di Valentina Dirindin 6 Gennaio 2020
caramelle

Cosa c’è nelle caramelle gommose che i nostri bambini hanno trovato nelle calze della Befana? Nell’80% dei casi, cotenna di maiale. Almeno, i suoi derivati, con cui viene prodotta all’80% la gelatina alimentare in Europa.

Il 15 % proviene dal sottile strato di derma contenente collagene che si trova tra l’epidermide e lo strato subcutaneo. Il restante 5% di gelatina si ottiene dalle ossa di bovini, suini e pesci. Si tratta delle basi con cui si produce la E441, una componente che è molto probabile che troviate se leggete fra i componenti delle vostre caramelle gommose. In generale, il materiale gelificato con cui viene prodotta la gelatina è costituito da prodotti di scarto, provenienti per lo più da animali da macellazione come bovini e suini. Attenzione dunque se siete vegani: non vi conviene mangiare con troppa leggerezza le caramelle trovate nella calza dell’Epifania.

E in generale, anche se non avete una dieta priva di carne, forse dovreste porvi due domande su cosa state dando ai vostri figli. Naturalmente, esistono delle alternative alla gelatina animale, e in alcuni casi vengono anche utilizzate, ma al momento rappresentano ancora una quota minoritaria del mercato.

[Fonte: Osservatorio Vegan OK]