Caccia: in Piemonte si potrà fare anche in elicottero, è polemica

In Piemonte verrà approvato un provvedimento che consente di utilizzare l'elicottero per portare a valle le carcasse degli animali cacciati in quota.

In Piemonte presto si potrà andare a caccia anche in elicottero: almeno così pare se, al netto delle polemiche, verrà approvato in Consiglio Regionale il provvedimento che autorizza l’eliski sulle montagne del Piemonte, anche per portare a valle le carcasse degli animali cacciati, purché vengano nascosti in sacchi neri.

Nonostante le forti opposizioni della minoranza del Consiglio Regionale, pare che il provvedimento passerà. L’autorizzazione a usare l’elicottero è stata pensata a fini turistici: si potrà infatti usare per arrivare in quota e poi scendere con gli sci in sei località in cui sono presenti impianti di risalita: Alagna, Formazza e Macugnaga nel Vco; Sauze d’Oulx, Cesana, Sestriere e Sauze di Cesana nel Torinese.

cervo pixabay

Ma non solo: l’elicottero potrà essere usato anche dai cacciatori che non riescono a riportare a valle le carcasse degli animali cacciati a una quota troppo alta, “unicamente nei giorni in cui è previsto il prelievo venatorio per il recupero di capi abbattuti di cervi” ed “esclusivamente con dispositivi di contenimento tali da impedire la vista durante il trasporto”.

Quest’ultimo punto è considerato ridicolo da alcuni consiglieri, come Francesca Frediani del Movimento 4 ottobre, “Se davvero la maggioranza pensa che sia giusto usare gli elicotteri per trasportare a valle cadaveri di animali, si prenda anche la responsabilità di farlo vedere”, dice la consigliera a Repubblica. Secondo l’opposizione, una simile liberalizzazione dell’utilizzo degli elicotteri “mette a rischio l’ambiente” e “va contro le attuali tendenze di turismo sostenibile e rispettoso della natura”.