di Marco Locatelli 16 Settembre 2020

Il caffè espresso ha il suo marchio di qualità “IEI Approved Product” promosso dall’Istituto Espresso Italiano (IEI) con l’obiettivo di valorizzare l’intera filiera.

Un settore che vale qualcosa come 5 miliardi di euro e che conta quasi 10 mila lavoratori in tutta Italia. Il marchio servirà per testare e approvare i prodotti che contribuiscono alla realizzazione dell’espresso di qualità. IEI, quindi, condurrà test su diversi tipi di prodotti essenziali per l’espresso al bar e rilascerà il marchio IEI Approved Product a quelli che supereranno le prove.

Importante – ricorda IEI in un comunicato stampa – anche l’indotto del business del caffè espresso, a partire dal mercato delle attrezzature professionali come le macchine e i macinodosatori. L’Italia è al primo posto nel mondo per quanto riguarda questi strumenti, con un giro d’affari pari a 500 milioni di euro, di cui 400 sono di export.

Il business del caffè espresso, inoltre, è dinamico e in continua evoluzione: solo nel 2018 sono stati infatti investiti circa 20 milioni di euro.

“Negli ultimi mesi abbiamo comunicato molto sul tema della qualità dell’espresso al bar, affermando ripetutamente che questa è il risultato di una forte integrazione tra le varie componenti della filiera – ha commentato Luigi Morello, presidente IEI – Per lavorare in qualità oltre al caffè, alle attrezzature e al barista, sono necessari una serie di altri strumenti fondamentali. Con il nuovo marchio IEI Approved Product vogliamo premiare quelle aziende che forniscono un supporto essenziale attraverso i filtri per l’acqua, le tazzine, i filtri e le doccette delle macchine per espresso, i prodotti per la pulizia, solo per citarne alcuni”.