essere golosa e leggera” minacciandoli nel caso non rispondano di rovinargli la mattinata. Come? Accendendo e spegnendo le luci di casa del tutto a caso, ad esempio, o, nella versione che tanto indigna Napoli, facendo partire un pezzo di musica neomelodica partenopea. I bambini apprezzano, i genitori molto meno, e sembrano avere la forte tentazione di scagliare la simil-Alexa fuori dalla finestra. “Buondì Motta, la colazione golosa e leggera a prova di deficienza artificiale”, è il claim politicamente scorretto che prende in giro proprio tutti: la famiglia, la tecnologia e, in questo specifico spot della serie, pure la musica napoletana.

La musica leggera più popolare di Napoli e dintorni, dunque, viene vista dai creativi della Motta come una punizione come un’altra, insomma, cosa che ai Campani sembra non essere andata troppo giù, neanche fosse un Buondì non inzuppato nel latte.

commenti (1)

Accedi / Registrati e lascia un commento

  1. Avatar Andrea ha detto:

    Per prima cosa quella che viene cantata non è canzone Napoletana, ma è un canto “lagnoso”in lingua Napoletana imitando il lamento dei cantanti siciliani che provano a cantare in lingua Napoletana. Informazioni in questo settore napoletano potete rivolgervi anche a me che sono esperto in materia. Andrea Sorrentino