di Manuela 20 Ottobre 2020
compleanno

A Capurso, in provincia di Bari, un ristorante è stato chiuso in quanto, al suo interno, era stata organizzata una festa di compleanno con 56 invitati, ignorando del tutto i recenti DPCM volti ad arginare la diffusione del Coronavirus. Peccato solo che al genetliaco si siano presentati anche i Carabinieri.

Il party era stato organizzato sabato scorso da un gruppo di ragazzi per celebrare il 18esimo compleanno di uno di loro. Nessuno dei 56 invitati, però, ha ricordato che con l’ultimo DPCM sono vietate le feste per qualsiasi ricorrenza e che è possibile star seduti solo in sei nei tavoli dei ristoranti.

Questa “dimenticanza”, se sia voluta o meno non è dato saperlo, però non è passata inosservata ai Carabinieri i quali si sono presentati alla festa, interrompendo così il pranzo. Giunti sul posto, i Carabinieri si sono trovati di fronte a ben 56 persone che stavano festeggiando con tavoli apparecchiati e musica per ballare, violando le norme anti Covid-19 del DPCM del 19 ottobre.

Ovviamente la festa è stata subito interrotta e gli invitati hanno dovuto abbandonare la festa. Anche il titolare del locale è stato sanzionato, anche se, per qualche motivo, in maniera più leggera rispetto a quanto accaduto in altre circostanze similari: il gestore si è beccato una multa di soli 280 euro e la chiusura del locale per un giorno solamente.

1